Immobili
Veicoli

FORMULA 1«Non scontato uscire da questa situazione»

13.09.20 - 21:49
Il team principal della Ferrari Mattia Binotto ha analizzato l'ennesima prestazione deludente della Rossa.
keystone-sda.ch (Bryn Lennon)
«Non scontato uscire da questa situazione»
Il team principal della Ferrari Mattia Binotto ha analizzato l'ennesima prestazione deludente della Rossa.

SCARPERIA - Nemmeno il traguardo dei 1'000 GP in F1 ha fatto abbozzare un sorriso alla Ferrari. Il calvario sembra ormai interminabile: Leclerc e Vettel (oggi ottavo e decimo) continuano a masticare amaro. E anche chi dovrebbe cercare soluzioni sembra non avere idee su come far uscire la scuderia da questo momento senza precedenti...

«È chiaro che oggi non avevamo il passo gara, indipendentemente dalla qualifica di ieri in cui Charles ha fatto un bel giro - le parole del team principale Mattia Binotto a "Sky Sport" - Dopo pochi giri perdiamo ritmo, ci manca il passo. Il risultato non è altro che la conseguenza di questo. Non c'è spiegazione, accusiamo un netto degrado delle gomme. È un progetto difficile, non è scontato uscirne. La situazione di base è profonda, dobbiamo fare certamente progressi. Non possiamo contare sulle piccole modifiche. La situazione degli avversari è diversa dalla nostra, il nostro problema è di base e serve più tempo. Oggi i piloti hanno fatto la loro parte, Leclerc in qualifica è stato grande e in gara hanno dato il loro meglio, ma hanno fatto fatica. Dobbiamo uscirne tutti insieme».

COMMENTI
 
GI 1 anno fa su tio
ma una vettura "nera" non sarebbe in crisi...forza cambiate (purtroppo.....) colore....
aquilasolitaria 1 anno fa su tio
era riferito a seo56 naturalmente
aquilasolitaria 1 anno fa su tio
E che ne dici se ti ritiri tu in una casa di cura ??????
seo56 1 anno fa su tio
Mi sa che deve andarci qualcuno d’altro. Ma possibile che per i ferraristi é così difficile ammettere la disfatta?? La é stata grande ... ma in passato.
F/A-18 1 anno fa su tio
Primo secondo e quarto in moto GP, inoltre ti ricordo che l’Italia oltre che essere terra d’eccellenza per i motori lo è anche per la cultura, l’arte, la gastronomia, spettacoli, moda, musica, turismo e quant’altro, la nostra sempre più povera confederella invece ha la cultura del riciclo, lavaggio ed accudimento di un certo genere di soldi e dei suoi proprietari, mica una bella figura.
F/A-18 1 anno fa su tio
Era una risposta a vecchiotto che denigra così bellamente il bel paese e naturalmente di chi la pensa come lui.
SSG 1 anno fa su tio
mi sembra che sei andato un po' lungo... e in fatto di denigrare non sei secondo a nessuno!
Zarco 1 anno fa su tio
beh , esagerato ! in Italia esiste pure la mafia, la camorra ,
Heinz 1 anno fa su tio
In Svizzera pure e si muovono anche piú facilmente che in Italia purtroppo
F/A-18 1 anno fa su tio
Mah, ho poi solo detto la verità.
SSG 1 anno fa su tio
non hai parlato di mafia, malgestione, crisi economica, PIL, sistema sanitario, stabilità economica, ecc. Ma sei sempre in tempo a varcare il confine... Hai detto solo 1/2 verità oltretutto neanche proprio corretta.
F/A-18 1 anno fa su tio
Anche qui devo purtroppo informarti che proprio il nostro paese fa buoni affari con la mafia, gli gestisce i soldi, glieli fa fruttare, li tiene al sicuro e da decenni gli si spianano i tappeti rossi, apri gli occhi. Per la malagestione ti do ragione ma comunque tante regioni italiane sono magnifiche, tutto costa meno , anche qui devi aprire gli occhi e vedere le tante cose belle che il paese offre.
SSG 1 anno fa su tio
Apri anche tu gli occhi e prendi in considerazione la stabilità economica del paese, le strutture sanitarie, costa meno giusto ma si guadagna anche meno, disoccupazione, infrastrutture, ecc. Un conto andare in vacanza l'altro abitarci. E poi basta vivere di ricordi, da anni i soldi della mafia sono stati trasferiti in altri paradisi fiscali e anche nelle banche tedesche ... di certo non in quelle italiane visto che possono anche fallire. Anche in Svizzera, al contrario di quello che scrivi, ci molte cose belle e soprattutto che funzionano, apri gli occhi. Comunque nessuno ti vieta di andare dove puoi vivere meglio e non sputare nel piatto dove mangi.
Heinz 1 anno fa su tio
Non essere cattivo, lasciali sfogare queste frustrazioni: gli fa parecchio bene al loro equilibrio psicologico....e non pesa neppure sui bilanci delle casse malati.
F/A-18 1 anno fa su tio
Si hai ragione, comunque oltre che di frustrazione è segno anche di ignoranza confermata, difficile guarire.
Heinz 1 anno fa su tio
Quel rosso ciliegia li non è rosso ciliegia ma sarebbe il rosso Alfa Romeo originale: le prime Ferrari erano delle Alfa Romeo gestite dalla squadra di un tal Enzo Ferrari. Peccato che è finito su una delle ferrari peggiori della storia, e molto piu bello di quello in uso negli ultimi anni, sempre piu chiaro per ragioni televisive.
F/A-18 1 anno fa su tio
Giusto, comunque non era una squadra bensì una scuderia, appunto la scuderia Ferrari e poi dai, la rossa ha già passato periodi anche peggiori ma ci stanno lavorando e ritorneranno al vertice, tranquillo.
Mat78 1 anno fa su tio
È il rosso ciliegia che frena la macchina...
interceptors 1 anno fa su tio
Hanno provato di tutto per rallentare i Mercedes, (mappa bloccata, segnalazione Pitlane chiusa non chiare, ecc) ma sembra che a rallentare sono stati tutti gli altri...Bello seguire la cronaca su Sky Sport, fanno il tifo anche all'ultimo dei meccanici, pur di non far battere i record in mano a Schumi!!
seo56 1 anno fa su tio
Concordo
seo56 1 anno fa su tio
Ritirarsi dalle competizioni per una decina di anni.
ciapp 1 anno fa su tio
grande Hamilton sei a meno 2 da superare quel record che per molti era imbattibile , grande Mercedes
seo56 1 anno fa su tio
Yes!!
VECCHIOTTO 1 anno fa su tio
E il ritratto della Italia
seo56 1 anno fa su tio
Esattamente!
Dioneus 1 anno fa su tio
Le tue sciocchezze sono il ritratto d'altro ;)
seo56 1 anno fa su tio
Guarda che la “bocca della verità” non sei Tu ma si trova a Roma. Rosica, rosica che non ne indovini una. É bello leggere i tuoi post mi aiuta ....
NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE SPORT