Keystone (foto d'archivio)
+1
COPPA ITALIA
12.06.2020 - 14:030

Vecchia Signora contro Diavolo, ma anche Napoli-Inter

Altro passo verso la normalità: questa sera (ore 21) riparte la Coppa Italia.

Già ricominciata la Liga, nel giro di una settimana si potranno seguire pure Serie A e Premier. Oltre al nostro calcio.

Non sarà quello vero. Non ci saranno gli spettatori e - arrugginiti da mesi di attività ridotta - pure i protagonisti non potranno dare il massimo. Con le prime partite della Liga (si è cominciato ieri con Siviglia-Betis) e le semifinali di Coppa Italia, i tanti tifosi pallonari potranno in ogni caso davvero pensare di essere tornati alla normalità.

L’antipasto della Bundesliga, in scena da settimane, e il prossimo via di Premier League (mercoledì), Serie A (sabato 20) e del nostro calcio (domenica Coppa Svizzera con Losanna-Basilea e da venerdì 19 con Super e Challenge) permetteranno infatti agli appassionati di chiudere definitivamente il loro periodo di astinenza. Permetteranno loro di cominciare a godere di uno spettacolino - non di più, temiamo - che intaserà i prossimi due mesi. Il weekend iberico proporrà come match-clou il derby Siviglia-Betis. Barça e Real avranno invece un esordio soft sfidando rispettivamente Maiorca ed Eibar. In Italia invece si farà subito sul serio. Questa sera e domani, ore 21, si giocheranno infatti le semifinali di ritorno della coppa nazionale, si giocheranno Juventus-Milan (andata 1-1) e Napoli-Inter (1-0). Partite secche, con i rigori dopo il 90’ in caso di pari, che definiranno la finale del prossimo mercoledì. I ritmi saranno bassi e, probabilmente, le menti offuscate; sarà però calcio vero. Cosa chiedere di meglio?

CALCIO: Risultati e classifiche

Keystone (foto d'archivio)
Guarda tutte le 5 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Momos 1 anno fa su tio
Tutti moralisti e predicatori oggi.... Fino a prima del coronavirus è sempre andata cosi. Mah...
patrick28 1 anno fa su tio
Finalmente !
spike3.0 1 anno fa su tio
Da grande appassionato di calcio, mi ricollego alla domanda finale dell'articolo, con conseguente risposta(si sa é cortesia rispondere)...cosa chiedere di meglio?1. Più empatia verso chi a sofferto, lo sport poteva aspettare 2.Il silenzio di tanto in tanto é la risposta migliore(giornalismo compreso) 3. La ripresa del calcio giocato é la vittoria dei diritti TV, la sconfitta per un tifoso 4.la normalità non ha nulla a che vedere con lo sport, se uno si guarda dentro capisce che c'é dell'altro 5. Da qui a due mesi, partite o non, avrò altro a cui pensare, decisamente a cose più concrete. Buon calcio a tutti:(
Momos 1 anno fa su tio
@spike3.0 ...allora ammazziamoci tutti, con tanto pessimismo non se ne uscirà mai. E' solo calcio si, ma se serve a lasciarci un po di bufera alle spalle ed a guardare avanti con un po di ottimismo ben venga. Se no come dicevo prima... spariamoci!
Tato50 1 anno fa su tio
@Momos Sarà per quello che per tornare alla normalità hanno demolito a sassate il Bus del Benfica, ferendo giocatori. Questo era da mesi che ci mancava-;((
spike3.0 1 anno fa su tio
@Momos Ciao Momos, non volevo travisare il pensiero di altri, la mia era giusto una riflessione estemporanea....ben vengano manifestazioni sportive e non, a far da supporto(si spera)a situazioni già pesanti di loro...i miei erano solo pensieri(talvolta condivisi su tio:))
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-12-07 13:24:41 | 91.208.130.86