Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
NIDVALDO
7 ore
Giovane alpinista si ferisce gravemente sul Pilatus
È successo a un 26enne caduto per un centinaio di metri ed elitrasportato in ospedale dalla Rega
ZURIGO
8 ore
Una tragica caduta dall'e-bike
È costata la vita a un'80enne a Regensdorf, investita da un trattore dopo essere finita a terra
NIDVALDO
8 ore
«Mio papà è uscito dalle cure intense, dopo 8 giorni di coma»
Il 55enne era considerato un paziente a rischio, soffrendo di una malattia cronica che colpisce anche i polmoni.
FOTO
VAUD
9 ore
Se il concerto dal balcone finisce con l'arrivo della polizia
È capitato alla cantante losannese Amandine che voleva animare un po' il suo quartiere: «La gente ne ha bisogno»
SVIZZERA
10 ore
Ecco come fa Swisscom a tenerci d'occhio
Condivide i dati di connessione con la Confederazione. Ma se non volete che succeda, c'è un modo per evitarlo.
AUSTRALIA
12 ore
Ci sono 28 svizzeri a bordo della crociera contagiata in Australia
La Artania, che per giorni non ha potuto attraccare a causa del coronavirus. Previsti presto voli di rimpatrio
SVIZZERA
16 ore
«Non è il momento per andare a fare la spesa all'estero»
A Berna si è tenuta la consueta conferenza stampa con diversi rappresentanti della Confederazione.
BERNA
16 ore
Maurer: «Potrebbe essere necessario stanziare nuovi fondi»
«È necessario trovare un equilibrio tra economia e banche»
BERNA
16 ore
Coronavirus, più di 13'000 persone positive
I decessi ammontano a 235. I dati sono stati comunicati dall'Ufficio federale della sanità pubblica
SVIZZERA
20 ore
Koch: «Non c'è penuria di mascherine»
Al momento la Confederazione dispone di circa 17 milioni di maschere protettive
BERNA
21 ore
Berset: «Stiamo correndo una maratona, non i 100 metri»
«Gli esperti sostengono che il virus rimarrà. Dobbiamo ascoltarli. Occorre sviluppare un vaccino».
BERNA
21 ore
Stöckli: «La democrazia e lo stato di diritto non devono essere vittima del coronavirus»
«L'Assemblea federale non deve in alcun caso rinunciare all'obbligo costituzionale di vigilare sul Consiglio federale»
BERNA
1 gior
Uomo uccide l'ex figliastra con cui ha avuto quattro figli
A raccontarlo è la «sorellastra» della vittima: «Mio padre ha già due donne sulla coscienza».
ZURIGO
1 gior
Penuria di personale negli ospedali: c'è la piattaforma
Si chiama Care Now Platform e serve a dislocare i professionisti della sanità a seconda del bisogno.
BERNA
1 gior
Swisscom conferma: gli svizzeri si stanno muovendo meno
L'operatore raccoglie informazioni dalla rete mobile per la Confederazione. In Ticino paralisi evidente.
BERNA
1 gior
Mezzi pubblici fermi, se hai un abbonamento sarai rimborsato
Chi invece è in possesso del metà prezzo non riceverà nulla
BERNA
1 gior
La Posta dice stop ai pacchi ingombranti
Per l'invio di divani, mobili, biciclette sono necessarie più persone. Impossibile garantire il "distanziamento sociale"
SVIZZERA
1 gior
Forzava una donna a prostituirsi, va espulso
Per il Tribunale federale la condanna a 33 mesi di carcere della giustizia zurighese non è sufficiente
SVIZZERA
18.03.2019 - 14:390
Aggiornamento : 14:58

Privatizzazione di Ruag: «Il Governo si sottrae alle sue responsabilità»

Il Gruppo per una Svizzera senza esercito attacca la decisione del Consiglio federale di vendere o privatizzare il settore internazionale

BERNA - A medio termine il settore internazionale e non legato all'esercito di Ruag non sarà più controllato dalla Confederazione. La divisione Ruag International, specializzata nell'aerospazio, sarà scorporata dal resto del gruppo e i rimanenti ambiti verranno venduti. In mani federali resterà soltanto il settore degli armamenti che lavora principalmente per il Dipartimento della difesa (DDPS).

Lo ha comunicato oggi il Consiglio federale, tracciando la futura strategia dell'impresa. Secondo il Governo, il procedimento previsto consentirà di tener conto delle esigenze dell'esercito, degli interessi della Confederazione in quanto proprietaria dell'azienda nonché della piazza lavorativa e tecnologica svizzera. Dal canto suo, per l'amministrazione federale diminuiranno i rischi finanziari.

Stando a una nota governativa odierna, dal primo gennaio 2020, Ruag Holding SA diventerà una nuova società di partecipazione costituita da due subholding: "MRO Svizzera", che lavorerà per l'esercito (circa 2'500 collaboratori e sedi produttive in Svizzera) e "Ruag International", comprendente i rimanenti settori aziendali (circa 6'500 impieghi, di cui due terzi all'estero).

MRO Svizzera - Queste due subholding, tra di loro indipendenti sul piano giuridico e finanziario, saranno gestite separatamente e disporranno di sistemi informatici distinti. Quello di MRO Svizzera sarà integrato nell'architettura di sicurezza del DDPS, in modo da rafforzare ulteriormente la sicurezza informatica dell'azienda, segnatamente in considerazione del cyberattacco del 2016, precisa il comunicato.

