Ti-Press
Risultati
12.08.2018
Super League
Basilea
 3 - 2 
fine
2-1
Sion
Lucerna
 2 - 3 
fine
0-1
Young Boys
Zurigo
 0 - 0 
fine
0-0
S.Gallo
Challenge League
Vaduz
 1 - 0 
fine
0-0
Servette
 
18.08.2018
Serie A
Chievo
  
18:00
Juventus
Lazio
  
20:30
Napoli
 
24.08.2018
Challenge League
Servette
  
20:00
Winterthur
 
25.08.2018
Super League
Young Boys
  
19:00
Xamax
Grasshopper
  
19:00
Sion
 
Classifiche
Super League
1
Young Boys
4
12
2
Basilea
4
7
3
S.Gallo
4
7
4
Zurigo
4
7
5
Sion
4
6
6
Thun
4
6
7
Lugano
4
4
8
Xamax
4
4
9
Lucerna
4
3
10
Grasshopper
4
1
Ultimo aggiornamento:14.08.2018 14:53
Challenge League
1
Losanna
4
10
2
Wil
4
9
3
Winterthur
4
7
4
Servette
4
6
5
Rapperswil
4
6
6
Sciaffusa
4
6
7
Vaduz
4
6
8
SC Kriens
4
5
9
Chiasso
4
3
10
Aarau
4
0
Ultimo aggiornamento:14.08.2018 14:55
Serie A
1
Udinese
0
0
2
Parma
0
0
3
Sampdoria
0
0
4
Cagliari
0
0
5
Sassuolo
0
0
6
Torino
0
0
7
Napoli
0
0
8
Bologna
0
0
9
Milan
0
0
10
Atalanta
0
0
11
Roma
0
0
12
SPAL
0
0
13
Empoli
0
0
14
Fiorentina
0
0
15
Frosinone
0
0
16
Genoa
0
0
17
Inter
0
0
18
Juventus
0
0
19
Lazio
0
0
20
Chievo
0
0
Ultimo aggiornamento:13.08.2018 15:17
ULTIME NOTIZIE Sport
SUPER LEAGUE
12.03.2018 - 07:000

Bianconeri fuori equilibrio, urge "ricentrarsi" e ripartire

Sbagli, incertezze e una nuova prestazione mediocre sono costati al Lugano - che pare essere tornato con la testa ai tempi della crisi autunnale - un pesante ko a Zurigo. E ora?

LUGANO - Per un paio di settimane la croce è stata buttata addosso a Da Costa. «Senza quegli errori il risultato sarebbe stato diverso». «Certi sbagli non sono accettabili». «Non è tranquillo». Sul conto del 31enne si è detto – a ragione – di tutto. Fuori lui per la sfida del Letzigrund, il Lugano non ha però voltato pagina. Anzi. L'incertezza che aveva bloccato il portiere zurighese contro San Gallo e Young Boys ha infatti “contagiato” chi è sceso in campo, imbarazzante per 20' almeno e, così, riuscito a compromettere un match che non pareva fuori portata. I biancazzurri di mister Magnin sono infatti sembrati tutto fuorché inarrivabili. Eppure hanno vinto con merito, allungando in classifica. Già era successo con i biancoverdi di Giorgio Contini e pure, per certi versi, con i gialloneri primi della classe. Se tutto va come deve insomma, se c'è la convinzione, allora i ticinesi se la giocano contro ogni rivale. Altrimenti si trasformano in mansueti agnellini pronti da sacrificare.

Appurato che qualità tecniche, fisiche e ordine tattico non mancano a questo Lugano, allora il problema è da cercare nella testa di molti interpreti, finora dimostratisi incapaci di esprimersi con costanza ad alto livello. Peccato perché, pur con la salvezza che (per il momento) non pare in discussione, salendo sull'altalena i ticinesi si stanno giocando la possibilità di una qualificazione alla prossima Europa League. E un futuro un po' più ricco. Tutto gettato alle ortiche? Non ancora, ma servirà tornare a fare le cose semplici, a scendere dal piedistallo (qualcuno) e a “ricentrarsi”. Ha ragione mister Tami: sarà una settimana difficile.

Commenti
 
Hardy 5 mesi fa su tio
Dopo il buon filotto qualcuno ha già pensato di essere in Champions, quindi via ai proclami ed ecco 10 papine nelle ultime 3 gare. E Thun e Sion sono a 7 punti, basta perderne ancora una e che una di quelle due vinca e la lotta per la salvezza è bella che riaperta, come già dissi qualche settimana fa. Basta davvero poco, la classifica è più corta di quel che sembra.
Potrebbe interessarti anche
Tags
lugano
Copyright © 1997-2018 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -  Cookie e pubblicità online  -  Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2018-08-16 09:45:45 | 91.208.130.87