Keystone
GRIGIONI
03.08.2018 - 16:220
Aggiornamento : 20:08

Leuthard inaugura il parco degli orsi

Taglio del nastro per il nuovo centro di Arosa: grande più di quattro campi di calcio accoglierà cinque plantigradi

AROSA - La consigliera federale Doris Leuthard ha inaugurato oggi il centro di protezione degli orsi di Arosa (GR), chiamato Bärenland. La nuova area è grande più di quattro campi da calcio.

Nel suo discorso, la ministra dell'ambiente ha sottolineato come l'orso si imponga quale simbolo di forza naturale, affascini come onnivoro e polarizzi con l'essere predatore. Leuthard ha ricordato anche quanto in passato i plantigradi fossero diffusi nei Grigioni.

La consigliera federale si è detta convinta che il Bärenland - così come già successo per il Parco degli orsi a Berna - aiuterà a sensibilizzare le persone, avvicinandole alla comprensione di questo animale. In tal senso, è necessario avere una visione realistica: non parliamo né di una bestia pronta al massacro né di un morbido pupazzo.

L'inaugurazione segue una fase preparatoria di otto anni. Il primo abitante si chiama Napa e arriva direttamente da un circo serbo. Si tratta di un maschio di 12 anni alto 2,40 metri e dal peso di 350 kg. In totale il parco ospiterà cinque orsi.

Con il Bärenland la località turistica di Arosa spera di aumentare la sua attrattiva nel periodo estivo. Il potenziale del centro di protezione - finanziato dall'associazione "Vier pfoten" e da sponsor - è valutato attorno agli 80'000 visitatori aggiuntivi.

La costruzione dell'opera è costata 6,5 milioni di franchi. Il Canton Grigioni ha valutato il parco come infrastruttura sistemica rilevante per il turismo e ha contribuito con 1,2 milioni.
 
 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-08-15 07:50:02 | 91.208.130.85