SC Kriens
0
Losanna
3
2. tempo
(0-2)
Winterthur
1
Sciaffusa
0
2. tempo
(1-0)
Grasshopper
Chiasso
20:30
 
Vaduz
Aarau
20:30
 
Basilea
Zurigo
20:30
 
Keystone
SAN PAOLO
25.11.2018 - 08:000
Aggiornamento : 16:26

Il Rivaldo che non t'aspetti: «Sentivo le voci, credevo di morire»

L'ex campione brasiliano ha raccontato di un periodo delicato della sua vita: «Così decisi di dedicarmi a Dio»

SAN PAOLO (Brasile) - Quando era al Milan non era credente e non aveva fede. Subito dopo aver lasciato i rossoneri Rivaldo ha però vissuto un'esperienza trascendentale, che l'ha portato a "convertirsi".

A raccontarlo è stato lo stesso brasiliano: «Non ero credente, ma nel 2004 mi successe qualcosa di impressionante. Avevo lasciato il Cruzeiro ed ero senza squadra quando iniziai a sentire una voce che mi diceva che sarei morto in un incidente stradale. La sentivo sempre ed era chiara e nitida. Così, benché mi piacesse molto guidare, iniziai a trovare sempre scuse per non andare in macchina. Dicevo a mia moglie: andiamo a piedi, facciamo una passeggiata, e lei non si spiegava il motivo».

Finché un giorno non cambiò la sua vita: «Una volta non potevo proprio fare a meno dell'auto, andai a Mogi Mirim, vicino San Paolo, e durante tutto il viaggio continuavo a sentire quella voce sempre più forte. Avevo la sensazione che stesse per succedere qualcosa di grave e mi vennero in mente conoscenti che erano morti a causa di incidenti stradali, come mio padre ad esempio. Avevo paura, cercavo di stare lontano dai camion e quando arrivai finalmente a casa mi misi a piangere come un bambino. Quel giorno decisi di dedicare la mia vita a Dio. Da allora quella voce non l'ho più sentita».

CALCIO: Risultati e classifiche

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-07-14 19:51:08 | 91.208.130.85