SVIZZERA
25.02.2015 - 10:380

L'esercito sorveglierà le ambasciate e gli aerei fino al 2018

I cantoni non sono ancora in grado di sostituire tutti i militari

ZURIGO - In attesa della riforma dell'esercito, i militari continueranno a sostenere le autorità civili nella protezione delle ambasciate e nella sicurezza del traffico aereo fino al termine del 2018. Il Consiglio federale ha proposto oggi al parlamento di prorogare fino a quella data il decreto in materia adottato nel 2012.

I cantoni non sono ancora in grado di sostituire tutti i militari con agenti di polizia o agenti incaricati della protezione delle ambasciate, rileva il Dipartimento federale della difesa (DDPS) in una nota. Deve essere concesso loro il tempo necessario per istruire il personale a cui saranno assegnati questi compiti.

Attualmente il numero di militari impiegati per la protezione delle rappresentanze straniere è di 80 al massimo. A partire dal 2017 diminuirà a 44 militari. La Confederazione rimborsa ai cantoni il 90% delle spese, ossia circa 40 milioni di franchi l'anno.

Per quanto riguarda il traffico aereo, gli effettivi della sicurezza militare e del distaccamento speciale della polizia militare impiegati come "air marshal" rimarranno stabili (10 militari al massimo). In questo caso Berna spende 900'000 franchi all'anno.

 

Potrebbe interessarti anche
Tags
ambasciate
protezione
esercito
cantoni
Copyright © 1997-2018 Ticinonline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - POLICY - COMPANY PAGES - ENERGIA SOLARE

Ultimo aggiornamento: 2018-01-23 22:52:44 | 91.208.130.86