Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
BERNA
18 min
Fallimento Thomas Cook: una novantina gli svizzeri interessati
VAUD
1 ora
Pista di ghiaccio a Malley, dopo i lavori spazio all'hockey
SAN GALLO
1 ora
Duemila chilometri in tre giorni, fermato camionista-stacanovista
SVIZZERA / REGNO UNITO
1 ora
Thomas Cook, a Zermatt non piace il "piano Matterhorn"
SVIZZERA
1 ora
Credit Suisse ai dipendenti: «Concentratevi sui clienti, non su Khan»
TURGOVIA
3 ore
Tremila pazienti psichiatrici sottoposti a test con farmaci
ZURIGO
3 ore
Ora parla Swiss Life: «L'offerta di Manor era irrealistica»
SVIZZERA
3 ore
Meno morti e meno feriti sulle strade svizzere
VAUD
4 ore
Il Governo vodese sostiene l'iniziativa per una cassa malati cantonale
SVIZZERA
5 ore
Prima viaggi, poi paghi. Dall'anno prossimo lo si potrà fare
SVIZZERA / BRASILE
6 ore
Evase a Zugo nel 2010, riacciuffato in Brasile
URI
6 ore
Ubriaco, cerca di scappare dalla polizia. Nei guai un 33enne
SVIZZERA
6 ore
Il contenuto della valigia di Emeka Obi sarà trasmesso all'Italia
ZURIGO
6 ore
Trema la Bahnhofstrasse, la Manor se ne va
ZURIGO
6 ore
Manor via dalla Bahnhofstrasse: «La città è profondamente rammaricata»
SVIZZERA
29.10.2018 - 11:410
Aggiornamento : 18:35

Le statistiche a Neuchâtel da 20 anni

L'Ufficio federale in precedenza era suddiviso in diverse sedi nel canton Berna

NEUCHÂTEL - L'Ufficio federale di statistica (UST) ha festeggiato oggi i 20 anni del suo trasferimento a Neuchâtel, operazione che ha raggruppato in un unico luogo le unità prima sparse in 13 diverse sedi bernesi.

In occasione dell'anniversario, l'UST ha invitato numerose personalità locali, tra cui i consiglieri di Stato Laurent Kurth e Jean-Nathanaël Karakash, il rettore dell'Università Kilian Stoffel e la presidente del consiglio comunale Christine Gaillard. Il Dipartimento federale dell'interno (DFI), responsabile dell'UST, è rappresentato dal segretario generale Lukas Bruhin.

La scelta del capoluogo neocastellano è avvenuto nell'ambito del programma di decentramento dell'Amministrazione federale rafforzandone la rappresentanza francofona nella regione di Neuchâtel, spiega l'UST. Quest'ultimo alla fine del 2017 contava 678 posti di lavoro a tempo pieno, per un totale di 814 dipendenti, il 53,3% dei quali francofoni.

Erano circa un quarto prima del 1998, ha ricordato il locarnese Carlo Malaguerra, che ha diretto l'UST per 14 anni, fino al 2002. La riunione di tutte le forze dell'ufficio in un solo luogo è stata anche «un successo professionale». Ma - ha aggiunto - tra la decisione del Consiglio federale di spostarlo nel 1986 e il 1998 «ci sono stati anni ingrati, nei quali gli effettivi si erano dimezzati poiché gli impiegati non volevano venire a lavorare a Neuchâtel».

Il trasloco ha poi permesso all'UST di «guadagnarsi visibilità e credibilità». Nel passato - ha sottolineato l'ex direttore - non aveva una buona reputazione: vi si trasferivano i funzionari «di cui non si sapeva cosa fare, spesso dei casi sociali», poiché si riteneva che fosse sufficiente saper far di conto per lavorarvi.

Allora la Svizzera «non aveva la capacità di fornire dati su numerosi aspetti, in particolare sulla sua situazione economica». Grazie a una modifica delle basi legali e dei metodi di lavoro, la delocalizzazione ha permesso all'UST di compiere il passo verso la modernità, ha riassunto Malaguerra.

L'arrivo dell'UST Neuchâtel ha dato molti impulsi, ha affermato Jean-Nathanaël Karakash, capo del dipartimento cantonale dell'economia e dell'azione sociale. La sua integrazione nel tessuto accademico ed economico ha contribuito a stimolare la ricerca e la formazione nella regione. È un polo di impieghi che offre posti a forte valore aggiunto nel cantone, ha rilevato.

Commenti
 
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-09-23 18:21:57 | 91.208.130.87