Affinché la società di partecipazione e MRO Svizzera continuino ad agire nell'interesse della Confederazione, in qualità di proprietaria, i rispettivi consigli di amministrazione saranno costituiti in maggioranza da membri indipendenti approvati dal Consiglio federale.

Materiale dell'esercito - MRO Svizzera fornirà al Dipartimento della difesa tutte le prestazioni significative per il settore della sicurezza sinora fornite dalla Ruag. Tali prestazioni contemplano in particolare la manutenzione, la riparazione e la revisione (MRO, in inglese sta per "maintenance, repair and overhaul") nonché il mantenimento dell'efficienza dei sistemi determinanti per gli impieghi, quali gli aerei da combattimento. MRO fungerà pertanto da centro di competenza per il materiale dell'Esercito svizzero.

In misura limitata, MRO Svizzera potrà svolgere attività anche con terzi, tuttavia unicamente a partire dalla Confederazione e soltanto in presenza di sinergie con le commesse per l'esercito, ad esempio nell'ambito della manutenzione di elicotteri.

Vendite - Gli altri settori saranno sottoposti provvisoriamente a Ruag International. Buona parte di essi sarà venduta, per un valore globale stimato in 500 milioni di franchi. In particolare, saranno interessati dalla vendita le unità "Cyber" e "MRO International". Dal canto suo, la divisione Ruag Ammotec, che si occupa delle munizioni di piccolo calibro, sarà venduta ma ad una condizione ben precisa: il sito di Thun dovrà restare in esercizio.

RUAG Ammotec ha in organico attualmente 2'000 persone di cui 300 in Svizzera. Il Consiglio federale ritiene che la sua vendita non avrà un impatto sulla sicurezza dell'approvvigionamento dell'esercito. Già oggi, i siti di produzione in Svizzera dipendono da componenti (polvere, elementi d'accensione) che provengono dall'estero.

Aerospaziale - Una parte dei soldi ricavati dalle vendite sarà reinvestito in un nuovo gruppo aerospaziale, che verrà privatizzato. In mancanza di basi legali, la Confederazione non può detenere a lungo termine una partecipazione in un gruppo tecnologico di questo tipo. Inoltre, il Consiglio federale non intravvede alcun interesse pubblico e i rischi finanziari per la Confederazione sono troppo elevati.

Il gruppo Aerospace dovrebbe profilarsi in principio nel settore civile. L'idea è di focalizzarsi unicamente sullo spazio (troppo concentrato negli Stati Uniti) o l'aeronautica (troppo dipendente da Airbus) è stata per il momento scartata. Si tratta, secondo il Consiglio federale, di sviluppare un'impresa attrattiva a carattere elvetico. Il know-how resterà in Svizzera. Ruag sottoporrà quest'anno un piano d'attuazione.

Il valore dell'impresa è stimato tra i 500 e i 700 milioni di franchi. La privatizzazione, che potrebbe avvenire negli anni successivi al 2021, dovrebbe farsi tramite un ingresso in borsa. Nulla è ancora deciso definitivamente. Se questa strategia non funzionasse, una vendita completa di tutti i settori di RUAG International potrebbe essere prevista.

«Il Governo si sottrae alle proprie responsabilità» - Privatizzando il settore internazionale di Ruag il Consiglio federale vuole semplicemente sottrarsi alle sue responsabilità in materia di esportazione di materiale bellico: lo sostiene il Gruppo per una Svizzera senza esercito (GSsE).

Il governo - argomenta l'associazione in un comunicato - rinuncia all'ultima possibilità di influenzare direttamente l'export di munizione di piccolo calibro, granate a mano e sistemi di addestramento. «Appare evidente che il Consiglio federale, attraverso la privatizzazione, voglia agevolare affari impopolari».

In futuro potrebbe quindi essere essere possibile l'esistenza di fabbriche di munizioni svizzere in Brasile, afferma il segretario del GSsE Lewin Lempert, citato nella nota. A suo avviso i nuovi passi dell'esecutivo «mostrano ancora una volta che l'industria degli armamenti elvetica ha molto poco a che fare con la difesa nazionale, ma molto con la ricerca di profitto».
 
 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Danny50 1 anno fa su tio
Avanti a distruggere la Svizzera. Perché non vendere al Quatar il palazzo federale e poi affittarlo per 5 anni, il tempo di sopravvivenza della Svizzera ?
TI.CH 1 anno fa su tio
Questi vogliono smontare la Svizzera. una nazione senza esercito non esiste, se una nazione non ha un proprio esercito ne avrà in ogni caso uno, ma sarà un esercito di occupazione. Speriamo che il Consiglio Federale non faccia un'altra C...... come con la posta e le ferrovie. Cosa che a questo punto sarebbe molto pericolosa per il nostro paese. VIVA LA Svizzera paese libero e sovrano.
Galium 1 anno fa su tio
Il GSsE ha perfettamente ragione. Un settore critico come quello militare è meglio che resti sotto il controllo dello stato, specialmente per la parte che riguarda l'esportazione di armamenti. Purtroppo i partiti borghesi, PLR in primis, agiscono esclusivamente in una logica di profitto.
Thor61 1 anno fa su tio
Se per privatizzare si intende fare come è stato fatto con LaPosta, Swisscom, Billag, FFS e moltissimo altro siamo all'enesima presa per il cxxo da parte dei CF e della politica! ### L'intento è il solito, far cassa per loro lasciando sempre le spese sul gobbo del popolo!!!
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-03-29 07:33:32 | 91.208.130.87