Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
ITALIA
6 ore
Residente in Svizzera travolge e uccide un ciclista
Inutile l'intervento dei soccorsi. Le ferite riportate dal 33enne erano troppo gravi
ZURIGO
8 ore
Approvato il piano regolatore per un nuovo stadio
Incombe tuttavia la minaccia del referendum: secondo l'associazione IG Freiräume Zürich West il progetto dovrebbe meglio considerare gli aspetti ambientali e sociali
NEUCHÂTEL
8 ore
Condannato ex pastore per aver avuto una relazione con una minorenne
Il ragazzino si era presentato come maggiorenne. L'uomo è stato denunciato dalla madre dell'adolescente
SVIZZERA
11 ore
Via la cittadinanza ad una 30enne radicalizzata
La SEM ha avviato la procedura. La donna, attualmente si troverebbe in Siria, è sospettata di aver svolto attività legate al terrorismo nel Paese
BASILEA CITTÀ
12 ore
Il Parlamento cantonale chiede un congedo parentale di 24 settimane
Luce verde ad una mozione del Partito socialista. La misura andrebbe ad aggiungersi all'attuale congedo maternità
SVIZZERA
12 ore
Violentò donne e bambini, ora chiede il suicidio assistito
Negli anni '70 e '80 Peter Vogt ha violentato oltre una decina di donne e bambini. Ora vorrebbe farla finita, ma sul caso si stanno chinando le autorità
SVIZZERA / ITALIA
13 ore
«Mi hanno rapita e uno ha allungato le mani»
Un «racconto da brividi» quello fornito dalla svizzera, prima scomparsa e poi ritrovata ad Agrigento. Si sospetta la violenza sessuale, ma è da verificare l'attendibilità della giovane
ZURIGO
13 ore
Carlos ha colpito ancora, secondini e detenuti
Il giovane delinquente zurighese verrà processato settimana prossima per una serie di episodi - almeno 19 - avvenuti in carcere
BASILEA CITTÀ
14 ore
Cade dalla bici e viene travolto da un camion
La vittima è un anziano non ancora identificato. Stava procedendo sulla Austrasse fra i binari del tram e una serie di veicoli posteggiati sul lato destro della strada
SVIZZERA
14 ore
Monica Duca Widmer presidente del nuovo cda della RUAG
Oltre alla ticinese, ne faranno parte Monika Krüsi Schädle e Ariane Richter Merz. A loro si aggiungono Nicolas Perrin per la MRO Svizzera e Remo Lütolf per la RUAG International
BASILEA CITTÀ
15 ore
Sì al taglio dell'imposizione dei dividendi
Il Gran consiglio di Basilea Città ha approvato una mozione che chiede di sottoporre a tassazione i redditi in questione solo nella misura del 60%, contro l'80% appena deciso
BERNA
15 ore
Pascal Strupler lascia la direzione dell'UFSP
Berset è ora alla ricerca di un nuovo capoufficio. Il posto sarà messo a concorso
SVIZZERA
16 ore
Vendemmia, poca uva in Romandia
Le quote di produzione fissate - inferiori a quelle dell'anno scorso, una misura volta a evitare un calo dei prezzi - non sono state raggiunte. La qualità però dovrebbe essere buona
VAUD / ZURIGO
16 ore
Aggredì un'operatrice con una roncola: pena confermata
La 38enne ivoriana dovrà scontrare 18 anni. Il fatto avvenne in un centro per richiedenti asilo di Embrach nel 2015
GINEVRA
17 ore
Curdo si cosparge di benzina e si dà fuoco
È successo davanti all'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati. L'uomo è stato ricoverato al CHUV di Losanna
SVIZZERA
20.02.2019 - 06:000

Iniziativa delle Alpi, dopo 25 anni di strada da fare ce n'è ancora

Il 20 febbraio 1994, il popolo svizzero approvò la politica di trasferimento del traffico merci dalla strada alla rotaia. Oggi l'obiettivo non è però stato completamente raggiunto

BERNA - Il 20 febbraio 1994, il popolo svizzero adottava l'iniziativa delle Alpi. A venticinque anni dal voto i promotori non intendono abbassare la guardia: continueranno ad impegnarsi per la protezione di questo territorio, focalizzando le proprie attività sul cambiamento climatico e sulla riduzione di emissioni di CO2.

