Keystone (foto d'archivio)
+4
CALCIO
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
SUPER LEAGUE
59 min
C’è lo Zurigo, per il Lugano tocca attendere
Zurigo-Servette apre il turno infrasettimanale
SUPER LEAGUE
8 ore
Croci-Torti perfetto, il Lugano no
Croci-Torti in extremis: Lugano, non hai fatto una gran figura
SERIE A
9 ore
Preciso, perfetto… primo: Napoli-show a Udine
Al quarto successo in altrettante giornate, il Napoli guarda tutti dall’alto verso il basso
CALCIO
11 ore
“Soluzione veloce e giuste sanzioni”, il Locarno alza le braccia
La rissa tra Semine e Locarno fa ancora discutere
PORTO
11 ore
Truffa a Cristiano Ronaldo, svaniti (e ricomparsi) 288’000 euro
Cristiano Ronaldo e l’impiegata disonesta: addebitati 200 viaggi mai fatti
NATIONAL LEAGUE
14 ore
Bienne, Hofer out 6 settimane
L'attaccante, infortunatosi nel corso del match col Davos, starà lontano dal ghiaccio per diverse settimane
FC LUGANO
15 ore
Il Lugano vuole continuità: «Conosco pregi e difetti di questo gruppo»
Mattia Croci-Torti è carico in vista del match contro il GC: «Sono reduci da una brutta eliminazione in Coppa».
CICLISMO
15 ore
Reusser d'argento ai Mondiali
La bernese ha chiuso la crono iridata alle spalle dell'olandese Ellen van Dijk.
FC LUGANO
17 ore
«Orgoglioso di questa chiamata, se avessi rifiutato sarei stato un codardo»
Mattia Croci-Torti è stato confermato alla guida dei bianconeri. Martin Blaser: «Competenza e continuità».
SUPER LEAGUE
17 ore
Lugano & Croci-Torti: l'avventura continua fino al 2023
Il 39enne fa parte dello staff tecnico bianconero da quattro stagioni.
FORMULA 1
20 ore
«Non ci saranno contrasti con Hamilton»
Il 23enne futuro pilota della Mercedes: «Abbiamo un ottimo rapporto e lavoreremo insieme per sviluppare la macchina»
HCL/HCAP
1 gior
Ginevra è dolcissima per McSorley, weekend amaro per l'HCAP
Il fine settimana he regalato tre punti al Lugano, nessuno all'Ambrì.
SERIE A
1 gior
Anche un Milan in emergenza ferma la Juve
Rebic risponde a Morata: i bianconeri restano a secco di vittorie dopo quattro giornate.
SERIE A
1 gior
Questa volta Mourinho mastica amaro
Al Bentegodi partita pazza, vinta dai veneti di Tudor 3-2. Pari della Lazio 2-2 con il Cagliari
COPPA SVIZZERA
1 gior
Ottavi di Coppa: sorteggio sfortunato per le ticinesi
Le sfide si disputeranno a fine ottobre
COPPA SVIZZERA
1 gior
Gioia Chiasso: i momò volano negli ottavi
La compagine rossoblù ha liquidato il Porrentruy con il punteggio di 3-0.
CICLISMO
1 gior
Niente podio per gli svizzeri: il campione è Ganna
Il ciclista italiano si è confermato il più veloce nella prova a cronometro davanti a Wout van Aert e Remco Evenepoel.
MOTO E
1 gior
Incubo Aegerter, campione del mondo per (soli) 10 minuti
L'elvetico ha conquistato la gara ma è stato penalizzato per aver buttato a terra Jordi Torres e ha perso il Mondiale.
SUPER LEAGUE
20.01.2021 - 13:000
Aggiornamento : 21.01.2021 - 09:07

«Dieci anni fa il Lugano avrebbe fatto fatica a salvarsi»

Arno Rossini: «Partono i giovani migliori e arrivano stranieri economici».

Meno soldi, meno voglia: così lo spettacolo sparisce.

LUGANO - Sion-Lugano ha ufficialmente riaperto una Super League che sempre più raramente riesce a entusiasmare. C’è l’agonismo, certo, ci sono tensione ed emotività; in quanto a spettacolo, però, è sempre più dura trovarne.

«Vero - è immediatamente intervenuto Arno Rossini - negli ultimi anni la qualità è diminuita parecchio. E questo influisce pesantemente sul rendimento delle squadre. Su quello che riescono e possono fare». 

Siamo al classico “ai miei tempi”?
«No, non si deve andare troppo indietro per ricordare una Super League ben più "difficile" e in grado - al contrario di ora - di fare da serbatoio per la Nazionale. Già solo 5-10 anni fa il livello era molto più alto. Penso alle stagioni del Basilea formato europeo. Di buonissimi giocatori, in quel periodo, in Svizzera ce n'erano parecchi. Ora invece vedo tanti ragazzi limitati tecnicamente e, purtroppo, neppure dominanti fisicamente».

Le due cose non vanno di pari passo?
«No, la prima ha una “causa” economica. Per la seconda ci sono invece colpe evidenti. La prima è figlia della perdita di competitività finanziaria dei nostri club, sempre pronti a lasciar partire i giocatori migliori e a rimpiazzarli con giovani non all’altezza…».

