keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
BERNA
2 ore
Doping, c'è anche un medico svizzero nello scandalo Aderlass
L'uomo avrebbe fornito una sostanza proibita tra il 2012 e il 2013
SVIZZERA
3 ore
Come proteggersi dal coronavirus
Un reminder sulle precauzioni da prendere per evitare il contagio
FOTO
APPENZELLO ESTERNO
4 ore
Si accartoccia contro un treno della Appenzeller Bahn
Violento scontro per un conducente 50enne che se l'è cavata con ferite lievi
BERNA
6 ore
Il Coronavirus avanza, le autorità svizzere guardano
Da Berna nessuna ulteriore misura. Silenzio in Ticino. Il virologo: «Sbagliate le previsioni tranquillizzanti»
FRIBURGO
7 ore
Contro un palo con la slitta, finisce in ospedale
È accaduto a Schwarzsee. La donna ha subito gravi lesioni alla testa e alla colonna vertebrale
DISENTIS
8 ore
Finisce il carnevale e crolla tutto
Un volo di sette metri per due operai durante i lavori per la rimozione delle strutture carnevalesche
SONDAGGIO
SVIZZERA
8 ore
Macché data di scadenza? Lidl introduce l'etichetta "Spesso buono oltre"
Accompagnerà la dicitura "Da consumare preferibilmente entro", che non è una data di scadenza
APPENZELLO ESTERNO
8 ore
Centauro sfreccia a 147 km/h in una zona 80
Multa salatissima, ritiro patente e denuncia per un 54enne pizzicato da un controllo di velocità
FOTO
VALLESE
22 ore
Una targa per restare vigili contro gli abusi
È stata la vittima di un ex insegnante, religioso e allenatore di calcio, a chiederne la posa
SVIZZERA
1 gior
Stop alla quarantena per gli svizzeri della MS Westerdam
Un'americana che si trovava sulla nave è stata trovata infetta. Ma «non vi sono state trasmissioni del virus»
FOTO
SOLETTA
1 gior
Scoppia la gomma del bus e ci sono 53 bimbi a bordo
Sei persone sono rimaste ferite in quella che avrebbe potuta essere una vera e propria tragedia
VAUD
1 gior
Che fine hanno fatto le gemelline Schepp?
La mamma delle due ragazze vodesi lancia un nuovo appello a Chi l'ha Visto
BERNA
08.05.2018 - 15:000

Schneider-Ammann: «Il Mercosur offre vantaggi alla Svizzera»

Secondo il consigliere federale un accordo di libero scambio avrebbe effetti positivi sull'economia

BERNA - Dopo il viaggio di una settimana nei Paesi del Mercosur, la delegazione svizzera guidata dal consigliere federale Johann Schneider-Ammann si è detta convinta che un accordo di libero scambio avrebbe effetti positivi sull'economia svizzera. Il tempo però stringe.

Non è possibile che una discussione altamente emotiva venga condotta con informazioni vaghe e che la Svizzera per questo motivo non arrivi per tempo ad un risultato, ha affermato oggi Schneider-Ammann in occasione di un incontro con i media a Berna.

In missione economica dal 29 aprile al 5 maggio nei Paesi del Mercosur (Brasile, Argentina, Paraguay e Uruguay), il consigliere federale era accompagnato per la prima volta da rappresentanti del mondo agricolo. L'obiettivo di questo viaggio non era quello di negoziare l'accordo di libero scambio, ma di confrontarsi con dei fatti, ha spiegato Schneider-Ammann.

Le discussioni hanno dimostrato che tutti i Paesi del Mercosur hanno la volontà di essere maggiormente integrati nel commercio mondiale. Il potenziale di tale mercato per l'economia svizzera è innegabile, ha detto ancora il consigliere federale. Il Mercosur rappresenta 260 milioni di consumatori che allettano gli industriali elvetici.

D'altro canto, la Svizzera offre un mercato molto più ridotto, di 8 milioni di persone. Ed è qui che nasce la paura dei contadini svizzeri: se l'accordo consentirà all'industria delle macchine e ai servizi di esportare con più facilità, i Paesi sudamericani potranno in cambio aumentare le loro vendite di carne in Svizzera. Il Mercosur conta due grandi Stati agricoli, il Brasile e l'Argentina.

Limiti

Un accordo con il Mercosur sarà tollerabile a condizione di fissare dei limiti, ha spiegato il consigliere nazionale Andreas Aebi (UDC/BE). L'agricoltore, nonché presidente della Comunità di lavoro degli allevatori svizzeri di bovini, ha fatto parte dei 50 membri della delegazione elvetica che accompagnava il consigliere federale.

Gli agricoltori dell'America latina, le cui aziende sono centinaia di volte più grandi di quelle in Svizzera, mostrano una certa sensibilità per l'agricoltura elvetica. Sono pronti a negoziare. "Aspetteremo di vedere il risultato prima di dare il nostro assenso o rifiuto", ha detto Aebi.

Il Mercosur è in grado di rifornire la Svizzera di carne dall'oggi al domani, ma non lo farà, ha rassicurato il ministro giurassiano dell'economia Jacques Gerber, anch'egli membro della missione. L'accordo stabilirà un contingente che impedirà un'ondata di carne nel mercato, ha aggiunto. Ma i negoziatori dovranno lottare con fermezza.

Norme rigide

Il viaggio ha anche mostrato che i Paesi del Mercosur dispongono di prodotti agricoli che soddisfano i requisiti e le norme svizzeri, tra le altre cose per quel che concerne il divieto di utilizzare ormoni per la crescita nella produzione di carne, ha tenuto a precisare Johann Schneider-Ammann. Le loro condizioni sono molto rigide, è quanto hanno fatto emergere le diverse visite in aziende effettuate durante il viaggio.

L'Unione europea sta attualmente concludendo un accordo di libero scambio con il Mercosur, che potrebbe mettere in posizione di svantaggio le società svizzere rispetto ai loro concorrenti dell'Ue. Per questo motivo, la Svizzera sta cercando di concludere un accordo di accesso preferenziale al mercato del Mercosur, in negoziati svolti nell'ambito dell'Associazione europea di libero scambio (AELS).

Secondo il Dipartimento federale dell'economia, della formazione e della ricerca, l'accordo permetterebbe di risparmiare fino a 206 milioni di dazi doganali attraverso una loro riduzione. Questi si aggirano attualmente tra il 7 e il 35%. Inoltre, ha affermato ancora il consigliere federale, l'esperienza dimostra che il ritmo di crescita dell'attività commerciale raddoppia nei cinque anni successivi all'entrata in vigore di un'intesa di questo tipo.

I rapporti tra gli agricoltori e Johann Schneider-Ammann sono peggiorati dalla presentazione in novembre della riforma agricola della Svizzera a partire dal 2022. Questa prevede una riduzione della protezione doganale e l'intensificazione degli accordi di libero scambio, in particolare con il Mercosur. Il dossier sarà uno dei momenti salienti della sessione estiva.

Finora i partner hanno completato tre round di negoziazioni. Un quarto si svolgerà a luglio.

Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-02-23 19:13:26 | 91.208.130.86