Deposit
ULTIME NOTIZIE People
LIBANO
25 min
Le star libanesi sconvolte per Beirut
Mika e Mia Khalifa hanno manifestato sui social il loro dolore per quanto avvenuto ieri
CANTONE
3 ore
Per i Nova e Christian Zatta una mini-tournée... sotto le stelle
La band del chitarrista ticinese a settembre farà un mini-tour fra musica e scienza negli osservatori astronomici
STATI UNITI
14 ore
Halsey, la popstar che non pensava di diventare una popstar
La ricerca della felicità è fondamentale per la cantautrice, che non dimentica però l'impegno sociale
ITALIA
16 ore
Elisabetta Gregoraci applaude la Ferragni: «Viva le imperfezioni»
L’ex di Flavio Briatore si racconta a ruota libera a Libero Quotidiano, e rivela: “Chiara sa come muoversi”
STREAMING E VIDEO
ITALIA
18 ore
Le star cantano De André per celebrare il nuovo ponte di Genova
"Crêuza de mä pe Zêna" è il brano commemorativo dell'evento che ha avuto luogo ieri
REGNO UNITO
20 ore
La Royal Family fa gli auguri a Meghan (nonostante tutto)
William, Kate e la Regina hanno ricordato i 39 anni della Duchessa di Sussex
ITALIA
1 gior
Diletta Leotta: la storia con Scardina appartiene al passato
La bellissima presentatrice televisiva parla della fine del suo rapporto con il pugile
CANTONE
1 gior
Passione, lussuria ed eccessi per «l'escort più bello al mondo»
Franco Toro è il protagonista del nuovo libro di Dario Neron: «È quello che segretamente tutti vorrebbero essere»
STREAMING E VIDEO
STATI UNITI
1 gior
Taylor Swift infrangi-record con "Folklore"
Alcuni dei principali primati raggiunti dalla popstar con il suo nuovo lavoro
STATI UNITI
1 gior
Kanye West cerca di salvare il matrimonio con un viaggio
La coppia ha messo i figli su un jet e tutti sono partiti per una destinazione (al momento) segreta
ITALIA
1 gior
Belen Rodriguez: un’estate da dimenticare
La showgirl argentina ancora al centro del gossip, ma le sue vacanze non decollano
VIDEO
ITALIA
1 gior
È social la prima parolaccia di Leone, ma l'ha detta davvero?
La coppia pubblica un video con il piccolo che si lascia andare a una brutta espressione, il papà: «Mi dissocio»
ITALIA
2 gior
Facchinetti denuncia: «Un uomo ha sputato e offeso mia madre»
Il conduttore tv ha subito un'aggressione verbale a Milano
FOTO
MONDO
2 gior
Ecco cosa guarderemo su Netflix & co. questo mese
Tanti gusti sul menu, da "World's Most Wanted" a "Biohacker", passando per "Lucifer" e "The Last Narc"
SVIZZERA
2 gior
E in vacanza in Svizzera c'è pure Robbie Williams
Il cantante sta viaggiando per la Confederazione con la famiglia, a svelarlo una serie di post sui social
VIDEO
STATI UNITI
2 gior
Billie Eilish, il suo «futuro» scritto durante la quarantena
La cantante statunitense ha pubblicato il suo nuovo singolo "my future" venerdì scorso
GINEVRA
25.07.2020 - 13:000

Addio a RadioKawa, ma alcuni programmi sopravvivranno

Nel canale digitale dedicato ai podcast, tutto viene fatto a distanza

GINEVRA - "Match moi", "Carrément méchants", "Le Porncast"... Da 13 anni RadioKawa propone podcast eclettici e molto specializzati, spesso con uno spirito "per sentirsi bene" e non privo di umorismo. L'emittente "ginevrina" scomparirà quest'estate, ma molti suoi programmi sopravviveranno.

Tutto inizia con un podcast sui videogiochi trasmesso attraverso un sito web specifico e poi in diretta su una radio on line, ricorda Yann Rieder, membro della direzione e fondatore del canale digitalizzato ginevrino. All'inizio è una passione, un gruppo di amici, un suono molto amatoriale e un progetto seguito da vicino. Cinque anni dopo, nel 2013, i giovani podcaster hanno creato RadioKawa. Il loro obiettivo: andare oltre i videogiochi, toccare tutto ciò che li fa vibrare.

Molto rapidamente è un crescendo di trasmissioni. Ci sono quelle legate al cinema e alle serie televisive, ai fumetti e ai manga, all'attualità. Altre si occupano di sessualità, di psicologia sul lavoro, della leggenda arturiana, di musica sinfonica o, più intime, di confessioni. «Abbiamo parlato molto di inclusività e femminismo», temi ancora poco presenti nei podcast dice il francese Loup Lassinat-Foubert, attivo sul canale digitale da nove anni.

