Keystone
L'Amministrazione federale delle dogane ha individuato 926 trasporti illegali in due anni.
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
2 min
La Croce Rossa è alla ricerca di fondi: «Servono 225 milioni»
SVIZZERA
30 min
Quella "fusionite" che fa bene alla borsa
SVIZZERA
33 min
Divieto di fumo nelle stazioni: «Transizione soft»
SVIZZERA
1 ora
Onda ecologista in Europa: «Un antidoto contro il populismo»
SVIZZERA
1 ora
Stadler Rail ottiene un contratto da 100 milioni in Norvegia
SVIZZERA
1 ora
Novartis: l'autorizzazione del farmaco più caro della storia piace
SVIZZERA
1 ora
È stato un inverno positivo per il turismo (e in vista c'è una buona estate)
SVIZZERA
2 ore
Su Galaxus da adesso si possono comprare anche le automobili
BERNA
2 ore
Il generale Li Zuocheng in visita in Svizzera
BERNA
2 ore
Gli uomini litigano di più, le donne più a lungo
SAN GALLO
2 ore
Marcel Dobler si candida agli Stati
SVIZZERA
2 ore
Un’altra estate stracalda è una minaccia per la natura
SVIZZERA
2 ore
Niente più esternalizzazioni per Zürich
SVIZZERA
3 ore
In seno al PS nasce un gruppo che vuole l'Europa
SVIZZERA
3 ore
E-trottinette selvagge? «Si facciano più multe»
SVIZZERA
12.02.2019 - 15:080
Aggiornamento : 17:18

Quel migliaio di autobus esteri "illegali" fermati in dogana

Tra l'autunno del 2015 e l'autunno del 2017 l'Amministrazione federale delle dogane ha individuato 926 trasporti interni vietati. Aperta un'indagine penale contro due società

BERNA - Tra l'autunno del 2015 e l'autunno del 2017, l'Amministrazione federale delle dogane (AFD) ha individuato 926 trasporti interni illegali con autobus immatricolati all'estero. Un'indagine penale è stata condotta contro due società, che devono pagare tasse arretrate per 645'000 franchi.

Sono inoltre da prevedere multe salate per ripetuta violazione della legge sulle dogane, sull'imposta sul valore aggiunto (IVA) e sull'imposta sui veicoli pesanti, riferisce un comunicato odierno dell'AFD. Sei persone sono state incriminate. Le due compagnie di pullman sono domiciliate sia in Svizzera che all'estero e hanno utilizzato 41 autobus stranieri. Gli autisti quando sono entrati in Svizzera non hanno sdoganato i mezzi. Inoltre non sempre hanno pagato la tassa sui veicoli pesanti.


Tipress
Un'indagine penale è stata condotta contro due società

La mancata registrazione degli autobus ha dato un vantaggio competitivo rispetto alle imprese di trasporto svizzere. Queste ultime devono pagare i dazi di importazione per i loro pullman, che inoltre devono essere immatricolati in Svizzera, sottolinea l'AFD. Il cabotaggio, ossia il trasporto di beni e persone all'interno del Paese tramite veicoli immatricolati all'estero, è proibito in Svizzera.


Tipress
Esse dovranno pagare tasse arretrate per 645'000 franchi.

Le imprese di trasporto non percorrevano una tratta fissa ma effettuavano percorsi diversi, ha detto all'agenzia di notizie Keystone-ATS un portavoce dell'AFD. Quest'ultimo non ha fornito informazioni più concrete per motivi di protezione dei dati e perché le indagini non sono ancora concluse. Sono stati inoltrati ricorsi contro le inchieste penali e la presunzione di innocenza vale fino alla sentenza definitiva, sottolinea l'agenzia doganale.


Tipress
Sei persone sono state incriminate.

Tipress
Guarda le 4 immagini
Commenti
 
lo spiaggiato 3 mesi fa su tio
Gulp!...
LAMIA 3 mesi fa su tio
Se vengono indicati 926 casi accertati i traporti riusciti sono 5 volte tanto! Come ai tempi d oro dei contrabbandieri, 1 lo prendevi e 10 passavano !
Danny50 3 mesi fa su tio
W SCHENGEN Aprite le dogane che entrano tutti.
skorpio 3 mesi fa su tio
articolo inutile senza il nome di queste società....
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-05-27 12:04:11 | 91.208.130.87