Ti-Press
SVIZZERA
18.11.2017 - 14:520

Affitti troppo alti: presto un referendum?

Secondo l'Associazione svizzera degli inquilini la spesa costituisce un onere sproporzionato per le economie domestiche

BIENNE - Il prezzo degli affitti, molto elevato in Svizzera, costituisce un onere sproporzionato per le economie domestiche. Ne è convinta l'Associazione svizzera degli inquilini (ASI), i cui delegati riuniti oggi in assemblea generale a Bienne (BE) hanno intenzione di lanciare un referendum contro qualsiasi decisione politica che riducesse la protezione dei locatari.

Stando a statistiche immobiliari, il prezzo degli affitti è aumentato in media di oltre il 50% dal 2000, ricorda l'ASI in una risoluzione adottata dai suoi delegati. Nel testo si sottolinea che l'associazione non accetterà mai un gesto "socialmente irresponsabile" quale l'indebolimento della protezione degli inquilini.

Qualora fosse necessario, l'ASI lancerà un referendum contro eventuali decisioni ostili prese dal Parlamento, si legge nella risoluzione. L'Associazione degli inquilini invita le Camere federali ad adoperarsi per la pace degli alloggi e in favore della parte più debole quando si stipula un contratto d'affitto.

Secondo l'ASI, il Consiglio nazionale e quello degli Stati dovrebbero respingere il tentativo di adottare disposizioni favorevoli ai proprietari senza prendere parallelamente delle misure in favore degli inquilini.

Più precisamente, l'associazione chiede al Parlamento di mantenere i diritti attuali in materia di subaffitto e di riaffermare il pieno diritto di contestare un affitto iniziale abusivo. Deve pure combattere l'idea di aumentare eccessivamente gli affitti autorizzando rendimenti eccessivi.

L'ASI ricorda che la lobby immobiliare in Parlamento se l'è presa dapprima con il subaffitto, nel tentativo di limitarlo, e poi ha preteso di limitare la contestazione possibile degli affitti iniziali, che è fondamentale per lottare contro gli abusi.
 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Lucadue 3 anni fa su tio
Sono un pensionato che ha pagato il 2° pilastro per oltre 40 anni. Orbene, la rendita dal 2° pilastro mi basta a malapena per coprire l'affitto e la cassa malati. Praticamente vivo di sola AVS. E 'solo all'estero che si sente dire che gli svizzeri sono tutti milionari!
Tato50 3 anni fa su tio
Per i proprietari che hanno tassi d'interesse fisso a 10 anni all'1% un passo indietro lo potrebbero fare. Chi invece ha "boccato" un'ipoteca al 4,5% qualche anno fa, credendo di fare in affare, a dipendenza del debito non ha certo grandi margini di manovra. Poi, come è capitato a me, affitti una casa a 850 franchi al mese perché "l'amico" ti dice che vive della sola AVS, e in seguito scopri che in Banca ha oltre 500'000 franchi. Föra di ball !!!!!

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-07-27 17:50:40 | 91.208.130.85