L'obiettivo dell'iniziativa - il trasferimento del traffico merci dalla strada alla rotaia - non è stato completamente raggiunto, ma malgrado ciò il presidente dell'organizzazione di allora, Jon Pult, si dice contento. Si è trattato di un movimento popolare di grande successo, nato dal basso, e «nonostante i difetti il bicchiere è mezzo pieno», afferma all'agenzia di stampa Keystone-ATS.

La legge federale sul trasferimento dalla strada alla ferrovia del traffico merci pesante attraverso le Alpi stabilisce che due anni dopo l'apertura della galleria ferroviaria di base del San Gottardo - vale a dire dal 2018 - possano transitare al massimo 650'000 camion. Questo obiettivo non è stato raggiunto. I dati per il 2018 non sono ancora disponibili, ma nei primi sei mesi dell'anno i transiti sono stati 477'000.

Uno dei successi dell'iniziativa è però il calo del numero di autocarri che varcano annualmente le Alpi svizzere. Se nel 2001 avevano raggiunto quota 1,4 milioni, oggi sono meno di un milione e continuano a diminuire.

La situazione è differente nei Paesi confinanti: ogni anno oltre 2 milioni di camion percorrono per esempio la strada del Brennero, più del doppio di quelli che transitano lungo i quattro grandi valichi alpini svizzeri del San Gottardo, del San Bernardino, del Sempione e del Gran San Bernardo.

Oggi oltre il 70% delle merci che transita in Svizzera attraversa le Alpi su rotaia. La capacità ferroviaria non è però ancora sfruttata al massimo e da anni l'Iniziativa delle Alpi chiede al Consiglio federale di aumentare la tassa sul traffico pesante commisurata alle prestazioni (TTPCP).

Secondo Pult un intervento di questo tipo renderebbe le ferrovie più competitive, in particolare per quanto riguarda i prezzi. A suo avviso, «a medio termine nel calcolo della tassa sul traffico pesante dovrebbero essere prese in considerazione anche le emissioni di CO2 degli autocarri».

ASTAG contraria - L'Associazione svizzera dei trasportatori stradali (ASTAG) non ci sta. Con i miliardi pagati nel corso degli anni il settore del trasporto stradale ha ampiamente contribuito ai progressi ottenuti, indica una nota diffusa oggi. L'organizzazione preferisce una collaborazione fra tutti i metodi di trasporto e chiede che vengano finalmente colmate, come da tempo promesso, le lacune ferroviarie in Italia e soprattutto in Germania.

ASTAG sottolinea pure i progressi effettuati nell'ammodernamento dei veicoli, che hanno ridotto le emissioni, e respinge qualsiasi progetto di borsa dei transiti alpini (BTA).

Agli occhi di Pult, quest'ultima rappresenterebbe invece una svolta per l'intera regione alpina. Il Consiglio federale non ha mai cercato di avviare colloqui con l'UE in questo ambito. «Abbiamo la speranza - continua Pult - che la nuova ministra dei trasporti, Simonetta Sommaruga, attribuirà maggiore importanza alla politica di trasferimento modale rispetto a Doris Leuthard».

Riduzione emissioni CO2 - L'Iniziativa delle Alpi non intende in ogni caso abbassare la guardia e seguirà da vicino la costruzione del secondo traforo stradale al San Gottardo, il cui cantiere inizierà nel 2020. Con la nuova canna non dovrà essere aumentata la capacità di transito, come promesso dal Consiglio federale.

In futuro i rappresentati dell'organizzazione intendono continuare a battersi per la protezione delle Alpi dal traffico di transito. «È chiaro che il problema maggiore per queste montagne è il cambiamento climatico e il conseguente scioglimento dei ghiacciai», conclude Pult, fissando quale obiettivo primario la riduzione delle emissioni di CO2.

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-10-24 04:47:12 | 91.208.130.87