Keystone/foto d'archivio
+ 7
SUPER LEAGUE
23.07.2019 - 12:240
Aggiornamento : 09.08.2019 - 10:40

Rapp, gol e sguardo al Lugano: «Spero sia un punto di partenza»

Simone Rapp, ticinese in forza al Thun (in prestito dal Losanna), ha bagnato con una rete il suo esordio in campionato: «Qui sono sempre stato bene. Lugano? A Cornaredo non sono mai partite facili»

THUN - Feeling con l’ambiente, con il mister e con i compagni: tornato “a casa” nella sua Thun, dove nel 2015 ha mosso i primi passi in Super League, Simone Rapp ha immediatamente ritrovato la via del gol. Arrivato in giugno ai bernesi in prestito dal Losanna - club proprietario del suo cartellino che la scorsa stagione lo aveva girato anche al San Gallo -, l'attaccante ha lasciato il segno nel primo turno di campionato, firmando di testa il definitivo 2-2 nel match con lo Xamax.

«Dispiace un po' per il risultato perché alla fine potevamo anche vincere, ma sullo 0-2 la partita si era messa male - esordisce il 26enne ticinese - Resta un pizzico d’amaro in bocca, ma c’è stata una reazione e questo è un bel segnale: era importante muovere subito la classifica».

Ormai vicinissimo alle 100 presenze coi bernesi - per ora sono 96 condite da 31 gol - per Rapp la Stockhorn Arena è diventata un po’ come l'habitat naturale. 
«Vero… (ride, ndr). Qui sono sempre stato bene. Ho ritrovato tante persone a me care con cui avevo già lavorato prima di andare via nel 2017. Aver trovato il gol alla prima giornata fa davvero piacere, ma siamo appena all’inizio. Spero sia un punto di partenza».

Con gli assist dell’amico Tosetti - proprio come sabato - è anche più “semplice”...
«Certo, per un attaccante è il top poter contare su un esterno come Matteo. Riesce sempre a mettere palloni favolosi, poi sta a noi riuscire a fare gol… Tra di noi c’è un’ottima intesa e sono felice di averlo nella mia stessa squadra».

Dopo il 2-2 nel primo ballo della nuova stagione, domenica il Thun è atteso a Cornaredo, ospite di un Lugano che al Letzigrund ha travolto lo Zurigo 4-0.
«Ho visto, è stato un successo davvero netto. Penso che a Lugano ci sia un buon mix di giocatori e, anche se siamo solo all’inizio, sembra che tutto giri già molto bene».

Che partita ti aspetti?
«A Cornaredo non sono mai partite facili. Tanto meno a luglio, di domenica pomeriggio, con oltre 30 gradi… Ad ogni modo mi aspetto una bella battaglia. Il Lugano gioca bene, non si chiude dietro ad aspettare. Potrebbero esserci spazi interessanti sia da una parte che dall’altra: sarebbe bello riuscire a fare punti».

Dopo il match di Lugano, i bernesi se la vedranno anche con Basilea e Lucerna prima della sfida di Coppa Svizzera (18 agosto contro il Bernex). Questi match servono anche per carburare…
«In questo momento è importante riprendere bene il ritmo del campionato, poi dopo la Coppa ci sarà un periodo davvero intenso con anche l’Europa League. Ora l’obiettivo è di fare altri passi avanti a livello fisico: tra 2-3 partite vedremo dove siamo».

Guarda tutte le 11 immagini
Commenti
 
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-08-22 07:15:42 | 91.208.130.85