ZURIGO
13.03.2017 - 12:110

Tram a Zurigo, Stadler getta la spugna

ZURIGO - Stadler Rail getta la spugna nella vertenza sull'acquisto di tram a Zurigo. Il costruttore turgoviese di treni e tram ha deciso di non ricorrere più in giustizia dopo che la società dei trasporti pubblici di Zurigo (VBZ) ha optato per i convogli della Bombardier. Non chiederà neppure indennizzi, ha reso noto oggi.

A fine febbraio il Tribunale amministrativo zurighese non aveva accordato l'effetto sospensivo al ricorso della Stadler contro le decisione di VBZ di acquistare 70 tram. I giudici avevano ritenuto che non vi era ragione di avviare una nuova procedura di aggiudicazione del contratto. Senza effetto sospensivo, le parti - VBZ e Bombardier - hanno firmato il contratto all'inizio di marzo e per Stadler Rail ciò significa che la questione è definitivamente chiusa.

L'azienda turgoviese avrebbe potuto chiedere un risarcimento, ma ha deciso di rinunciare. "Non vogliamo portare la nostra disputa nei tribunali, vogliamo costruire treni e mezzi di trasporto, ha indicato all'ats" la sua portavoce Marina Winder.

Nel maggio 2016 VBZ aveva annunciato una commessa da 358 milioni di franchi a Bombardier. Essa prevede la fornitura, fra il 2018 e il 2023, di 70 nuovi tram del modello "Flexity2" - già in uso a Basilea e Berlino - e un'opzione per altri 70 tram dello stesso tipo. Stadler e Simens Svizzera avevano inoltrato ricorso chiedendo l'effetto sospensivo.


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-09-28 17:33:23 | 91.208.130.85