Immobili
Veicoli
Deposit
ULTIME NOTIZIE People
ITALIA
59 min
Pace fatta tra Fedez e J-Ax
I due artisti organizzeranno un concerto benefico e gratuito il 28 giugno a Milano
FRANCIA
5 ore
Robert Pattinson nel nuovo film del regista di Parasite
Si tratta dell'adattamento cinematografico di Mickey 7. Nel cast anche Mark Ruffalo
STATI UNITI
21 ore
Bill Cosby, si torna in tribunale
Si tratta di una causa civile per presunti abusi sessuali a metà anni Settanta
FRANCIA
23 ore
La protesta femminista sul tappeto rosso a Cannes
Srotolato un lenzuolo bianco con i nomi di 129 donne uccise da mariti e compagni
ITALIA
1 gior
Fedez, recupero record dopo il tumore: «Merito dell’amore»
L’artista è tornato ad allenarsi dopo soli due mesi dall’operazione
ITALIA / SVIZZERA
1 gior
«Neanche io all'inizio sapevo chi fosse l'assassino»
Joel Dicker ha presentato al Salone del Libro di Torino "Il caso Alaska Sanders"
FOTO
ITALIA
2 gior
«Finalmente abbiamo ricominciato a vivere»
Così Vasco Rossi all'indomani del concerto davanti a 120mila persone a Trento
STATI UNITI
2 gior
Margot Robbie nel prequel di "Ocean's Eleven"
Il film dovrebbe essere ambientato negli anni '60 e in Europa
REGNO UNITO
3 gior
Ed Sheeran è nuovamente papà
La secondogenita della popstar britannica è ancora una bambina
FOTO E VIDEO
REGNO UNITO
3 gior
Tom Cruise, William e Kate insieme per "Top Gun: Maverick"
Risate e battute in occasione della premiere del film a Londra
STREAMING E VIDEO
CANTONE
3 gior
Con "Stay" è iniziato il conto alla rovescia, per Alice Mondia
Nuovo singolo e videoclip per la cantante ticinese, che si prepara alla pubblicazione di "Shards of Glass"
FRANCIA
3 gior
Alessandro Borghi e Luca Marinelli, a Cannes l’inedita “uscita a quattro”
Fanno notizia i due riservatissimi attori in passerella con le rispettive partner  
ITALIA
4 gior
Marco Mengoni con le stampelle in tv: è giallo sull’infortunio
Il cantante si è esibito da seduto, poi non ha chiarito cosa gli sia accaduto
CANTONE
4 gior
Quella casa ad Ascona che accoglieva bambini in difficoltà e in fuga dalla guerra
La storia di Lilly Volkart raccontata da Mattia Bertoldi nel suo romanzo “Il coraggio di Lilly” da oggi nelle librerie
FOTO
FRANCIA
4 gior
Tutti pazzi per "Top Gun: Maverick"
È il grande giorno di Tom Cruise al Festival di Cannes
ITALIA
5 gior
Troppe stalker, Can Yaman costretto a cambiare casa
L’attore turco rimarrà a Roma: «La gente ha superato ogni limite»
GINEVRA
25.07.2020 - 13:000

Addio a RadioKawa, ma alcuni programmi sopravvivranno

Nel canale digitale dedicato ai podcast, tutto viene fatto a distanza

GINEVRA - "Match moi", "Carrément méchants", "Le Porncast"... Da 13 anni RadioKawa propone podcast eclettici e molto specializzati, spesso con uno spirito "per sentirsi bene" e non privo di umorismo. L'emittente "ginevrina" scomparirà quest'estate, ma molti suoi programmi sopravviveranno.

Tutto inizia con un podcast sui videogiochi trasmesso attraverso un sito web specifico e poi in diretta su una radio on line, ricorda Yann Rieder, membro della direzione e fondatore del canale digitalizzato ginevrino. All'inizio è una passione, un gruppo di amici, un suono molto amatoriale e un progetto seguito da vicino. Cinque anni dopo, nel 2013, i giovani podcaster hanno creato RadioKawa. Il loro obiettivo: andare oltre i videogiochi, toccare tutto ciò che li fa vibrare.

Molto rapidamente è un crescendo di trasmissioni. Ci sono quelle legate al cinema e alle serie televisive, ai fumetti e ai manga, all'attualità. Altre si occupano di sessualità, di psicologia sul lavoro, della leggenda arturiana, di musica sinfonica o, più intime, di confessioni. «Abbiamo parlato molto di inclusività e femminismo», temi ancora poco presenti nei podcast dice il francese Loup Lassinat-Foubert, attivo sul canale digitale da nove anni.

