keystone-sda.ch (NATHALIA AGUILAR)
+1
DIVERSI
07.03.2020 - 10:470
Aggiornamento : 14:08

Ronaldinho ancora nei guai

L'ex stella brasiliana arrestata due volte in poche ore per possesso di documenti falsi

«La legge deve essere rispettata, indipendentemente da chi sei», le parole del ministro degli Interni del Paraguay Euclides Acevedo.

ASUNCION - Non è propriamente un periodo felice per Ronaldinho. Nella giornata di ieri l'ex stella, tra le altre, di Barcellona e Milan è stato arrestato per la seconda volta in 48 ore. L'accusa è quella di essere entrato in Paraguay con dei documenti falsi.  Già mercoledì il 39enne brasiliano era stato fermato ad Asuncion - in compagnia del fratello Roberto de Assis - con l'accusa di possesso di documenti falsi. Ma in seguito erano stati rilasciati...

"Il procuratore generale ha ordinato la rettifica della posizione presentata dall'unità per i crimini organizzati - si legge in una nota emessa dal fisco paraguaiano - L'ufficio del procuratore generale ha quindi emesso un mandato di arresto accusando Ronaldinho di utilizzare documenti falsi. Ha richiesto la sua detenzione preventiva".

In Paraguay Ronaldinho avrebbe dovuto presentare il suo libro "Genius of Life" e partecipare ad alcune serate a scopo benefico. 

«Ronaldinho ha un passaporto falso. È un crimine ed è per questo motivo che è stato ordinato il suo arresto: rispettiamo la sua popolarità sportiva, ma la legge deve essere rispettata, indipendentemente da chi sei», così si è espresso il ministro degli Interni del Paraguay Euclides Acevedo a "AM 1080".

Già nel 2018 al diretto interessato fu ritirato il passaporto a Porto Alegre per reati ambientali, un problema che Ronaldinho aveva spesso cercato di aggirare falsificando appunto i propri documenti. 

CALCIO: Risultati e classifiche

keystone-sda.ch / STF (Jorge Saenz)
Guarda tutte le 5 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Zarco 4 mesi fa su tio
Giusto ! Legge uguale per tutti....poi si sa che non è proprio così !
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-07-11 04:38:12 | 91.208.130.85