ITALIABianca Balti: «Devo sottopormi ad una doppia mastectomia, sono terrorizzata»

08.12.22 - 10:00
La modella ha annunciato che si sottoporrà a un intervento per l’asportazione dei seni
IMAGO
Bianca Balti: «Devo sottopormi ad una doppia mastectomia, sono terrorizzata»
La modella ha annunciato che si sottoporrà a un intervento per l’asportazione dei seni

MILANO - Ad agosto Bianca Balti aveva scosso i suoi fan annunciando che in autunno si sarebbe dovuta sottoporre a un’operazione chirurgica per l’asportazione di ovaie e tube: una decisione sofferta presa a scopo preventivo dopo la diagnosi di una mutazione genetica, la BRCA1, che favorisce lo sviluppo del tumore ovarico. A quell’annuncio seguirono però mesi di silenzio che la Balti spiega così: «Qualche mese fa scrissi in una newsletter del BRCA1 - le sue parole -, la mutazione genetica che mi è stata diagnosticata e che aumenta esponenzialmente il mio rischio di contrarre un tumore al seno e/o alle ovaie. Donne mutate come me iniziarono a scrivermi da tutta Italia e persino dall’estero, ringraziandomi per dare voce ad una prognosi sconosciuta ai più. Sentii la responsabilità di usare il mio profilo Instagram per informare, perché l’educazione è prevenzione e, chissà, magari avrei potuto salvare delle vite. Eppure l’enorme attenzione mediatica che ricevetti mi forzò a fare un passo indietro, non sentendomi pronta a farmi paladina di una questione che ancora non sapevo come avrei risolto. Rifiutai interviste a giornali ed interventi in televisione. Mi eclissai da un giorno all’altro sull’argomento».

Se la 38enne top model è tornata a parlare è però per dare un altro annuncio choc. «Ho deciso di sottopormi ad una doppia mastectomia preventiva - si legge nella newsletter -. Perché non posso permettermi di ammalarmi io che porto, sola, la responsabilità economica di tutte sulle spalle. Perché vorrei che le mie bambine trovassero in me la forza di agire se un giorno anche loro venissero diagnosticate. Perché amo troppo la vita per non fare il possibile per preservarla. Mi sono sentita orgogliosa nel fissare una data, impaziente nell’attendere. Ma ora che il momento è arrivato non ne ho voglia. Mi sento fragile. Spaventata dall’idea di dover dipendere dagli altri. Terrorizzata dal dolore che proverò. Sconfortata nel dover rinunciare ad una parte del mio corpo che ha definito fino ad oggi la mia femminilità». 

Oggi la data fissata per l’operazione. «Ora che non posso più tirarmi indietro, egoisticamente, mi rivolgo a voi - l’appello della modella -. Per sentirmi dire quanto sono coraggiosa, che sto facendo la cosa giusta, che vi sono d’ispirazione. Perché ho perso il sentimento che mi ha portata qua; mi sono smarrita nell’autocommiserazione». 

COMMENTI
 
NOTIZIE PIÙ LETTE