Le interazioni in diretta con diversi animatori e ospiti che danno dinamismo sono il DNA di RadioKawa, canale podcast indipendente. I programmi sono poco scritti e una grossa parte è lasciata all'improvvisazione. A RadioKawa, quasi tutto viene fatto a distanza, con schermi e microfoni. I produttori non si trovano praticamente mai faccia a faccia: si vedono solo due o tre volte all'anno in occasione di incontri con gli ascoltatori nei caffè.

Non esiste quindi uno studio o una redazione ginevrini. Gli animatori si collegano dalle rive del Lago di Ginevra, ma anche da Francia, Belgio, Canada e persino da Stati Uniti e Giappone, per programmi di ogni tipo che durano da tre minuti a quattro o cinque ore. Il numero di podcaster è cresciuto negli anni. Molti ascoltatori, sedotti dai contenuti trasmessi sul sito o twittati, vogliono partecipare all'avventura, spiega Lassinat-Foubert.

All'apice, RadioKawa ha avuto fino a un'ottantina di animatori, divisi in coppie o squadre per una cinquantina di emissioni. Nel 2014-2015 ha registrato 150'000 download al mese, il che la rende una delle strutture di podcast in lingua francese più ascoltate al mondo, sottolinea Yann Rieder. «Moltiplicando i programmi specializzati rivolti a un pubblico di nicchia, più fedele di quello generale, siamo finalmente riusciti a raggiungere un vasto pubblico».

Il canale on line stacca la spina quest'estate. Un grande show finale di RadioKawa è stato programmato per il 27 giugno. Per 13 anni, la piattaforma è rimasta indipendente e volontaria al 100%. Nessun inserzionista, nessun mecenate, nessuna influenza sulla linea editoriale. I suoi animatori hanno lavorato a fianco della loro attività professionale o di studio. L'unico reddito, proveniente dal crowdfunding a partire dal 2015, ha permesso di spesare i viaggi o l'acquisto di attrezzature.

I soldi rimasti andranno a cinque associazioni che si impadroniranno di una buona metà dei podcast attuali, dice Rieder. Tuttavia, gli animatori che lo desiderano potranno continuare a trasmettere contenuti sul sito fino alla fine del 2021, termine ultimo per l'hosting. «Non è una corsa contro il tempo», rileva Rieder. «E abbiamo preferito annunciare la fine di RadioKawa invece di lasciar deperire il canale».

La decisione non è stata presa per mancanza di fondi o per un calo dell'audience. Le reazioni su Twitter e le lettere dei lettori mostrano che i programmi sono ancora seguiti non solo in Svizzera ma in tutto il mondo francofono, a volte dalle stesse persone per più di dieci anni. Tuttavia, l'universo del podcasting sta cambiando, al punto che questo tipo di produzione è ormai minacciato nella sua stessa essenza, secondo Yann Rieder.

Grandi aziende stanno investendo in pubblicità per promuovere le proprie produzioni e attirare gli utenti di Internet, spiega il membro della direzione. Delle applicazioni guadagnano denaro trasmettendo podcast gratuiti prodotti volontariamente da altri e senza il loro consenso. Piattaforme come Spotify sottoscrivono podcast e li trasformano nella loro megafono, mentre l'interesse originale di questo mezzo è quello di essere libero e non dover rendere conto a nessuno.

I cambiamenti nel mondo del podcasting non hanno impedito a Yann Rieder, Loup Lassinat-Foubert e altri di RadioKawa di lanciarsi in un nuovo progetto nel 2018: Blueprint. Un'associazione start-up che riunisce cinque persone e produce trasmissioni, contenuti multimediali e servizi di consulenza. «Volevamo vivere delle competenze acquisite tramite RadioKawa senza perdere l'indipendenza del canale», dice Yann Rieder, presidente di Blueprint.

La nuova entità ha anche le sue linee invalicabili: non tratta con i partiti, non offre pubblicità non esplicita, non è un'agenzia di comunicazione. La sua spesa è frugale, «potrebbe resistere a un inverno nucleare», dice il ginevrino. «È una struttura leggera, molto più semplice da gestire», dice Lassinat-Foubert, co-animatore di "La Cartouche", un programma dedicato ai videogiochi e importati direttamente da RadioKawa.

Oltre a un altro programma che si occupa di tecnologia, altri due di nicchia si concentrano sull'universo Apple e sulle tastiere. Perché argomenti così specifici se ci sono così pochi podcast? Yann Rieder è convinto della validità: «Se non vogliamo rendere questo media mortale, occorrono contenuti ben prodotti, degli animatori appassionati che siano al top nel loro campo, e delle trasmissioni che non si rivolgano a un pubblico numeroso a tutti i costi».

 

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-05-23 17:03:18 | 91.208.130.87