Tipress
ULTIME NOTIZIE Svizzera
ZURIGO
2 ore
Primo attacco mortale di una tigre in Svizzera, ma Irina è salva
La struttura riaprirà i battenti lunedì, ma l'area circostante il recinto delle tigri sarà momentaneamente inaccessibile
SVIZZERA
4 ore
Da lunedì obbligo di mascherina sui voli Swiss
La quasi totalità dei viaggiatori già la indossava
FOTO
SAN GALLO
4 ore
I sub alla ricerca di due persone scomparse
Sul posto è presente anche un elicottero della Rega
SOLETTA
6 ore
Se ne frega della quarantena e va al (suo) bar
Il gerente è stato pizzicato dalla polizia mentre effettuava la contabilità nel retro del suo locale di Grenchen.
GIURA
7 ore
Quarantena per 410 persone
Il periodo della limitazione è di 10 giorni dall'ultimo contatto con una persona infetta
GRIGIONI
7 ore
Conducenti dal piede pesante: via cinque patenti
Sabato e domenica di controlli in Val Müstair e Val Poschiavo
SVIZZERA
9 ore
«I Cantoni prendano in mano la situazione»
Secondo Lukas Engelberger, se i casi dovessero continuare a salire alcune limitazioni saranno inevitabili.
BERNA
9 ore
Tragedia nell'Oberland, due vittime
Gli incidenti? Uno sul Giferspitz, l'altro sulla Blüemlsialp.
VALLESE
10 ore
Finisce in un dirupo con l'auto: morto un 72enne
L'incidente si è verificato stamani lungo una strada forestale di Nendaz
ZURIGO
13 ore
Dramma allo zoo, la polizia cerca testimoni
La pista principale resta quella di un incidente sul lavoro: «Restano da chiarire le dinamiche».
SVIZZERA
13 ore
I contagi restano sotto i 100
I numeri calano leggermente, ma la preoccupazione rimane alta.
VAUD
13 ore
Una nuova libellula nella riserva naturale della Grande Cariçaie
La Leucorrhinia pectoralis è la 51esima specie recensita ed è considerata in pericolo di estinzione.
BERNA
14 ore
Gli escursionisti sopravvalutano le proprie capacità
Nuova campagna di prevenzione, con tanto di auto-test online, è stata lanciata dall'Upi.
SVIZZERA
14 ore
«Duecento casi settimana prossima, 400 quella dopo»
Il capo della task force Matthias Egger non nasconde le sue accresciute preoccupazioni sugli allentamenti.
BERNA
31.10.2016 - 16:020

Adattamento ai cambiamenti climatici: una grande sfida per il bosco

Gli alberi che germogliano oggi vivranno in un clima notevolmente mutato

BERNA - In seguito ai cambiamenti climatici, gli alberi che germogliano oggi, una volta raggiunta la loro età media già vivranno in
un clima notevolmente mutato. Questa situazione esporrà il bosco a forti pressioni e metterà in pericolo nei prossimi decenni importanti sue prestazioni.
È quanto si evince dai risultati del programma di ricerca Bosco e cambiamenti climatici, avviato nel 2009 dall’Ufficio federale dell’ambiente (UFAM) e dall’Istituto federale di ricerca per la foresta, la neve e il paesaggio (WSL).

Mediante una gestione adeguata si intende aumentare la capacità di adattamento dello spazio vitale bosco. 

I cambiamenti climatici avvengono con tale rapidità che occorre chiedersi se in assenza dell’intervento dell’uomo il bosco sia ancora in grado di adeguarsi e di mantenere le sue molteplici prestazioni, ad esempio la produzione di legna, la protezione contro i pericoli naturali o la funzione di luogo di ristoro per la popolazione. Dall’inizio dell’industrializzazione il riscaldamento climatico in Svizzera è già aumentato di circa 1,9 °C.
L’Accordo di Parigi sul clima, che mira a limitare il riscaldamento globale a 1,5-2 °C, comporta un riscaldamento aggiuntivo di 1 o 2 °C. Per i boschi della Svizzera il riscaldamento si traduce in un innalzamento di 500-700 metri delle zone di vegetazione. Pertanto i boschi di montagna oggi dominati da conifere saranno in futuro sempre più popolati da latifoglie. Le temperature sempre più elevate e la crescente siccità durante il periodo vegetativo comporteranno stress per gli alberi, aumenteranno il pericolo di incendi di boschi e favoriranno la diffusione di organismi nocivi. In caso di prolungata siccità, ad esempio, l’abete rosso sarà più esposto all’infestazione da bostrico. Inoltre sarà sempre più raro incontrarlo a basse quote, mentre le specie arboree più resistenti alla siccità, come ad esempio il rovere, vi troveranno condizioni sempre migliori.

«I forestali e i proprietari di bosco dovrebbero adattare sin d’ora le cure per il proprio bosco alle future condizioni» scrive l'UFAM in un rapporto. Per trasmettere loro delle conoscenze di base solide l’Istituto federale di ricerca per la foresta, la neve e il paesaggio (WSL) e l’Ufficio federale dell’ambiente (UFAM) hanno avviato nel 2009 il programma di ricerca Bosco e cambiamenti climatici, i cui risultati forniscono una panoramica unica e complessiva per l’Europa centrale sulle ripercussioni dei cambiamenti climatici sugli alberi e sulle molteplici prestazioni dei boschi.

Garantire le prestazioni del bosco nonostante i cambiamenti climatici - I risultati della ricerca mostrano che i boschi possono adattarsi solo in misura limitata ai cambiamenti climatici. Tuttavia, non saranno probabilmente più in grado di svolgere ovunque e nella stessa misura come sinora le loro prestazioni, come ad esempio la funzione di protezione contro i pericoli naturali, la produzione sempre più importante del legno quale materia prima e vettore energetico o la funzione di luogo di ristoro per la popolazione. Un incidente maggiore, come ad esempio l’incendio boschivo verificatosi sopra Leuk (VS) nell’estate torrida del 2003, può indebolire la naturale funzione di protezione del bosco contro i pericoli naturali e rendere necessarie costose misure di protezione come il rimboschimento e la costruzione di opere di protezione contro le valanghe. Ci vorranno decenni finché la funzione di protezione del bosco sarà di nuovo pienamente ristabilita. In seguito ai cambiamenti climatici, la frequenza di simili eventi può aumentare.

Per prevenire la perdita di tali prestazioni, il programma di ricerca ha sviluppato delle strategie di gestione adattate alle condizioni climatiche mutate. Tali strategie prevedono in particolare il rafforzamento della promozione della diversità delle specie arboree. L’entità dell’impatto dei cambiamenti climatici subiti da un bosco e la determinazione del tipo di gestione che facilita il passaggio dello stesso nelle nuove condizioni climatiche, dipendono in modo decisivo dalle caratteristiche della sua ubicazione, e quindi dallo spessore del suolo, dall’approvvigionamento idrico e dall’esposizione al sole. Queste condizioni mutano in spazi circoscritti e occorre tenerne conto nell’ambito della gestione del bosco, fa sapere l'UFAM. Apposite carte che raffigurano particelle piccole consentono ad esempio di delimitare i settori in cui potrà continuare a crescere l’abete rosso, una specie arborea sensibile al clima. In collaborazione con i servizi forestali cantonali, i proprietari di bosco e le associazioni dell’economia forestale e ambientaliste, nell’ambito di test condotti nel bosco si sta attualmente esaminando la capacità di adattamento di alcune specie arboree raccomandate.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-07-06 02:18:03 | 91.208.130.87