TiPress
HOCKEY
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
BUNDESLIGA
3 ore
Il Werder Brema si salva: sarà ancora Bundesliga
I biancoverdi, che avevano evitato la retrocessione diretta all'ultima giornata, fanno festa dopo lo spareggio.
SERIE A
3 ore
Milan, nuova svolta: Rangnick sarà allenatore e direttore tecnico
Manca l'ufficialità, ma pare tutto fatto in casa Milan. Proposto un nuovo ruolo a Maldini, che probabilmente rifiuterà
SREIE A
4 ore
«Higuain? Litigo solo con lui...»
L'allenatore della Juventus Maurizio Sarri ha lanciato la sfida contro il Milan: «La squadra è in grandissima forma»
SIENA
7 ore
Dramma Zanardi, nuovo intervento al volto: «Fratture complesse»
Il campione paralimpico è stato sottoposto a un'operazione di 5 ore volta alla ricostruzione cranio-facciale
TENNIS
11 ore
King Roger è malinconico: «Wimbledon mi manca»
Esattamente 17 anni fa il tennista rossocrociato conquistò il primo Slam della sua carriera proprio sui prati londinesi
MELIDE
14 ore
Milan Junior Camp: a Melide l'attesa è finita
Per due settimane la società rossonera "allenerà" i ragazzi sul campo sportivo comunale. Iscrizioni ancora aperte
TENNIS
15 ore
Djokovic ci riprova: altra iniziativa
L’Adria Tour è stato un disastro. Nole però non vuole mollare.
SWISS LEAGUE
15 ore
I Rockets sono carichi e... pronti a partire!
A Biasca gli abbonati di Lugano, Ambrì e Davos avranno uno sconto del 50% sul prezzo dell'abbonamento stagionale
SUPER LEAGUE
19 ore
L'YB non è granché ma Yao...
Le due autoreti del difensore hanno rovinato i piani dei bianconeri, mai realmente in difficoltà contro i bernesi.
SERIE A
1 gior
Ringhio ringhia ancora
Pesante successo per i partenopei, che hanno agganciato i giallorossi al quinto posto della classifica.
FORMULA 1
1 gior
«Felice di essermi girato solo una volta»
Pessimo esordio stagionale per il tedesco della Ferrari.
SUPER LEAGUE
1 gior
Ribaltone Xamax: silurato Magnin
Decisive le quattro sconfitte consecutive subite dai rossoneri.
SERIE A
1 gior
L'Inter crolla a San Siro: Juve e Lazio ringraziano
Gli uomini di Conte si inchinano al Bologna, vittorioso 2-1 in rimonta. Rigore fallito da Lautaro sull'1-0
SUPER LEAGUE
1 gior
Il San Gallo resta in vetta, cade ancora il Sion di Tramezzani
I biancoverdi si sono imposti 2-1 sui vallesani (penultimi). Ok il Lucerna di Celestini (3-0 sul Thun)
HCAP
02.05.2017 - 07:010
Aggiornamento : 17:30

«Ho sempre sentito il calore dei tifosi. Cereda? È un "martello"»

Christian Stucki, tra gli indiscussi protagonisti del finale di stagione biancoblù: «Sono felice per il rinnovo, ho raccolto quanto seminato. Rivincita? Forse sì, ma...»

AMBRÌ - Il mercato è strano, si sa. Girato ai Rockets per buona parte della stagione con un contratto che arrivava in scadenza con i biancoblù, per Christian Stucki il futuro - solo qualche mese fa - sembrava ormai lontano dalla Valascia. Ed invece tutto è cambiato molto in fretta, con il 24enne - richiamato da Dwyer per il rush finale e la battaglia per la sospirata salvezza - capace di mostrare tutte le sue qualità, prendersi una bella rivincita e guadagnare un meritato rinnovo fino al 2019.

«Sono molto soddisfatto di questo rinnovo, credo sia meritato, ho colto la mia occasione - ha spiegato Christian Stucki - Con i Rockets ho lavorato moltissimo sulla condizione fisica e, a fine stagione, si sono visti i risultati. Ho dovuto stringere i denti, ma il duro lavoro ha ripagato».

