keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
4 ore
Gli accompagnatori in montagna uniti sotto un unico tetto
Asam e Asgm si sono fuse creando così un'associazione ombrello per la professione, la presidente: «Segnale di autorevolezza»
GRIGIONI
4 ore
Dramma sulle piste, grave una bimba: «Bisogna adeguare sempre la velocità»
L'incidente avvenuto sabato ad Arosa riapre il dibattito sui baby-sciatori travolti dagli adulti, l'esperto: «Divieti e limiti non servono»
BASILEA CITTÀ
5 ore
L'identikit del serial-killer svizzero: uomo, adulto, incensurato e sposato
Lo hanno stilato degli esperti basilesi che hanno preso in considerazione 33 assassini plurimi, e i risultati sono davvero sorprendenti
URI
9 ore
Colpo di sonno sull’A2, si ribalta con il furgoncino
Illeso il conducente ma i danni sono notevoli: circa 20mila franchi
SVIZZERA
10 ore
L'onda verde non travolge gli Stati
I ballottaggi di oggi - con la sola eccezione del Ticino - si sono svolti all'insegna della stabilità
ZURIGO
11 ore
Il secondo seggio sulla Limmat va a Noser
Il liberale radicale ha ottenuto 185'276 voti contro i 116'594 andati alla sfidante ecologista Marionna Schlatter
BERNA
12 ore
Stöckli riconfermato, entra Salzmann
Il "senatore" socialista e il candidato UDC hanno vinto il secondo turno nel canton Berna
SAN GALLO
12 ore
Riconfermati i due senatori uscenti
Benedikt Würth (PPD) e Paul Rechsteiner (PS) sono stati riconfermati oggi nel ballottaggio per l'assegnazione dei due seggi di San Gallo alla Camera dei Cantoni
SAN GALLO
12 ore
Casse malati, aumenta il contributo minimo
Oltre il 78% dei cittadini ha approvato la modifica della legge cantonale sull'assicurazione malattia in votazione oggi
ZUGO
13 ore
Il Plr difende il suo seggio
Matthias Michel si è facilmente imposto sul consigliere di Stato in carica Heinz Tännler (UDC)
SCIAFFUSA
13 ore
Vento a favore per il Parco naturale regionale
Le urne hanno approvato la legge che ne regola il finanziamento
SVIZZERA
14 ore
Verso gli Stati: parziali e proiezioni
I risultati del secondo turni nei cantoni di Zurigo, San Gallo, Soletta, Berna e Zugo
BERNA
08.05.2018 - 15:000

Schneider-Ammann: «Il Mercosur offre vantaggi alla Svizzera»

Secondo il consigliere federale un accordo di libero scambio avrebbe effetti positivi sull'economia

BERNA - Dopo il viaggio di una settimana nei Paesi del Mercosur, la delegazione svizzera guidata dal consigliere federale Johann Schneider-Ammann si è detta convinta che un accordo di libero scambio avrebbe effetti positivi sull'economia svizzera. Il tempo però stringe.

Non è possibile che una discussione altamente emotiva venga condotta con informazioni vaghe e che la Svizzera per questo motivo non arrivi per tempo ad un risultato, ha affermato oggi Schneider-Ammann in occasione di un incontro con i media a Berna.

In missione economica dal 29 aprile al 5 maggio nei Paesi del Mercosur (Brasile, Argentina, Paraguay e Uruguay), il consigliere federale era accompagnato per la prima volta da rappresentanti del mondo agricolo. L'obiettivo di questo viaggio non era quello di negoziare l'accordo di libero scambio, ma di confrontarsi con dei fatti, ha spiegato Schneider-Ammann.

Le discussioni hanno dimostrato che tutti i Paesi del Mercosur hanno la volontà di essere maggiormente integrati nel commercio mondiale. Il potenziale di tale mercato per l'economia svizzera è innegabile, ha detto ancora il consigliere federale. Il Mercosur rappresenta 260 milioni di consumatori che allettano gli industriali elvetici.

D'altro canto, la Svizzera offre un mercato molto più ridotto, di 8 milioni di persone. Ed è qui che nasce la paura dei contadini svizzeri: se l'accordo consentirà all'industria delle macchine e ai servizi di esportare con più facilità, i Paesi sudamericani potranno in cambio aumentare le loro vendite di carne in Svizzera. Il Mercosur conta due grandi Stati agricoli, il Brasile e l'Argentina.

Limiti

Un accordo con il Mercosur sarà tollerabile a condizione di fissare dei limiti, ha spiegato il consigliere nazionale Andreas Aebi (UDC/BE). L'agricoltore, nonché presidente della Comunità di lavoro degli allevatori svizzeri di bovini, ha fatto parte dei 50 membri della delegazione elvetica che accompagnava il consigliere federale.

Gli agricoltori dell'America latina, le cui aziende sono centinaia di volte più grandi di quelle in Svizzera, mostrano una certa sensibilità per l'agricoltura elvetica. Sono pronti a negoziare. "Aspetteremo di vedere il risultato prima di dare il nostro assenso o rifiuto", ha detto Aebi.

Il Mercosur è in grado di rifornire la Svizzera di carne dall'oggi al domani, ma non lo farà, ha rassicurato il ministro giurassiano dell'economia Jacques Gerber, anch'egli membro della missione. L'accordo stabilirà un contingente che impedirà un'ondata di carne nel mercato, ha aggiunto. Ma i negoziatori dovranno lottare con fermezza.

Norme rigide

Il viaggio ha anche mostrato che i Paesi del Mercosur dispongono di prodotti agricoli che soddisfano i requisiti e le norme svizzeri, tra le altre cose per quel che concerne il divieto di utilizzare ormoni per la crescita nella produzione di carne, ha tenuto a precisare Johann Schneider-Ammann. Le loro condizioni sono molto rigide, è quanto hanno fatto emergere le diverse visite in aziende effettuate durante il viaggio.

L'Unione europea sta attualmente concludendo un accordo di libero scambio con il Mercosur, che potrebbe mettere in posizione di svantaggio le società svizzere rispetto ai loro concorrenti dell'Ue. Per questo motivo, la Svizzera sta cercando di concludere un accordo di accesso preferenziale al mercato del Mercosur, in negoziati svolti nell'ambito dell'Associazione europea di libero scambio (AELS).

Secondo il Dipartimento federale dell'economia, della formazione e della ricerca, l'accordo permetterebbe di risparmiare fino a 206 milioni di dazi doganali attraverso una loro riduzione. Questi si aggirano attualmente tra il 7 e il 35%. Inoltre, ha affermato ancora il consigliere federale, l'esperienza dimostra che il ritmo di crescita dell'attività commerciale raddoppia nei cinque anni successivi all'entrata in vigore di un'intesa di questo tipo.

I rapporti tra gli agricoltori e Johann Schneider-Ammann sono peggiorati dalla presentazione in novembre della riforma agricola della Svizzera a partire dal 2022. Questa prevede una riduzione della protezione doganale e l'intensificazione degli accordi di libero scambio, in particolare con il Mercosur. Il dossier sarà uno dei momenti salienti della sessione estiva.

Finora i partner hanno completato tre round di negoziazioni. Un quarto si svolgerà a luglio.

Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-18 03:56:40 | 91.208.130.85