Ivan Griggio (alias Vaniggio), classe 1972.
ULTIME NOTIZIE People
COREA DEL SUD
2 ore
Kang Daniel dichiara guerra al coronavirus
Il solista sudcoreano ha donato 50 milioni di Won per aiutare le persone colpite dall'epidemia
VIDEO
ITALIA
5 ore
Rissa in tv fra Valeria Marini e Antonella Elia
Le due showgirl sono concorrenti del Grande Fratello Vip
CANADA
7 ore
Harry e Meghan, il Canada non pagherà più per la loro sicurezza
Con il cambio di status non avranno più questo servizio
CANTONE / ZURIGO
12 ore
Ecco il nuovo singolo dei MäLT
Anticipa il primo Ep "Another Day", che uscirà il 27 marzo.
FOTO
GRIGIONI
16 ore
Due 20enni hanno organizzato un super festival Edm sulle nevi di St. Moritz
Si chiama SunIce Festival e lo hanno organizzato due giovani grigionesi: «L'idea ci è venuta...in spiaggia»
VIDEO
STATI UNITI
1 gior
Taylor Swift diventa uomo
Nel suo ultimo video, la cantante americana è protagonista di una trasformazione straordinaria. E molto verosimile.
ITALIA
1 gior
Il nuovo amore di Miriam Leone si chiama Paolo
Svelata l’identità del partner segreto dell’affascinante attrice.
FOTO E VIDEO
STATI UNITI
1 gior
1'300 proteste per il Super Bowl di J.Lo e Shakira
«Non abbiamo pagato per del porno, doveva essere uno spettacolo per famiglie», si sono lamentati in diversi
ITALIA
1 gior
Levante e Diodato “beccati” insieme a Milano
I due ex fidanzati si sono ritrovati per un'uscita tra amici.
ITALIA
1 gior
Il coronavirus secondo Bello Figo
E indovinate un po' come si intitola il pezzo?
FRANCIA
1 gior
Polanski non andrà ai César
Il cineasta ha deciso di non concedersi a «un autoproclamato tribunale d'opinione».
STATI UNITI
1 gior
Gwyneth Paltrow con la mascherina sul volo per Parigi
L'attrice non vuole correre rischi: «Sono già stata in questo film», con riferimento ironico a "Contagion"
CANTONE
03.05.2019 - 06:010

Nel sogno di Vaniggio, tra rock e altre storie

Pubblicato alcune settimane fa dalla label italiana Music Force “Solo un sogno“, primo album di Vaniggio, pseudonimo dietro al quale troviamo il bassista e cantante Ivan Griggio

STABIO - Dal rock immediato e genuino dei Versivari all'industrial metal dei Matamachete, per poi passare - muovendosi in ambientazioni più morbide - nelle fila delle formazioni di Gionata e di George Merk. Eclettico come pochi e da oltre 25 anni sulle scene, Ivan - con la collaborazione di Cristiano Arcioni - ha confezionato il suo primo disco da solista, all'interno del quale ha raccolto nove tracce di ottima fattura - granitiche e autentiche - che, a poco a poco, si schiudono, dando voce a riflessioni profonde e sincere.

Ivan, la scorsa estate, in occasione della pubblicazione di “A volte basta”, il primo singolo estratto dall’album, mi dicevi che il progetto Vaniggio stava per trasformarsi in una band: è accaduto?

«Sì, e la trasformazione è avvenuta in maniera più che naturale. Quasi tutti i musicisti che hanno preso parte alle sessioni di registrazione dell'album hanno accettato di buon grado la mia offerta per la dimensione live - che mi vede impegnato alla voce e alla chitarra -: ovvero, Roberto Panzeri (batteria), Roberto Invernizzi (chitarra), Cristiano Arcioni (Hammond) e Alberto Pagani (basso)».

Un album - “Solo un sogno” - su cui hai lavorato a lungo: vuoi raccontarne la genesi?

«È stato facile incominciare a comporre i brani: la vita, in quel periodo, mi ha regalato molti spunti. E una volta pronti i provini li ho affidati a Cristiano Arcioni, ben sapendo di poter contare sulla sua decennale esperienza di fonico e di arrangiatore».

L’anno scorso mi spiegavi che “A volte basta” per te ha segnato un nuovo inizio. Presumo quindi anche l'album...

«Ho sempre suonato con band e musicisti di talento, portando energie e idee dentro progetti che fondamentalmente non mi appartenevano. Facevo il gregario, e quel ruolo, con il passare del tempo, non mi calzava più. Vaniggio è un progetto costruito con miei testi e le mie musiche: mi sono messo a nudo per potermi rivestire con nuovi abiti... E devo ammettere che in questa dimensione mi sento comodo e, soprattutto, soddisfatto…».

Vuoi entrare nel dettaglio della title-track, “Solo un sogno”?

«“Solo un sogno” è la vera storia di un uomo che si è bruciato i migliori anni della sua vita. Ogni volta che mi capita di parlare con lui, la sua consapevolezza nell’avere sbagliato a gestirsi la giovinezza e nel dover pagare lo scotto delle sue scelte mi appare come una voglia di rivalsa, ma al contempo come un sogno, che svanisce una volta sveglio. L’ho incontrato per la prima volta davanti a una macchina del caffè: non sapevamo che per forza maggiore avremmo dovuto passare molto tempo insieme, e siamo diventati amici».

Amore, ma anche rabbia all’interno dei versi, delle strofe, che completano le nove canzoni del disco… Vuoi approfondire?

«L’amore e la rabbia vanno di pari passo: ci si arrabbia quando chi ami ti delude e ti fa del male. In questo disco sono confluite esperienze che ho vissuto soprattutto nel periodo di scrittura».

Quali i tuoi ascolti in corso d’opera?

«Ho ascoltato di tutto, dai Foo Fighters ai Depeche Mode e del buon metal “old school”. In quel periodo ho suonato anche del blues - come bassista - con i “miei” musicisti che mi hanno coinvolto nelle loro situazioni live...».

Che vuoi dirmi delle registrazioni?

«L’album è interamente autoprodotto, una scelta che non ti porta a scendere a compromessi. È stato registrato, missato e masterizzato in sala prove da Cristiano Arcioni, che ha capito immediatamente ciò che volevo. Abbiamo passato notti insonni per portarlo a termine...».

Quando è in programma il prossimo live?

«Il 2 giugno, in occasione di Poestate 2019, al Bar Laura di Lugano».

Info: facebook.com/vaniggio/; musicforce.it

 

Ingrandisci l'immagine
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-02-28 22:51:56 | 91.208.130.85