Ad un certo punto, da professionista, avevi anche dovuto guardarti in giro, per vedere cosa offriva il mercato… «Sì, fa parte del nostro lavoro. Avevo altre opportunità interessanti, ma la mia priorità era quella di rimanere in Ticino, dove sono cresciuto. Alla fine ho escluso tutto, decidendo di rimanere. La trattativa è stata rapida».

Molto ghiaccio, fiducia e responsabilità: giostrare nei rivieraschi ha avuto i suoi vantaggi. Devi tanto ai Rockets? «Sì, ma anche a me stesso, non ho mai mollato. All’inizio pensavo di avere spazio ad Ambrì, ma poi si sa, ogni allenatore ha le sue idee. A quel punto ho preso i Rockets come una bella opportunità, lavorando con Cereda che già conoscevo. Luca è molto esigente e a volte mi punzecchiava, ci sono stati momenti anche un po’ difficili, ma sono davvero contento del lavoro svolto con tutto lo staff».

Nel finale ti sei preso una rivincita. «Rivincita forse sì, ma in quei momenti non pensavo al “passato”. Dentro di me ero focalizzato sull’obiettivo da raggiungere con l’Ambrì. Ho colto l’occasione senza mettermi troppa pressione, dimostrando con i fatti. A livello personale sono contento di aver raccolto quanto ho seminato durante l’anno, mi sono fatto trovare pronto».

Nel corso della stagione tanti supporter biancoblù - sui social e commentato i vari articoli - sono sempre stati “vicini” a Stucki, invocando un suo ritorno in Prima squadra. Hai percepito il calore dei tifosi? «L’ho sentito e mi ha fatto davvero molto piacere, mi ha dato anche una carica e una spinta in più. Sappiamo quanto sono importantI i tifosi in una realtà come Ambrì, danno sempre tanto alla squadra: di questo sono riconoscente».

Archiviata la stagione e strappato il rinnovo, ora all’orizzonte si profila una nuova sfida: confermarsi. «È sempre così, quando una stagione finisce in maniera positiva, poi si tratta di riconfermarsi. Personalmente voglio iniziare anche meglio di come ho finito. Per fare questo sarà fondamentale lavorare bene nel periodo estivo, la preparazione inizia lunedì 8 maggio: il mio obiettivo è arrivare pronto ad agosto».

Preparazione che inizierà agli ordini di Luca Cereda, nuovo timoniere biancoblù. Dopo essersi trovato bene con Dwyer, Stucki “ritrova” un coach che conosce perfettamente. «Con Gordie c'è stata una bella intesa, gli sono riconoscente per l'occasione che mi ha dato. A proposito di Cereda posso dire che sono contento per lui, arriva un allenatore ticinese con cui mi sono sempre trovato bene e si potrà anche parlare italiano. Sarà un piacere essere ancora un suo giocatore».

Che tipo di allenatore è? «Luca è molto esigente, un "martello"... ma lo fa esclusivamente per il nostro bene. In certi momenti ti dà anche molta libertà, ma quando ti chiama all'appello devi essere pronto. Non pensa solo alla sua posizione professionale, ma è contento quando i giocatori fanno dei progressi concreti».

Cereda, a differenza di molti colleghi, si occuperà anche della preparazione. «Giusto, è un bene avere un contatto diretto con il coach anche durante l'estate. Si possono vedere insieme i progressi. Conoscendo i suoi metodi so che sarà un'estate durissima... ma è da lì che si costruiscono le basi per il campionato».

Ultima battuta sull'identità biancoblù: con Luca si è aggiunto un altro tassello per un Ambrì più vicino al territorio e intenzionato a puntare maggiormente sui giovani e sulla formazione. «La miglior cosa era prendere un allenatore che conoscesse perfettamente la realtà di Ambrì. Cereda corrisponde al profilo che si cercava. Come sottolineato da Duca e Lombardi per l’Ambrì è importante ritrovare un po’ la propria identità. Buone strategie, pianificazione e scouting: muoversi bene sul mercato con le risorse a propria disposizione è fondamentale. Trovando questo equilibrio non è detto che non si possa avere successo».

HOCKEY: Risultati e classifiche

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
bobà 3 anni fa su tio
se non farà "colpi di testa" (come ogni tanto faceva a Lugano) potrà far bene

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-07-07 03:01:37 | 91.208.130.86