Largo ai giovani, si è sempre detto.
«Vero, ma il discorso ha senso se si guarda alla qualità. Invece la situazione porta i nostri ragazzi migliori a partire presto per l’estero, in cerca di fortuna. Al loro posto, poi, vengono chiamati stranieri economici. Si acquista scommettendo. Ma le scommesse non sempre vanno bene. E in generale, comunque, non aiutano ad alzare il livello del campionato. Anche perché chi arriva spesso è troppo acerbo per essere già “formato” o troppo vecchio per essere determinante. Gli stranieri forti, nell’età giusta, in Svizzera non vengono».

E gli under rossocrociati che vanno in Italia, Francia, Germania… non è un bene?
«Per loro sì, di certo. Per il nostro campionato no. Ma la scelta di partire è comprensibile: muoversi in una squadra media all’estero è molto più utile che stare in una big di Super League. Guardate per esempio Kevin Rüegg, passato dallo Zurigo al Verona. Al Letzigrund avrebbe giocato sempre, al Bentegodi lo fa raramente. Ma se azzecca la partita o riesce a imporsi, lo step successivo per lui è il Milan o l’Inter o la Juve… Fosse rimasto in biancoblù dove sarebbe andato? Forse al Basilea. O magari dopo anni, ormai passato il treno giusto, in una bassa Bundesliga». 

Il problema fisico invece?
«Il nostro pallone è sempre stato “ostico”, a livello continentale, perché la mancanza di qualità era sopperita con un ritmo e una fisicità che le squadre dei grandi campionati non avevano. Ora pure questa caratteristica è svanita».

Ci siamo imborghesiti?
«Abbiamo forse pensato di avere abbastanza qualità da permetterci di diminuire la velocità. Non è così. La realtà è che, da sempre, in allenamento ai giocatori non piace faticare senza palla. Le società, gli staff tecnici, non dovrebbero assecondare la mancanza di “voglia” di qualcuno. Di molti».

Finita l’analisi della crisi, ecco la domanda più difficile: come ne usciamo?
«La Federazione dovrebbe sostenere i club. Dovrebbe aprire i cordoni della borsa per renderli economicamente più stabili. Così facendo qualche buon calciatore in più si potrebbe trattenere. E poi, mi ripeto, si deve tornare a investire pesantemente, soldi ma anche tempo e conoscenze, sui settori giovanili. I nostri non sono produttivi. Mi sapete dire quanti ragazzi formatisi in Ticino sono arrivati al professionismo negli ultimi cinque anni? A me vengono in mente solo Giotto Morandi e Stefano Guidotti… Altrove va un po’ meglio ma la situazione non è comunque rosea. Questo accade anche perché far crescere i giovani è dispendioso, mentre è relativamente semplice rimanere competitivi ingaggiando calciatori già “fatti”. Pur se questi non sono eccelsi».

Basta la fantasia?
«E la competenza. E il Lugano ne è la prova. Con intelligenza e creatività, a Cornaredo hanno infatti saputo mettere insieme una squadra che al momento è terza in classifica. Sono stati bravi. Li si deve applaudire. Hanno grandi meriti, compreso quello di riuscire ad approfittare dei demeriti altrui, come quelli di un Sion pessimo, contro il quale a parer mio hanno perso due punti. Se il campionato fosse stato più competitivo, con quel budget i bianconeri avrebbero tuttavia fatto fatica a salvarsi. Dieci anni fa avrebbero fatto fatica a salvarsi».

Questo vale solo per le piccole però.
«No, anche per lo Young Boys. Quando si parla di mercato “importante”, a Berna si parla solo di cessioni. Gli acquisti, per la maggior parte, riguardano elementi buoni ma non eccezionali pescati da altre realtà nazionali. Dal Thun per esempio. Ma se basta questo per vincere…».

Hai raccontato di un calcio “passato” più spettacolare, capace di accogliere campioni.
«Meno di dieci anni fa qui da noi c’era uno come Mohamed Salah, non dimenticatelo. Lui è di certo il giocatore più forte che ricordi nel nostro campionato. Un giocatore che aveva stupito pure un Rino Gattuso ancora “fresco” di Milan. Me ne chiedeva sempre quando eravamo a Sion. Ma, pur più appetibile di quella attuale perché “abituata” a mandare squadre in Europa, già allora la Super League era solo una tappa di passaggio per i campioni. Un trampolino di lancio. Adesso però non è più neppure quello».

Salah arrivò grazie all’ottimo lavoro di scouting del Basilea. Qual è invece il “prodotto” svizzero che più ha nobilitato il nostro pallone?
«Qui devo andare un po’ più indietro. Dico Heinz Hermann. Cresciuto nei nostri settori giovanili e visto sempre sui nostri campi. In una recente cena mi ha raccontato che, al culmine della sua carriera, fu cercato da squadre tedesche e italiane. Rifiutò anche perché a livello economico e tecnico il nostro pallone era ancora più che competitivo». 

CALCIO: Risultati e classifiche

keystone-sda.ch (LAURENT GILLIERON)
Guarda tutte le 8 immagini
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-21 08:30:43 | 91.208.130.89