Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
BERNA
6 ore
Limitare immigrazione, l'iniziativa UDC non fa breccia
ZURIGO
11 ore
Lui pubblica le foto porno. Lei si suicida. Pena ridotta per lui
SVIZZERA
12 ore
La legge sul diritto d'autore «è pronta per il voto finale»
SVIZZERA
12 ore
Avaloq ristruttura: minacciata una trentina di posti di lavoro
BASILEA CITTÀ
13 ore
Deragliamento causato dall'azionamento di uno scambio
GINEVRA
13 ore
«Solo insieme l'umanità riuscirà ad affrontare le sfide del futuro»
SVIZZERIA
14 ore
Gli automobilisti svizzeri sono molto restii a cambiare assicurazione
SVIZZERA
14 ore
Donazione di sperma: «Ora si può sapere chi è il padre»
SVIZZERA
15 ore
Raccolte in meno di 5 mesi le firme per i ghiacciai
SVIZZERA
16 ore
Più soldi per promuovere lo sport
SVIZZERA
17 ore
Roche si dice pronta a compensare le perdite causate dai biosimilari
SVIZZERA
17 ore
Scorie radioattive, autorizzate le perforazioni nel Giura
ARGOVIA
17 ore
A 18 anni perde la vita sulla moto
SVIZZERA
18 ore
Gli allievi maschi svantaggiati dalla scuola svizzera?
SVIZZERA
18 ore
Ed infine (non) arrivano... i droni
BERNA
24.05.2017 - 14:470

«Perdite storiche per il settore frutticolo»

L’ammontare dei danni provocati dalle gelate delle scorse settimane è di circa 100 milioni, vigne escluse

BERNA - Si precisano i contorni dei danni provocati alle colture dalle gelate delle scorse settimane. Solo per la frutta, i costi si aggirano sui 100 milioni di franchi. Per la vigna non sono ancora disponibili dati certi, ma almeno 5500 ettari sono stati danneggiati.

«Nel settore della frutta si può ormai parlare di perdite storiche», ha dichiarato oggi all'ats Hubert Zufferey dell'Associazione Svizzera Frutta. Per i produttori di mele i danni si avvicinano ai 42 milioni, per le ciliege sono sui 25 milioni, ha precisato Zufferey, sottolineando che si tratta ancora di una prima stima.

Il volume delle ciliege nostrane sarà di un quarto rispetto a una stagione normale. I negozi potranno insomma offrirne 800 tonnellate contro le 3 mila normalmente. Per mele e pere, un terzo circa della produzione è andato perduto.

Il gelo ha rovinato circa il 67% del raccolto di prugne, ha aggiunto il portavoce dell'Associazione Svizzera frutta. Quanto alle albicocche, il raccolto è diviso per due; invece di 9 mila tonnellate, ne rimangono da 4 a 4500.

Meno drammatica la situazione per le fragole con una perdita del 20% rispetto a una stagione normale. Stime sono in fase di elaborazione per i lamponi, mentre mirtilli e more non hanno subito i contraccolpi del gelo.

Globalmente, per i produttori di frutta la fattura causata dal freddo è salata: circa 100 milioni di franchi, ha detto Zufferey, precisando che vi sono comunque importanti differenze regionali. Per quanto riguarda le mele, le perdite in Vallese oscillano tra il 5% e il 10% a fronte dell'80% registrato nella Svizzera centrale.

Per la vigna è ancora prematuro fare previsioni sui danni. Bisognerà attendere la fioritura in giugno, ha dichiarato all'ats Chantal Aeby di Swiss Fine Wine. Le superfici toccate dal gelo rappresentano oltre un terzo dei 14'800 ettari piantati a vigna in Svizzera, secondo un bilancio risalente a fine aprile.

Nei cantoni Vallese e Ginevra, quasi la metà dei vigneti è stata toccata dal gelo in percentuali oscillanti tra il 70% e il 100%. Turgovia, Sciaffusa e Zurigo hanno subito perdite di oltre l'80% sui quattro quinti, in alcuni casi il 100%, dei vigneti.

Commenti
 
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-09-17 05:08:02 | 91.208.130.89