Foto Fabio Lovino
Elisa, classe 1977.
ULTIME NOTIZIE People
FOTO
MONDO
30 min
Miss Universo: la più bella è sudafricana
La studentessa e modella Zozibini Tunzi è stata incoronata ieri ad Atlanta: «È l'inizio di una nuova era»
STATI UNITI
54 min
Ecco perché Shawn Mendes ha confessato il suo amore a Camila Cabello
Il cantante ha spiegato di aver ricevuto un «segnale»
STATI UNITI
2 ore
Golden Globes, ecco le nomination
I premi verranno consegnati al Beverly Hilton il 5 gennaio
ITALIA
3 ore
Elodie e Marracash, il primo red carpet di coppia
Il rapper e la cantante sabato erano alla prima de La Scala
STATI UNITI
4 ore
Juice WRLD e quella challenge "profetica" su TikTok
Decine di filmati sul famoso social mostrano utenti simulare una crisi epilettica mentre ascoltano "Lucid Dreams", il suo brano più famoso
CANTONE
9 ore
«Da "Adrian" Celentano ha ricavato uno stimolo nuovo: tornerà presto, vedrete»
Gianni Dall'Aglio, storico batterista del "Molleggiato" ma anche di Lucio Battisti, sarà protagonista di "Un Ribelle si racconta" il 21 dicembre a Lodrino
VIDEO
BELLINZONA
11 ore
Il “vichingo” Sebalter si racconta
Guarda la video-intervista del "padrino" musicale di Music on Ice
ITALIA
11 ore
Ilaria D'Amico si confessa: «Avrei tanto voluto avere una figlia femmina»
Anche se adesso l'equilibrio con i suoi due maschietti e il compagno Gigi Buffon va alla perfezione: «All'inizio però ho sofferto»
STATI UNITI
22 ore
Melania, first lady “di rottura”: «Fa quello che le pare e piace»
È la tesi di un nuovo libro di una reporter della Cnn che però alla Casa Bianca piace molto poco: «Contiene informazioni false»
STATI UNITI
1 gior
«Se non fosse per mio fratello, io forse non sarei viva»
Parola di Billie Eilish che al compagno di vita (e musica) Finneas ha dedicato un sentito discorso: «Suoniamo assieme da sempre, gli devo tutto»
ITALIA
1 gior
Vanessa Incontrada, in lacrime parla di bellezza: «La perfezione non esiste»
La conduttrice, molto criticata per il suo aumento di peso, si è sfogata con un monologo in diretta tv: «Nel 2000 avere le forme è sbagliato»
CANTONE
18.07.2019 - 06:010
Aggiornamento : 10:32

Aspettando Elisa a Bellinzona: «Il cantautorato è dominato dagli uomini»

Un concerto attesissimo, quello di Elisa: la cantautrice italiana si esibirà nell’ambito di Castle On Air (Bellinzona) venerdì 26 luglio alle 20.30

BELLINZONA - Ventidue anni di carriera. Dieci album in studio. 5,5 milioni di dischi venduti, che l’hanno proiettata dritta verso il successo in Italia, in Europa, così come negli Stati Uniti. Numerose, inoltre, le (prestigiose) collaborazioni che ha collezionato nel corso del tempo. Qualche nome? Luciano Pavarotti, Francesco De Gregori, Ligabue. Ma anche Tina Turner - «un’esperienza incredibile e surreale», ammette la cantautrice, nel corso di un’intervista telefonica che ci ha concesso in vista dello show bellinzonese -.

Elisa, a inizio giugno è uscito l’ep - costruito con cinque brani in inglese - “Secret Diaries” (Universal): quattro inediti e “Feeling This Way”, che in italiano - con il titolo “Con te mi sento così” - troviamo nel tuo ultimo album, “Diari aperti” (Universal, ottobre 2018)...

«Il fatto di proseguire questo rapporto viscerale con la lingua inglese è un mio desiderio puro, intimo, fragile, nonostante la mia storia - di vita e di musica - accada in Italia. Non si tratta di voler cercare il successo planetario, ma di continuare ad avere uno scambio anche con il pubblico internazionale, proprio per un confronto più obiettivo, reale».

Negli ultimi tempi l’inglese ti mancava?

«Mi manca sempre, quando non c’è…».

Ti fa sentire meglio cantare all’interno di un contesto anglofono?

«Affermare che io mi senta meglio, forse oggi non corrisponderebbe al vero. E per me, questa, è una conquista: d’altra parte, ho imparato a cantare in italiano, trovando la mia identità in una maniera non tanto semplice…».

Per quale motivo?

«Musicalmente non avevo radici. Tutto il mio background, i miei ascolti, eccetto Battisti e Mina, erano in inglese. Ho dovuto per cui scoprire e capire come utilizzare la mia lingua. Un processo molto bizzarro, direi…».

Si dice che le donne all’interno dell’industria discografica siano meno considerate degli uomini… Condividi?

«Sì, sono abbastanza d’accordo. In Italia c’è poca attenzione per quello che è il cantautorato femminile. Il cantautorato di successo - a cui, di conseguenza, viene data più rilevanza -, nella misura dell’80% appartiene agli uomini. E da questa percentuale fuoriesce un ambiente un pochino maschilista».

È così anche a livello internazionale?

«No, non credo. Non ho questa impressione. Non conosco comunque la situazione nei micromercati, ossia nei mercati nazionali di altri Paesi…».

Andiamo nella seconda metà degli anni Novanta… È stato difficile all’inizio?

«No, il primo disco mi ha portato tanta fortuna... Ho dovuto semmai imparare a convivere con una nuova vita: dal paesino di provincia in cui facevo la parrucchiera, a diciotto anni, d’un tratto, mi sono ritrovata a girare il mondo… La gavetta, diciamo, l’ho fatta nei 4-5 anni precedenti a tutto questo...».

Chi è stato il primo a credere in te? Caterina Caselli o Corrado Rustici?

«In primis Caterina, che mi ha dato l’opportunità di esprimermi, offrendomi un contratto discografico. Ma è stato assolutamente fondamentale anche Corrado, che l’ha convinta a darmi una chance con l’inglese…».

Un’ultima domanda… Elisa che tipo di mamma è?

«Malgrado i numerosi impegni, con i miei due figli credo di essere una mamma abbastanza presente. Sono forse un po’ ansiosa… Li lascio comunque sperimentare qua e là, seppur con un po’ di tachicardia... (ride)».

Info: gcevents.ch

 

 

 

Foto Fabio Lovino
Guarda le 3 immagini
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-12-09 17:30:21 | 91.208.130.89