Keystone
MOTOMONDIALE
05.04.2018 - 16:180
Aggiornamento : 19:47

Argentina casa Yamaha? «Gli avversari sono molto più forti, sarà battaglia»

Valentino Rossi, terzo a Losail nel primo GP stagionale, scalpita in vista della gara a Termas de Rio Hondo

TERMAS DE RIO HONDO (Argentina) - Tutto da ripetere, tutto da prendere. La stagione numero 23 di Valentino Rossi è iniziata in modo ottimo con un bel terzo posto a Losail; nel weekend proseguirà a Termas de Rio Hondo, tracciato argentino tra i più amati dal pilota Movistar Yamaha MotoGP. Il podio in Qatar del Dottore ha impressionato e, per certi, versi stupito. Rossi è stato l’unico a tenere il passo della coppia in lotta per la vittoria formata da Andrea Dovizioso (Ducati Team) e Marc Marquez (Repsol Honda). Una prestazione che lascia ben sperare per l’appuntamento oltreoceano dove Rossi e la M1 sono sempre stati competitivi.

L'ultimo successo di Vale nel paese sudamericano (2015) è stato epico, festeggiato sul podio con la maglia di Maradona, più che l’idolo nazionale quasi una divinità da quelle parti. Due miti sportivi in uno, sul gradino più alto a Termas, un immagine che resterà nella storia del MotoGP. Il 2015 fu un anno al massimo per il pesarese ma chiuso con troppe ombre. Nel 2017 un’altra grande gara in Argentina per Rossi e finita in piazza d’onore. «L'anno scorso siamo andati forte in Argentina», commenta il numero 46. «È stata la miglior gara della Yamaha del 2017. Ora però gli avversari sono molto più forti e quindi sarà una battaglia dura». Termina, «La nostra molto di solito qui lavora bene, speriamo di essere in palla, potrebbero esserci sorprese».

Commenti
 
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-08-24 09:21:08 | 91.208.130.86