Immobili
Veicoli

SVIZZERA«La violenza faceva parte della quotidianità»

27.03.18 - 06:00
Gli ex bambini-schiavi hanno tempo ancora pochi giorni per richiedere il contributo di solidarietà. Heinz Morach propone una vignetta per ricordare la scadenza
20min
«La violenza faceva parte della quotidianità»
Gli ex bambini-schiavi hanno tempo ancora pochi giorni per richiedere il contributo di solidarietà. Heinz Morach propone una vignetta per ricordare la scadenza

SAN GALLO - Dall’inizio del 2017 le vittime di misure coercitive a scopo assistenziale e collocamenti extrafamiliari possono chiedere un contributo di solidarietà a titolo di risarcimento. Sinora sono soltanto 7’200 le richieste pervenute all’Ufficio federale di giustizia (UFG). Ma si stima che siano ancora quasi ventimila gli ex bambini-schiavi (i cosiddetti “Verdingkinder”) ancora in vita. Uno di questi è il settantatreenne Heinz Morach, che ora - assieme all’amico e illustratore Heinz Münger - propone una vignetta per ricordare le vittime che sta per scadere il tempo per richiedere il contributo: il termine è infatti fissato per il prossimo sabato 31 marzo.

Morach aveva otto anni, quando - dopo che la madre era morta di cancro - lungo il tragitto casa-scuola fu prelevato per essere trasferito in un istituto educativo. Un istituto in cui visse momenti particolarmente difficili. «Le violenze fisiche e psicologiche facevano parte della quotidianità» racconta. E per molti bambini-schiavi non fu nemmeno possibile seguire una formazione. O furono costretti a interromperla. Per questo Morach ritiene che oggi la maggior parte delle vittime sia in difficoltà finanziaria. Anche se per il settantatreenne non si tratta dei soldi. «Un contributo di 20’000 fino a 25’000 franchi non rende sicuramente ricchi, ma può alleviare la povertà».

Secondo l’UFG non esistono registri o banche dati che permettano di risalire alle vittime, quindi per la Confederazione non è possibile contattare direttamente i “Verdingkinder”. Uno scritto è però stato inviato a tutti i medici di famiglia e agli aiuti domiciliari, con la preghiera di informare le persone interessate sulla possibilità di richiedere il contributo di solidarietà. Inoltre sono stati distribuiti dei volantini.

COMMENTI
 
NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE SVIZZERA