keystone-sda.ch/ (Chuck Burton)
+3
FORMULA 1
10.11.2019 - 08:000
Aggiornamento : 22:35

«La Ferrari bara? Verstappen bocca larga...»

Il giornalista olandese Louis Dekker: «Tutti si sono chiesti sei mesi fa da dove arrivasse tutta questa velocità della Rossa, ma non ci sono prove»

AMSTERDAM (Paesi Bassi) - Dopo essere stato criticato dalla stampa italiana - per aver affermato che il calo delle prestazioni della Ferrari al GP di Austin era dovuto al fatto che la Rossa avesse smesso di barare - Max Verstappen è stato giudicato anche in Patria.

A questo proposito infatti il giornalista del canale televisivo olandese "NOS" Louis Dekker ha dichiarato: «Tutti si sono chiesti sei mesi or sono dove la Ferrari prendesse tutta questa velocità, tuttavia non ci sono mai state sanzioni e nemmeno prove che la scuderia italiana abbia barato», ha analizzato. «I due piloti della rossa potrebbero semplicemente essere stati protagonisti di un fine settimana sotto tono, ma per trarre le dovute conclusioni bisognerà aspettare la gara in Brasile. Verstappen è stato un po' troppo schietto e dalla bocca larga(...)».

SPORT: Risultati e classifiche

keystone-sda.ch/STF (LARRY W. SMITH)
Guarda tutte le 7 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Gianpietro Bombardieri 8 mesi fa su fb
Si bocca così larga che passano anche le stronzate!
aquilasolitaria 8 mesi fa su tio
E già l`invidia e una brutta malattia Per una volta sono d accordo con i giornalisti altro che bocca larga questo ha un forno al posto della bocca
ciapp 8 mesi fa su tio
ma c'è ancora qualcuno che segue ancora la F 1 ?
Zarco 8 mesi fa su tio
@ciapp Io no
albertolupo 8 mesi fa su tio
eh, si sa che a pensar male si commette peccato...
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-08-04 11:37:50 | 91.208.130.89