Keystone
NATIONAL LEAGUE
10.01.2019 - 12:180
Aggiornamento 15:33

«Vorrei avere più ghiaccio, do il massimo per convincere il coach a darmi più fiducia»

L'attaccante Lukas Lhotak, ex biancoblù, è alla sua prima stagione a Friborgo: «Campionato strano e combattutissimo. Ambrì? Gioca un bell'hockey, Kubalik e Novotny stanno contribuendo alla crescita»

FRIBORGO - Passato dall’Ambrì al Friborgo al termine della scorsa stagione, il 25enne Lukas Lhotak - che con i biancoblù aveva iniziato il suo percorso coi Novizi Élite nel 2009/10 arrivando un passo alla volta fino in Prima squadra -, ha collezionato sin qui 9 punti (7 gol) in 29 match di National League coi Dragoni. Nuovo coach, nuovo sistema di gioco, nuovi compagni: l’attaccante nativo di Praga - che può comunque vantare un bilancio personale di +4 - ha dovuto fare i conti con un normale periodo di adattamento.

«Friborgo mi piace, ma posso dire di aver incontrato alcune difficoltà - spiega Lhotak, legato ai burgundi fino al 2020 - Gioco in quarta linea e ho pochi minuti di ghiaccio, 7’-8’ a partita, mi aspettavo qualcosa in più. Quando coach French mi dà una chance cerco sempre di sfruttarla e dare il massimo per convincerlo a darmi più fiducia. Provare a fare gol, assist e aiutare la squadra: voglio dimostrare di essere un giocatore che può avere più minuti. Mi è stato chiesto di giocare più difensivo e bloccare più tiri, nelle ultime partite l’ho fatto bene».

Il campionato è combattutissimo. Solo 10 punti separano il Bienne (terzo) dal Lugano, decimo. In piena bagarre anche il Friborgo (47 punti), nono a +4 sui bianconeri e -1 dai Tigrotti (ottavi).
«Sì, è un campionato strano. Le squadre sono molto vicine, da un match all’altro si può fare su e giù dalla riga. Lo si dice spesso, ma quest’anno ogni squadra può battere chiunque. Noi, ad esempio, abbiamo perso in casa contro il Davos che era appena stato affidato a Vitolins, poi abbiamo battuto in trasferta il Bienne».

La lotta è accesa, tutte (o quasi) inseguono un posto nella top-8.
«Ogni mattina l’allenatore ci sprona per raggiungere questo obiettivo, si vogliono fare i playoff e possibilmente col vantaggio casalingo. Si può fare, ma sarà una vera battaglia».

Per il Friborgo il 2019 è iniziato con due vittorie su Losanna e Bienne. Nel weekend incroci bollenti con Langnau (sabato) e Ambrì (domenica).
«Il 2018 non è finito come volevamo, ora siamo ripartiti col piede giusto. Alle porte c‘è un weekend tosto. Conosciamo la pericolosità della squadra di Ehlers, solida e organizzata. Un po’ come l’Ambrì, che sta facendo benissimo. Lugano in difficoltà? Ora è sotto la riga, ma in 2-3 match può cambiare tutto. Davos e Rappi sono staccate, le altre sono lì».

L’Ambrì ti ha sorpreso?
«Sì, è una sorpresa per tutti. Gioca veramente un bell'hockey e ha buoni stranieri. Sento spesso Kubalik e Novotny, due amici che stanno contribuendo alla crescita dell’Ambrì. Sarebbe stato bello giocarci insieme. Sarà comunque interessante affrontarli domenica, tornare alla Valascia è sempre speciale ma, ovviamente, proveremo a vincere».

Friborgo nei playoff, Ambrì pure. Ci metteresti la firma?
«Beh, sicuramente sarebbe bello... ho pensato anche che si potrebbero raggiungere e trovare proprio l’Ambrì per un duello intrigante. Ma è ancora troppo presto, iniziamo ad arrivarci...».

Ultime battute su Kubalik, Top Scorer della Lega con 39 punti (17 gol) che sta continuando a brillare. Il suo contratto coi biancoblù è valido anche per l’anno prossimo, ma c’è una clausola per la NHL, palcoscenico che un giorno il 23enne potrebbe raggiungere per giocarsi le sue chance.
«Esatto, penso che un giorno dovrà provare il salto in NHL. Sta giocando bene e fa un sacco di punti insieme a Zwerger e Müller. Dovrà provare questo passo, poi l’occasione di tornare in Svizzera eventualmente ci sarà».

Vuoi assistere all'entusiasmante sfida tra SUM e Piranha? I biglietti sono disponibili su Biglietteria.ch.

Commenti
 
pardo54 2 mesi fa su tio
Rimanere ad Ambrì no, vero?
bobà 2 mesi fa su tio
" Sarebbe stato bello giocarci insieme (a Kubalik e Novotny). Ma allora perchè sei andato via da Ambrì? Tirat insema va!
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-03-25 11:50:15 | 91.208.130.85