Keystone, archivio
+3
HOCKEY
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
HCAP
7 ore
«La priorità deve essere spostata sulla sopravvivenza societaria»
L'Ambrì si è presentato in vista della nuova stagione, che sarà condizionata dalle situazioni legate alla pandemia.
SUPER LEAGUE
7 ore
Uno spagnolo a Lucerna
Gli svizzerocentrali hanno ingaggiato il 23enne centrocampista del Valencia.
TENNIS
10 ore
Laaksonen s’affloscia
Il rossocrociato ha lottato ma contro l’uruguaiano si è arreso 1-6, 6-2, 4-6, 2-6
PROMOTION LEAGUE
11 ore
Il Bellinzona riparte da Morandi
Il tecnico ticinese è pronto a cominciare l’avventura granata.
NATIONAL LEAGUE
12 ore
Corona-crisi: pure a Berna si tagliano gli stipendi
Dirigenti, dipendenti, giocatori: busta paga più magra alla Postfinance Arena.
HCL
13 ore
Cinque (+1) bianconeri a Biasca
Fadani, Matewa, Vedova, Zangger e Haussener in Swiss League.
HCAP
13 ore
Ambrì: riduzione del 22% del salario oltre gli 84'000 franchi
Questo sacrificio permetterà ai leventinesi di recuperare circa un terzo della perdita a causa del coronavirus
SCI ALPINO
15 ore
Il coronavirus ferma anche Lara Gut
Il Covid-19 ha colpito 14 tesserati del Genoa, squadra in cui milita il marito Behrami. La ticinese è in quarantena
DAVOS
16 ore
Covid-19: annullata la Coppa Spengler
Gli organizzatori sono stati obbligati a cancellare la 94esima edizione del tradizionale torneo natalizio
NAZIONALE
16 ore
«Per anni abbiamo aspettato partite di questo genere»
La Svizzera di Petkovic è attesa dagli impegni ravvicinati contro Croazia, Spagna e Germania. La parola al selezionatore
TENNIS
18 ore
La maratona di Giustino: 6 ore e 5 minuti di partita ed entra nella storia
Si tratta del secondo match più lungo di sempre al Roland Garros. L'italiano ha battuto Moutet 0-6, 7-6, 7-6, 2-6, 18-16
L'OSPITE - STEFANO TOGNI
24.03.2020 - 13:320
Aggiornamento : 23:12

«Klasen non piaceva a tutti... ma è un artista»

L'attaccante svedese si è accordato con gli svedesi del Lulea, Togni: «Nel 2016 è mancato solo il titolo»

«Ebbett a Lugano? Non è più giovanissimo, ma è un trascinatore e con Arcobello ha sempre mostrato un ottimo affiatamento»

Dopo sei stagioni disputate sulle rive del Ceresio, Linus Klasen ha firmato un contratto biennale con gli svedesi del Lulea.

Con il Lugano l'attaccante 34enne ha messo complessivamente a referto 280 punti in 301 partite disputate. Per numero di presenze lo scandinavo è inoltre il secondo giocatore straniero della storia bianconera dietro a Petteri Nummelin. «Sono dell'idea che per il Lugano sia una perdita, era un piacere vederlo all'opera sul ghiaccio», ha analizzato l'ex giocatore di Lugano e Ambrì degli anni '90 Stefano Togni. «Chiaramente non piaceva a tutti come giocatore, ma era uno dei pochi ad avere sempre il controllo totale del disco. In pista è un artista».

Era iniziato alla grande l'idillio con il Lugano: c'erano tanti svedesi in squadra e con Pettersson formava una coppia da invidiare. Nel 2016 è mancato solo il titolo, ma poi – rimasto senza il partner ideale – il suo rendimento è calato. «Klasen è uno di quei giocatori che non si può ingabbiare in un sistema, ma bisogna lasciargli la libertà d'azione in pista, poiché in qualsiasi momento può trovare la giocata spettacolare e vincente. Insieme a Pettersson ha totalizzato davvero tanti punti e bisogna dire che nel 2016 è mancata solo la ciliegina sulla torta. La squadra era completa ed equilibrata, con Lapierre, Pettersson e Klasen che erano complementari. Il destino ha però voluto che il trio si separasse e così è stato».

Via Klasen, dentro Arcobello. Prenderesti il suo ex partner d'attacco Andrew Ebbett, che è sul mercato? «Ovviamente quando è fisicamente in forma, Ebbett è in grado di fare la differenza. Non è più giovanissimo, ma è un trascinatore e con Arcobello ha sempre mostrato un ottimo affiatamento. Vedremo cosa deciderà la società bianconera. In ogni caso sono sicuro che chi arriverà alla Cornèr Arena sarà un lavoratore, con un'attitudine positiva per lo spogliatoio e - soprattutto - sarà utile sia in fase offensiva che in quella difensiva».

HOCKEY: Risultati e classifiche

Keystone, archivio
Guarda tutte le 7 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
El Jardinero 6 mesi fa su tio
Criticare un giocatore come Linus Klasen significa amare poco l'hockey.
Evry 6 mesi fa su tio
L'ex DS Kultura del Laworo ha fatto solo disastri, uno di questi è stata la separazione di Peterson e Klasen! Augiri e complimenti par Klasen, grazie.
magimi63 6 mesi fa su tio
Seguo l'HCL dagli anni settanta. Klasen sicuramente nella TOP 10 degil stranieri approdati a Lugano. Con il bastone poi sicuramente sul podio. Grande Linus, ci mancherai.
Frankeat 6 mesi fa su tio
Non piaceva a tutti? A me sembra proprio il contrario e che tutti ne abbiano sempre parlato con ammirazione e chiunque avrebbe voluto averlo in squadra (sia tifosi che giocatori). Anche lui non è pefetto e ha avuto qualche calo di rendimento, ma quale giocatore al mondo ha giocato al top ogni partita della sua carriera?
SosPettOso 6 mesi fa su tio
@Frankeat Non piaceva a chi non gli ha rinnovato il contratto...
sergejville 6 mesi fa su tio
@Frankeat tanti tifosi (e Media) l'hanno criticato per le "poche" reti, per essere troppo innamorato del disco e -a volte- per rallentare un po' la manovra.
Frankeat 6 mesi fa su tio
@SosPettOso Non penso che non piacesse alla società. Piuttosto il suo rendimento non giustificava più un contratto che sicuramente era ed è molto oneroso. E poi è tutto un business e le società vogliono vincere e per vincere ogni tanto devi cambiare.
SosPettOso 6 mesi fa su tio
@Frankeat Gli artisti bisogna metterli in condizione di esprimersi costruendogli la squadra/linea attorno. Come Messi nel calcio: nella squadra fatta apposta per lui diventa fenomeno lui e chi gli sta attorno, nella nazionale scompare e fa quasi figuracce. Ireland, Kapanen e i rispettivi DS hanno invece fatto altre scelte... segno che non gli piaceva.
Zarco 6 mesi fa su tio
Ebbett? Personalmente direi di no
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-09-30 05:58:24 | 91.208.130.86