Le interazioni in diretta con diversi animatori e ospiti che danno dinamismo sono il DNA di RadioKawa, canale podcast indipendente. I programmi sono poco scritti e una grossa parte è lasciata all'improvvisazione. A RadioKawa, quasi tutto viene fatto a distanza, con schermi e microfoni. I produttori non si trovano praticamente mai faccia a faccia: si vedono solo due o tre volte all'anno in occasione di incontri con gli ascoltatori nei caffè.

Non esiste quindi uno studio o una redazione ginevrini. Gli animatori si collegano dalle rive del Lago di Ginevra, ma anche da Francia, Belgio, Canada e persino da Stati Uniti e Giappone, per programmi di ogni tipo che durano da tre minuti a quattro o cinque ore. Il numero di podcaster è cresciuto negli anni. Molti ascoltatori, sedotti dai contenuti trasmessi sul sito o twittati, vogliono partecipare all'avventura, spiega Lassinat-Foubert.

All'apice, RadioKawa ha avuto fino a un'ottantina di animatori, divisi in coppie o squadre per una cinquantina di emissioni. Nel 2014-2015 ha registrato 150'000 download al mese, il che la rende una delle strutture di podcast in lingua francese più ascoltate al mondo, sottolinea Yann Rieder. «Moltiplicando i programmi specializzati rivolti a un pubblico di nicchia, più fedele di quello generale, siamo finalmente riusciti a raggiungere un vasto pubblico».

Il canale on line stacca la spina quest'estate. Un grande show finale di RadioKawa è stato programmato per il 27 giugno. Per 13 anni, la piattaforma è rimasta indipendente e volontaria al 100%. Nessun inserzionista, nessun mecenate, nessuna influenza sulla linea editoriale. I suoi animatori hanno lavorato a fianco della loro attività professionale o di studio. L'unico reddito, proveniente dal crowdfunding a partire dal 2015, ha permesso di spesare i viaggi o l'acquisto di attrezzature.

I soldi rimasti andranno a cinque associazioni che si impadroniranno di una buona metà dei podcast attuali, dice Rieder. Tuttavia, gli animatori che lo desiderano potranno continuare a trasmettere contenuti sul sito fino alla fine del 2021, termine ultimo per l'hosting. «Non è una corsa contro il tempo», rileva Rieder. «E abbiamo preferito annunciare la fine di RadioKawa invece di lasciar deperire il canale».

La decisione non è stata presa per mancanza di fondi o per un calo dell'audience. Le reazioni su Twitter e le lettere dei lettori mostrano che i programmi sono ancora seguiti non solo in Svizzera ma in tutto il mondo francofono, a volte dalle stesse persone per più di dieci anni. Tuttavia, l'universo del podcasting sta cambiando, al punto che questo tipo di produzione è ormai minacciato nella sua stessa essenza, secondo Yann Rieder.

Grandi aziende stanno investendo in pubblicità per promuovere le proprie produzioni e attirare gli utenti di Internet, spiega il membro della direzione. Delle applicazioni guadagnano denaro trasmettendo podcast gratuiti prodotti volontariamente da altri e senza il loro consenso. Piattaforme come Spotify sottoscrivono podcast e li trasformano nella loro megafono, mentre l'interesse originale di questo mezzo è quello di essere libero e non dover rendere conto a nessuno.

I cambiamenti nel mondo del podcasting non hanno impedito a Yann Rieder, Loup Lassinat-Foubert e altri di RadioKawa di lanciarsi in un nuovo progetto nel 2018: Blueprint. Un'associazione start-up che riunisce cinque persone e produce trasmissioni, contenuti multimediali e servizi di consulenza. «Volevamo vivere delle competenze acquisite tramite RadioKawa senza perdere l'indipendenza del canale», dice Yann Rieder, presidente di Blueprint.

La nuova entità ha anche le sue linee invalicabili: non tratta con i partiti, non offre pubblicità non esplicita, non è un'agenzia di comunicazione. La sua spesa è frugale, «potrebbe resistere a un inverno nucleare», dice il ginevrino. «È una struttura leggera, molto più semplice da gestire», dice Lassinat-Foubert, co-animatore di "La Cartouche", un programma dedicato ai videogiochi e importati direttamente da RadioKawa.

Oltre a un altro programma che si occupa di tecnologia, altri due di nicchia si concentrano sull'universo Apple e sulle tastiere. Perché argomenti così specifici se ci sono così pochi podcast? Yann Rieder è convinto della validità: «Se non vogliamo rendere questo media mortale, occorrono contenuti ben prodotti, degli animatori appassionati che siano al top nel loro campo, e delle trasmissioni che non si rivolgano a un pubblico numeroso a tutti i costi».

 

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-08-05 10:25:46 | 91.208.130.87