Cerca e trova immobili

TORINO«Mi sono sentito svuotato di tutto», Bonucci tra rabbia e tristezza

14.09.23 - 19:00
«Faccio causa e se vinco devolvo tutto in beneficenza»
Imago
«Mi sono sentito svuotato di tutto», Bonucci tra rabbia e tristezza
«Faccio causa e se vinco devolvo tutto in beneficenza»
«Spalletti, Chiellini, Pirlo, Buffon, in tanti hanno solidarizzato».
CALCIO: Risultati e classifiche

TORINO - Prima i malumori, poi lo sfogo social della moglie, infine la “confessione” in prima persona. Leonardo Bonucci ha dato l’addio - anzi l’arrivederci - alla Juve raccontando a sportmediaset la sua versione dei fatti. Quella di un uomo, prima ancora che di un professionista, ferito e umiliato. La"chiusura" da parte del club è stata sensata? Per il calciatore i modi sono stati sbagliati. E, soprattutto, è stata raccontata una storia sbagliata, fatta di menzogne. 

«Ho letto e sentito cose non vere dette dalla società e dall'allenatore - ha spiegato il 36enne - e così, dopo grandi sofferenze, ho deciso di intraprendere la strada della causa. È stato detto che a ottobre sono stato messo a conoscenza di progetti futuri che mi escludevano dalla Juve. È falso. Proprio in quel mese mi è anzi stata data la possibilità di rinnovare. Siamo andati avanti insieme perché la società aveva capito l'importanza di avermi all'interno dello spogliatoio. Poi l'allenatore ha sottolineato come il concetto dell'addio a fine stagione sarebbe stato ribadito da lui stesso e dalla società a febbraio. Anche questo non è vero: solo a fine marzo, prima della partita col Friburgo di Europa League, il mister mi ha convocato nel suo ufficio per dirmi che sarebbe stato il caso di anticipare il mio percorso da allenatore lasciando il calcio giocato. Gli ho detto che rispettavo la sua opinione, ma che fino all'Europeo 2024 non volevo smettere. A fine maggio la società mi ha comunicato che sarei stato la quinta-sesta scelta in difesa e una chioccia per gli altri. Ho accettato senza volere creare problemi. Poi è cambiato tutto nell'estate. Ho annusato qualcosa leggendolo sui giornali fino a quando, il 13 luglio, venendo a casa mia Giuntoli e Manna mi hanno comunicato che non avrei più fatto parte della rosa e che la mia presenza in campo avrebbe ostacolato la crescita della squadra. Questa è stata l'umiliazione che ho subito dopo 500 e passa partite in bianconero. Questo mi sono sentito dire. Avevo il diritto di allenarmi con la squadra, a prescindere dalla scelta tecnica. Avevo il diritto di essere messo in condizione di poter affrontare fisicamente e atleticamente la stagione successiva. Non mi è stato concesso. Mi sono sentito svuotato di tutto, umiliato, non potevo fare quello che amo di più. Non è una questione di soldi, se dovessi vincere la causa, devolverò tutto in beneficenza».

Un amore finito

«È molto difficile pensare all'ultimo periodo, mi piace invece pensare alla Juventus di cui ho fatto parte, quella che vinceva, quella vera, quella che in questi ultimi due anni non si è mai vista. Non ho nulla contro la società o i tifosi. Sto portando avanti questa causa perché le persone che dovevano farmi chiudere la carriera in bianconero in modo rispettoso e degno non l'hanno fatto. È la seconda volta che mi trovo costretto a lasciare la Juventus, in entrambi i casi per la presa di posizione di un singolo, che non sono io. Quello che è sotto gli occhi di tutti è che non ho mai avuto un rapporto come avrei voluto con l'allenatore». 

Tanti amici nel calcio.

«Mi ha fatto sorridere Pirlo, che mi ha detto che magari potrebbe succedere come a lui: continuare a vincere da un'altra parte dopo che ti danno per finito. Ho sentito anche Chiellini, con cui ho un rapporto fraterno, e pure Buffon che voleva sentire la mia verità, diversa da quella scritta dai giornali. Spalletti mi ha chiamato per comunicarmi che non mi avrebbe convocato per queste ultime partite della nazionale. E non era un atto dovuto, è stato un gesto che ho apprezzato tantissimo, fa capire il suo spessore umano, la sua sincerità. Sono poi rimasto colpito dai tanti messaggi, la vicinanza di giocatori attuali della Juventus, di ex bianconeri, di compagni della Nazionale. Tutti mi hanno manifestato la loro solidarietà davanti al trattamento irrispettoso ricevuto».

Ticinonline è anche su Whatsapp. È sufficiente cliccare qui per iscriversi al canale ed essere sempre aggiornati.
COMMENTI
 
Stefy43 2 mesi fa su tio
!!!! 36 anni e piangina
Stefy43 2 mesi fa su tio
direi dopo quest’uscita che capisco i dirigenti della juventus
Stefy43 2 mesi fa su tio
davvero emozionante ma se ha passato i 30 lo sa anche lui cosa deve fare: patentino uefa e via in arabia
Stefy43 2 mesi fa su tio
raccontate le storie degli amici di famiglia pure
Cula 2 mesi fa su tio
Con quello che prendono in $oldi dovrebbero remare e stare zitti
aletoro0 2 mesi fa su tio
Ho sempre pensato che la Rubentus fosse una società di 💩 e lui ne è (stato) un ottimo rappresentante…
Aka05 2 mesi fa su tio
É la stessa materia organica con cui sono composti i frustrati dei loro cugini…
UtenteTio 2 mesi fa su tio
E quindi? Non sarebbe più utile parlare del fu Chiasso e chi scarica ancora il barile, o sul caso Ladies o sull'avvocata da indagare, che parlare di un calciatore che ha preso e prende come 100 blogger e 15 giornalisti in un mese, prende a calci un pallone e basta, non salva vite.
Tirasass 2 mesi fa su tio
Piangina. Vai a dirlo a tutti quelli licenziati ingiustamente e che non hanno messo da parte il tuo gruzzoletto.
chivas 2 mesi fa su tio
e chi se ne frega. Che rottura, ma non ci sono cose più importanti da pubblicare? Solo una parentesi. Come mai l'articolo sulla chiesa è sparito. Forse perchè i commenti davano troppo fastidio a qualcuno di colluso?
Aka05 2 mesi fa su tio
Ancora sta menata? Mi raccomando, domani un’articolo su cosa pensano i cugini di terzo grado…
FaNaGhiGarii 2 mesi fa su tio
Hahaha, grande!
Capra 2 mesi fa su tio
Brocco e sgradevole
NOTIZIE PIÙ LETTE