Archivio Fotolia
ULTIME NOTIZIE People
ITALIA
2 ore
Il sogno di Gabriel Garko: «Vorrei un figlio»
L’attore ha parlato dei piani per il futuro: “Ci sto pensando seriamente”
Italia
4 ore
Fedez accusato di diffamazione da un pluriomicida degli anni Novanta
Nella canzone pubblicata dal cantante a giugno, viene citato Pietro Maso che nel 1991 ha assassinato i propri genitori
ITALIA
6 ore
Francesca Neri e la malattia, la confessione: «Ho pensato al suicidio»
Dopo il marito Claudio Amendola è l’attrice a parlare della sua condizione in una lunga intervista
Stati Uniti
11 ore
Le Kardashian tornano su Hulu con un nuovo show
Non è chiaro ancora il format, ma Kris Jenner ha dichiarato che «ci vedrete crescere come famiglia»
STATI UNITI
13 ore
30 anni senza Miles Davis
Iconico, inarrivabile, se ne andava in California il 28 settembre 1991
STREAMING
CANTONE
16 ore
Un brano scritto per «evitare d'impazzire»
È così che è nato "Burnout", il nuovo singolo di Dox Morgan
STATI UNITI
1 gior
R. Kelly è colpevole di traffico e sfruttamento sessuale di minori
Lo ha stabilito oggi la giuria del processo in cui il rapper è stato descritto come un predatore di giovani donne
ITALIA
1 gior
Barbara D’Urso, scenata di gelosia al fidanzato in un locale
La presentatrice ha bacchettato Francesco Zangrillo, “distratto” da un’altra donna
ITALIA
1 gior
La lunga lotta di Francesca Neri con una misteriosa malattia
Dura da tanti anni e l'ha raccontata il marito Claudio Amendola in diretta televisiva: «Un quotidiano ed enorme dolore»
ITALIA
1 gior
Diletta Leotta: «Con Can Yaman tutto troppo veloce»
La conduttrice ha parlato della storia con l’attore e apre a un possibile ritorno
SVIZZERA
10.04.2015 - 15:020
Aggiornamento : 10.01.2018 - 10:20

Diagnosticare il cancro... dall'alito

Lo si potrà fare grazie a un apparecchio portatile testato su pazienti del CHUV di Losanna

LOSANNA - Un apparecchio portatile permetterà di individuare nell'alito la presenza di determinati tipi di cancro. Testato su pazienti del CHUV di Losanna, il nuovo dispositivo è stato elaborato da una équipe internazionale di ricercatori, in collaborazione con il Politecnico federale di Losanna (EPFL).

Attualmente sono ancora rari gli esami di routine che consentono di diagnosticare la presenza di un cancro, mentre questa malattia è la terza causa di mortalità nel mondo. Nella loro maggioranza, i tumori maligni sono individuati relativamente tardi, il che riduce le possibilità di guarigione.

Una tecnologia sviluppata parzialmente all'EPFL potrebbe modificare questo stato di cose, indica il Politecnico in un comunicato odierno. Il nuovo apparecchio messo a punto dai ricercatori permette di reperire rapidamente nell'alito la presenza di un cancro, ad esempio della gola o della bocca. Lo strumento funziona sia con un computer che con un telefono portatile.

I ricercatori del Laboratorio dei sensori, attuatori e microsistemi (SAMLAB) dell'EPFL, diretto a Neuchâtel da Nico de Rooji, hanno sviluppato dei microsensori che permettono di differenziare l'alito di un paziente sano da quello di un paziente malato. L'alito umano contiene in effetti centinaia di composti organici volatili (COVs), la cui presenza e concentrazione cambiano in funzione dello stato di salute.

Le cellule cancerogene possiedono un metabolismo distinto rispetto alle cellule sane e producono sostanze diverse, sia dal profilo della quantità che della tipologia. Conferiscono, in un certo senso, una loro "impronta" all'alito umano.

I ricercatori sono riusciti ad individuare queste differenze grazie ad una rete di microsensori capaci di identificare un gas e la sua concentrazione. Hanno pure avuto l'idea di ricorrere a polimeri diversi per ogni sensore, allo scopo di ottenere una visione d'insieme della composizione del gas.

"Sul mercato esistono già metodi di individuazione delle molecole - soprannominati anche 'nasi elettronici' - ma essi riescono difficilmente ad analizzare gas molto complessi, quali l'alito", spiega Nico de Rooji, citato nel comunicato dell'EPFL. "La misurazione, ad esempio, può essere perturbata dall'umidità e falsare in questo modo i risultati".

Con la collaborazione del Swiss Nanoscience Institute dell'Università di Basilea, i ricercatori dell'EPFL hanno potuto testare il dispositivo su pazienti del Centro ospedaliero universitario vodese (CHUV) ammalati o che hanno subito un intervento chirurgico per un cancro della gola. I risultati delle sperimentazioni hanno dimostrato la grande efficacia dei sensori.

Un'azienda neocastellana è interessata alla commercializzazione della nuova tecnologia, già protetta da un brevetto. Le sue applicazioni sono molteplici: un altro partner del progetto, il centro di ricerca NIMS/MANA in Giappone, ha presentato un prototipo nel quale i sensori sono collegati ai telefoni portatili. Questa innovazione è stata ricompensata nell'ambito del Nanotech 2015 Event.

La tecnologia interessa pure i biologi. All'Università di Neuchâtel test sono attualmente condotti dal Laboratorio per la ricerca fondamentale e applicata in ecologia chimica, allo scopo di analizzare i gas emessi dalle piante quando sono aggredite da determinati insetti o funghi.

Il fatto di poter individuare tempestivamente il problema potrebbe permettere agli agricoltori di reagire prontamente, ricorrendo ad esempio a quantità meno importanti di insetticidi.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-28 23:05:18 | 91.208.130.86