TIO/20MIN/GIORDANO
Philipp Fankhauser è passato a trovarci, e non era solo...
ULTIME NOTIZIE People
ITALIA
2 ore
Fabio Volo a Salvini: «Vai a suonare ai camorristi, se hai le palle»
Lo scrittore, in diretta questa mattina su "Radio Deejay", ha duramente criticato l'ex ministro per la sua diretta Facebook di ieri. E non è il solo
CANADA / REGNO UNITO
4 ore
Harry e Meghan contro i paparazzi
Gli avvocati avvertono: la violazione della privacy dei Sussex configura potenzialmente il reato di molestie
ITALIA
4 ore
Valeria Marini vs Rita Rusic, che battaglia in tv!
Le due donne, rivali da anni, hanno dato vita ad furioso litigio
REGNO UNITO
6 ore
Addio a Terry Jones, fondatore dei Monty Python
L'attore gallese aveva 77 anni ed era malato da qualche anno
ITALIA
7 ore
Paola Barale attacca Signorini: «Sulle donne ha dato il cattivo esempio»
La showgirl accusa il conduttore e giornalista di sessismo 
STATI UNITI
7 ore
“Star Trek: Picard”, Patrick Stewart arriva in plancia
Il franchise aggiunge l’ottavo capitolo alla sua lunga storia. Dal 24 gennaio su Amazon Prima di nuovo spazio al leggendario Picard
REGNO UNITO
9 ore
Ozzy Osbourne ha il Parkinson e si curerà in Svizzera
La leggenda del rock dice di sentirsi meglio rispetto a un anno fa
ITALIA
10 ore
J-Ax prepara il ritorno con “ReAle”, da solo…o quasi
Il 24 gennaio il rapper italiano torna con il suo nuovo album a distanza di oltre 4 anni dall'ultimo lavoro
VIDEO
STATI UNITI
15 ore
Lynch, sempre più Lynch
Il regista condensa tutto la sua visione di cinema (e oltre) nei 17 minuti di "What Did Jack Do?", disponibile da ieri su Netflix
BREGGIA
15 ore
«Ecco perché, nonostante i bocconi amari, torno a Sanremo»
Rita Pavone al Festival della canzone italiana, sempre avaro di soddisfazioni per lei, dopo 48 anni di assenza. Sul palco porterà “Niente (Resilenza 74)”, brano scritto dal figlio
SVIZZERA
1 gior
Disney+ arriva in anticipo
L'uscita del servizio di streaming è prevista per il 24 marzo
STATI UNITI
1 gior
Prince, i familiari mollano le cause legali sulla morte
I parenti avevano citato in giudizio medici, clinica e farmacia per omicidio colposo
ITALIA
1 gior
Ramazzotti-Virzì, la foto conferma il ritorno dell’amore
Crisi terminata per la coppia, di nuovo insieme su Instagram
CANADA
1 gior
Harry è in Canada, la sua nuova vita comincia ora
Il principe si è ricongiunto con moglie e figlio
CANTONE
13.12.2019 - 06:010
Aggiornamento : 12:12

La vita, Lucio Dalla e il nuovo disco: Philipp Fankhauser si racconta

Oggi esce "Let Life Flow" e il più importante bluesman svizzero è venuto a raccontarcelo

LUGANO - Quando arriva in redazione è accompagnato dalla manager, dalla sua chitarra ma soprattutto da un simpaticissimo cagnolino. Philipp Fankhauser, indubbiamente uno dei più importanti musicisti svizzeri, è giunto in Ticino per la promozione del suo ultimo album "Let Life Flow", in uscita oggi.

«Sono sempre felicissimo di ritornarci» dopo aver trascorso qui «dieci anni della mia gioventù formativa», ci spiega Philipp. «Sono passato dal tunnel del Gottardo ma quando ho più tempo passo per Berna, il Sempione ed entro in Ticino da Camedo. Ogni volta è un po' come venire a casa». E grande è l'affetto che gli tributa il pubblico ticinese in occasione dei suoi show: l'ultimo di tempo è stato un concerto con affluenza record durante Vallemaggia Magic Blues qualche mese fa. 

