Keystone
SVIZZERA
20.11.2018 - 16:080

Addio alle fiere Züspa e Comptoir Suisse

La chiusura di un'epoca nelle due grandi città è stata annunciata oggi dalla società che organizza le esposizioni, il gruppo renano MCH

BASILEA - È la fine per due grandi fiere generaliste svizzere, la zurighese Züspa e il Comptoir Suisse di Losanna: la prima avrebbe dovuto festeggiare nel 2019 i 70 anni, la seconda addirittura il secolo di vita.

La chiusura di un'epoca nelle due grandi città è stata annunciata oggi dalla società che organizza le esposizioni, il gruppo renano MCH. Alla fine di giugno l'azienda aveva già annunciato che la Muba - la fiera di Basilea - avrebbe vissuto l'anno prossimo la sua ultima edizione. Al posto di questi appuntamenti sarà sviluppato un progetto espositivo nazionale, ha fatto sapere MCH senza peraltro fornire dettagli in merito.

A influenzare le scelte di MCH è stato il numero costantemente in calo dei visitatori: la 99esima edizione del Comptoir Suisse ha attirato 61'000 persone, contro le 570'000 che arrivavano nel 1997 o addirittura l'oltre 1 milione del 1986. Da parte sua la Züspa nel 2017 ha registrato 102'000 entrate.

Pesano le nuove abitudini di acquisto, la diffusione del commercio online e le compere oltre frontiera. Inoltre MCH è alle prese con un altro difficile dossier, quello del salone del settore orologiero Baselword: l'edizione 2019 si farà, ma il futuro resta incerto, considerata la defezione di Swatch.

La borsa non ha reagito bene alle novità odierne. Il titolo MCH è arrivato a perdere oltre il 3%. Dall'inizio dell'anno l'azione ha perso oltre il 60% del suo valore. Va anche ricordato che la società presenta importanti quote detenute da enti pubblici: secondo il rapporto d'esercizio 2017 il 33,5% è in mano a Basilea Città, il 7,8% a Basilea Campagna, il 4% al canton Zurigo e il 3,7% alla città di Zurigo.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-09-19 15:13:58 | 91.208.130.87