Keystone
ZURIGO
17.09.2018 - 06:100
Aggiornamento : 10:36

Troppi incidenti mortali tra i contadini: «Ci vuole l'obbligo delle cinture»

Sono già 30, quest'anno, gli infortuni con esito letale in agricoltura. Nel 2017 erano 23. Una causa sarebbe la siccità

ZURIGO - Cresce in maniera preoccupante il numero di incidenti mortali tra i contadini. Nell’anno in corso sono già 30 gli agricoltori che hanno perso la vita sul lavoro, fa sapere il Servizio protezione infortuni in agricoltura (SPIA). Nel 2017 erano stati 23.

«Quest’anno constatiamo un aumento degli incidenti particolarmente gravi», spiega Thomas Bachmann, direttore tecnico dello SPIA. Nella maggior parte dei casi gli incidenti coinvolgono trattori e transporter e le vittime sono innanzitutto contadini anziani. In seconda battuta i più giovani. «Questi casi mi fanno riflettere», afferma Bachmann.

Il numero di incidenti continuava a scendere leggermente da alcuni anni. Per Bachmann, l’attuale recrudescenza sarebbe causata dalla siccità, che determina un suolo più duro e scarsa aderenza. Inoltre, aggiunge, le cinture di sicurezza rimangono ampiamente ignorate in agricoltura:  «Noi chiediamo l’obbligo di indossare la cintura di sicurezza su tutti i terreni», dichiara il direttore tecnico dello SPIA. «Le cinture potrebbero evitare qualche incidente mortale», aggiunge.

Markus Ritter, presidente dell’Unione svizzera dei contadini, sottolinea che i pericoli in agricoltura sono più numerosi che in altre professioni a causa non solo delle presenza di animali e dell’utilizzo di macchinari, ma, soprattutto, per via dei terreni difficili su cui ci si trova ad operare: «Sui pendii più ripidi basta un solo piccolo errore perché la situazione diventi pericolosa e un mezzo finisca per ribaltarsi», afferma.  

Ne sa qualcosa L.H.*, 58enne di Egolzwil (LU), che lo scorso giugno stava facendo il fieno su un terreno scosceso quando ha perso il controllo del trattore. Il mezzo è finito in una scarpata e si è capovolto. Lui ne è uscito con una ferita alla testa e una vertebra fratturata: «Potevo lasciarci la pelle o rimanere paralizzato», commenta.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
F.Netri 2 anni fa su tio
aha aha aha aha !!!! Le cinture!!! aha aha aha aha !!!! E il casco!!! aha aha aha aha !!!!
curzio 2 anni fa su tio
@F.Netri E un salvagente se dovesse finire in un lago...
negang 2 anni fa su tio
Non servono le cinture se non hai il roll bar ovvero quella barra che non permette al mezzo capovolto di schiacciare il conducente. Un mezzo agricolo quando si ribalta di solito non ha nulla oltre l'altezza del sedile del conducente, trattori, macchine taglia erba e tantissimi altri mezzi agricoli. Le cinture servono a non far sbalzare il conducente dal sedile ma se rimane ancorato al sedile verrebbe sicuramente schiacciato senza il roll bar. Quindi le 2 cose devono andare assieme oltre a progettare mezzi in modo diverso, già' protetti. Certo che se capitano tanti incidenti adesso e una volta meno significa anche che chi li guida non ha più' la stessa furbizia o scuola che avevano i predecessori.
centauro 2 anni fa su tio
@negang Vero tutto ciò che scrivi, io penso che la quasi totalità delle vittime mortali abbiano utilizzato mezzi senza cabina di epoche passate, non so cosa dicano le norme ma mi sembra che mettere in commercio trattori senza roll-bar o cabina sia fuori dalle regole.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-02-27 02:15:50 | 91.208.130.87