È il giorno di "Let Life Flow": cosa troviamo in questo album?
«È stato un po' difficile dare seguito all'album passato, "I'll Be Around". Ero sicuro che quella sarebbe stata la vetta della mia carriera. Abbiamo deciso apposta di fare "Let Life Flow" un po' più in piccolo: non si può sempre crescere, ma sono fiero di questo disco».

Canti nella title track che “bisogna lasciar scorrere la vita”? Parli solo di te o è un invito che senti di rivolgere a tutti?
«Avevo qualche problema di salute quando ho registrato questa canzone e ho fatto una considerazione: non sai cosa ti aspetta nella vita. Ho deciso che sarebbe stata la base del mio prossimo album quando ho sentito cantare Kenny Neal cantare sul palco del Montreux Jazz Festival. Il messaggio è: lascia scorrere, perché non sai cosa ti capiterà domani. In Svizzera dovremmo essere meno severi con noi stessi».

Hai registrato sia in Mississippi che in Alabama: solo nel Sud degli Stati Uniti si può trovare un sound così definito, direi quasi scintillante? 
«Scintillante? Grazie, bello! La registrazione di base è stata fatta a Lucerna con il mio gruppo abituale. Per me è importante avere questa identità, senza dover ricorrere a dei professionisti ingaggiati negli Stati Uniti. Però, allo stesso tempo, ho bisogno del Mississippi per i fiati, le backing vocals e il mixaggio. Ne ho bisogno perché loro sanno come si fa un sound così, hanno il know-how che serve per creare questi suoni mitici. In Svizzera riusciamo a fare bellissime cose, ma il Southern Soul / Blues non è la specialità locale».

Nei tuoi anni ticinesi hai sentito moltissima musica italiana, negli anni mitici del cantautorato: cosa ti hanno lasciato quei grandi artisti?
«Hanno influenzato il mio approccio con la musica, che è sempre stato molto serio. La cosa più importante è la storia che si racconta, e ci sono parecchie analogie tra i blues e i brani dei cantautori. Anche se gli accordi non sono gli stessi la musica è identica. Sono cresciuto ascoltando De Gregori, Battisti, Battiato, e naturalmente Dalla, con quella canzone che mi segue da tutta la vita, "Milano", che ho messo nel mio album». 

Il tuo vecchio maestro ti ha promosso dopo averla sentita?
«Beh, non ha detto "eccellente", ha detto "abbastanza bene". Quindi rimaniamo calmi (ride, ndr)».

C'è qualcosa che ti colpisce della musica che si sente in radio oggi?
«Ultimamente non trovo tanto che m'interessa. Il 90% di ciò che sento alla radio non ha molta sostanza, ma ogni tanto c'è qualcosa che mi sorprende. Ricordo però che quando sono cresciuto la radio aveva anche una finalità formativa, mentre oggi mi sembra che ci sia una mera finalità commerciale e d'intrattenimento».

Con chi ti piacerebbe collaborare?
«Con Buddy Guy. Il sogno sarebbe stato di fare qualcosa con Prince: era un bluesman fantastico».

Sono passati 30 anni dal tuo disco d'esordio: "Blues For The Lady" è del 1989. Ti senti di fare un bilancio artistico?
«Quando avevo una ventina d'anni (oggi ne ha 55, ndr) ho fatto un'intervista a Berna e dissi che avrei voluto suonare fino a 80 anni. Al momento non ho necessità di fare un bilancio: andrò avanti, sperando che le persone continuino a voler sentire quello che facciamo. Sono contento di essere arrivato fin qui senza essere sceso a compromessi».

Invece il bilancio del Philipp Fankhauser uomo?
«Quello lo faccio tutti i giorni. Ci sono parti felici, altre meno in questi 40 anni in cui mi sono occupato quasi solo di musica. Certe volte mi piacerebbe avere interessi più estesi. Però penso che sono arrivato qui dove sono grazie alla scelta che ho fatto. Devo viverci con questo mix di felicità e tristezza. Se poi smetto, qualcosa dovrò fare: sto bene ma non sono diventato ricco. Potrei chiede alla Migros, ma penso che per il momento resto un cantante blues».

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-01-22 21:08:20 | 91.208.130.87