Keystone
VAUD
20.05.2018 - 11:330
Aggiornamento : 13:47

Jérôme Sobel lascia la presidenza di Exit

A fine aprile il 65enne ha rimesso il suo mandato ai due nuovi copresidenti: «Voglio avere più tempo per la famiglia e per le mie passioni. Resterò comunque a disposizione come medico»

LOSANNA - Il presidente della sezione romanda di Exit, Jérôme Sobel, ha lasciato la testa dell'associazione di aiuto al suicidio. A fine aprile rimesso il suo mandato ai due nuovi copresidenti Gabriela Jaunin e Jean-Jacques Bise.

Il medico 65enne, che dirigeva Exit per la svizzera francese dal 2000, si dedicherà di più alla famiglia e alle sue passioni, pur proseguendo l'attività di dottore. Rimarrà comunque a disposizione di Exit quale consulente medico, precisa lo stesso in un'intervista pubblicata oggi da Matin Dimanche.

«Come presidente sono stato garante dei suicidi assistiti di circa circa duemila persone e me ne assumo la responsabilità. All'inizio ho prestato assistenza in numerosi casi, poiché eravamo solo in tre o quattro da accompagnare le persone nel suicido. Ora ci sono oltre trenta accompagnatori», dice Jérôme Sobel al domenicale.

L'anno scorso Exit ha praticato 286 suicidi assistiti in Svizzera romanda, a fronte dei 17 del 2001. Sobel auspica ardentemente che l'associazione possa un giorno sparire e che la sua attività venga presa a carico dai medici di famiglia. «Sono convinto che la mia azione si stata giusta. Il codice penale impone dei limiti che rispettiamo. Abbiamo sempre agito nella trasparenza e ogni volta che abbiamo accompagnato qualcuno per il suicidio lo abbiamo sempre annunciato alla giustizia. Rifiutiamo anche alcune sollecitazioni (...). Non siamo dei Terminator», sottolinea Sobel.

Commenti
 
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-10-17 10:38:03 | 91.208.130.86