Gli Swing Brothers: Francesco Baccini (a destra) e Sergio Caputo.
ULTIME NOTIZIE People
STATI UNITI
1 min
Un personaggio gay in un cartoon Disney, è la prima volta
Kori Rae: «Abbiamo voluto aprire di un pizzico il nostro mondo e farlo più rappresentativo della società intorno a noi»
MALDIVE
38 min
Michelle alle Maldive: fisico super e qualche attacco
La conduttrice ha suscitato commenti diversi postando alcune foto delle sue vacanze
POLONIA / STATI UNITI
2 ore
Hunters, il Museo di Auschwitz si scaglia contro lo show di Amazon
La serie nel mirino per aver inscenato una partita a scacchi con pedine umane in un campo di concentramento
LOCARNO
4 ore
Il Pardo premierà Ryuichi Sakamoto con il Vision Award Ticinomoda
Il compositore e attore giapponese verrà insignito del riconoscimento durante il Festival il 6 agosto in Piazza Grande
STATI UNITI
6 ore
Fuga di gas in studio ad American Idol, Katy Perry perde i sensi
Paura al reality per un guasto alla cucina mobile, sul posto i pompieri che la troupe ha ringraziato... con un'audizione
AUDIO E STREAMING
CANTONE
11 ore
Le 16 sfumature di “Brutal” Camilla Sparksss si fa remix
L'album osannato dalla critica del progetto solista di Barbara Lehnhoff ritorna in chiave rivista da amici (e non solo)
ISRAELE
1 gior
È nato il primo figlio di Quentin Tarantino
Si tratta di un maschietto, avuto dalla moglie Danielle, ed è venuto alla luce a Tel Aviv
STATI UNITI
1 gior
Gli universi di “Better Call Saul” e “Breaking Bad” pronti a scontrarsi
Arriva anche su Netflix (da domani) il primo episodio della quinta stagione dedicata alle vicende di Jimmy McGill
VIDEO
STATI UNITI
1 gior
Non vi eravate mica dimenticati di “Westworld”, vero?
La serie robotica di HBO si è mostrata in un trailer con diversa gente nuova e che cambia tutte le carte in tavola
STATI UNITI
1 gior
Torna "Friends", confermata la puntata speciale
Jennifer Aniston, Courteney Cox, Lisa Kudrow, David Schwimmer, Matt LeBlanc e Matthew Perry insieme ancora una volta
CANTONE
19.06.2019 - 06:010

Baccini: «Io giudice in un talent? Mai e poi mai!»

Gli Swing Brothers, ossia Francesco Baccini e Sergio Caputo, si apprestano a dare il via a JazzAscona 2019: i due cantautori saliranno sul palco giovedì 20 giugno alle 22

ASCONA - Un sodalizio artistico, quello che ha preso forma tra Baccini & Caputo - figure importantissime e assolutamente anticonvenzionali della canzone italiana -, documentato, finora, all'interno di “Chewing Gum Blues” (Alcatraz Moon Italia), l'album che nel 2017 li ha visti varcare, per la prima volta insieme, la soglia di uno studio di registrazione.

Maestro Baccini, lei e Caputo da quanto tempo vi conoscete?

«Da quattro o cinque anni. Anche se prima, devo dire, abbiamo condiviso un sacco di cose senza mai incontrarci. Come, ad esempio, l'etichetta discografica, la CGD. Negli anni Ottanta, come tanti, inoltre, devo dire, mi innamorai di “Un sabato italiano” (CGD, 1983), il suo primo album: consumai quei microsolchi, mentre sognavo di diventare un musicista...».

Come descriverebbe gli Swing Brothers?

«Due ragazzacci ormai fuori età, ma giovanissimi dentro... Talvolta non mi rendo nemmeno conto di avere alle spalle trent'anni di carriera, probabilmente perché preferisco sempre guardare avanti...».

Cosa vuole anticipare dello show a cui assisteremo ad Ascona?

«Sarà un inseguimento. Io e Sergio ci rincorreremo, giocheremo a carte: lui calerà un brano, poi io subito un altro, e così via, anche scambiandoceli...».

Il live di JazzAscona potrebbe diventare un disco dal vivo?

«...Sicuramente faremo delle riprese... Anche perché una regista francese sta lavorando a un docu-film sui miei trent'anni di carriera...».

L’anno scorso ha recitato in “Credo in un solo padre” di Luca Guardabascio, pellicola per la quale, tra l'altro, ha lavorato anche alla colonna sonora. A livello di performance attoriale, non si tratta della sua prima esperienza cinematografica. Le piace fare l’attore?

«Sì, moltissimo...».

Quando uscirà nei cinema il film?

«Credo il prossimo autunno...».

Qual è, secondo lei, lo stato di salute attuale della musica italiana? 

«La musica bella c'è, ma va cercata. Tutto qui. Il problema è che siamo abituati male, dalle radio, dalle tv. I media hanno una grande importanza: costruiscono il personaggio. E personaggio non vuol dire artista...».

Cosa sta ascoltando in questo periodo?

«Un sacco di musica strumentale, ma anche del buon vecchio rock'n'roll: a me piacciono le cose belle, sono della Bilancia... (ride)».

Veniamo alla tv: non mi sembra abbia un rapporto idilliaco con tale servizio...

«Guardo le partite o i film, sono un grande appassionato di cinema... C'è chi guarda Barbara D'Urso, ma ognuno nella vita può fare quello che gli pare...».

E se qualcuno dovesse invitarla?

«Se devo mettermi al servizio della tv, col cazzo! Se andassi a fare Baccini, beh... Il problema è che mi vedo sempre più fuori da quella roba lì... Non voglio fare il primo della classe, perché non lo sono, ma vedo cose talmente stupide e talmente tristi che mi viene la depressione...».

Lei, quindi, non vestirebbe mai i panni di giudice in un talent canoro?

«No, mai e poi mai!».

Nemmeno per una cifra esorbitante?

«No, perché quella cifra lì, la ripagherei molto più alta: l'ho visto nel momento in cui, nel 2005, ho fatto "Music Farm": quando sei un artista di un certo tipo, dalla tv devi stare alla larga...».

Info: jazzascona.ch

 

 

 

 

 

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-02-24 17:13:10 | 91.208.130.86