SVIZZERANicky B Fly è la vincitrice del CokeSTUDIO Soundcheck 2022

09.10.22 - 14:02
La ragazza zurighese si è aggiudicata la 17esima edizione dell'evento ottenendo un premio di 50'000 franchi.
Nektar GmbH Filmproduktion
Nicky B Fly è la vincitrice del CokeSTUDIO Soundcheck 2022
La ragazza zurighese si è aggiudicata la 17esima edizione dell'evento ottenendo un premio di 50'000 franchi.

ZURIGO - Nicky B Fly ha vinto la diciassettesima edizione del CokeSTUDIO Soundcheck 2022. La cantante ha convinto il pubblico e la giuria dell'importante concorso musicale svizzero per esordienti. Il premio consiste in un contributo finanziario di 50’000 franchi, divisi in 20.000 in contanti e il resto in un anno di consulenza professionale e supporto al progetto da parte di "Capitano Music". Una spinta importante per la carriera della giovane cantante. Grazie al sostegno che riceverà dalla rinomata agenzia management potrà sviluppare ulteriormente il suo percorso musicale.

Un trampolino di lancio - La giuria guidata da Julie Born, responsabile di "Sony Music", dal manager musicale Reto Lazzarotto e dal giornalista Schimun Krausz ha selezionato dodici talenti musicali per le semifinali tra oltre 160 band e solisti di ogni stile. Durante l'estate, i semifinalisti sono stati confrontati a vari workshop individuali che consistevano nella realizzazione di video musicali professionali, nello scatto di foto per la stampa e in un'ulteriore formazione sui temi delle PR e dei social media. 

La finale - Con una votazione online, il pubblico ha poi deciso quali quattro artisti sarebbero stati ammessi alla grande finale di oggi. Il secondo, il terzo e il quarto posto sono andati a Pablo, Longsleeve and the WeirdBoys e Naveni, ai quali sono stati consegnati assegni del valore di 3.000, 2.000 e 1.000 franchi svizzeri rispettivamente.

Giovani ambiziosi - Il CokeSTUDIO Soundcheck si è affermato come un vero e proprio trampolino di lancio per giovani e ambiziosi artisti nel panorama musicale svizzero e ha prodotto artisti come 77 Bombay Street, Benjamin Amaru, Aaron Asteria e i Pedestrians.

COMMENTI
 
NOTIZIE PIÙ LETTE