ARGOVIA
09.01.2017 - 12:200

Centrale di Leibstadt, produzione ridotta del 30% per lo stop forzato

LEIBSTADT - La centrale nucleare di Leibstadt (AG) ha prodotto l'anno scorso 6'075 gigawattora (GWh), con un calo del 30% rispetto al 2015. Il reattore è spento da inizio agosto, quando durante la revisione sono stati trovati segni di ossidazione su diversi elementi combustibili.

La centrale, in funzione dal 1984, dovrebbe essere riattivata alla fine di febbraio. Le irregolarità scoperte su 47 dei complessivi 648 elementi combustibili ne hanno reso necessaria la sostituzione o la riattivazione. Lo stop obbligato costa al gestore della centrale 1,3 milioni di franchi al giorno.

In dicembre la direzione della centrale ha trasmesso all'Ispettorato federale della sicurezza nucleare (IFSN) le informazioni sui lavori effettuati.

Quello di Leibstadt non è l'unico reattore nucleare costretto a una pausa forzata. Il reattore 1 di Beznau, nel comune di Kleindöttingen (AG), è "spento" dal marzo 2015, quando nell'ambito di una grande revisione erano emerse "irregolarità" nella struttura primaria di contenimento.

Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-10-17 10:53:02 | 91.208.130.89