ULTIME NOTIZIE People
ITALIA
3 ore
Levante rivela l'origine del suo nome d'arte: «Ecco perché mi chiamo così»
Il suo vero nome è Claudia Lagona, lo spunto arriva dal film 'Il Ciclone' di Leonardo Pieraccioni
FOTO E VIDEO
SVIZZERA
6 ore
«Che orgoglio vestire Kristen Stewart»
In occasione della première di Charlie's Angels a Los Angeles l'attrice ha indossato un vestito dello stilista svizzero Kevin Germanier
ITALIA
7 ore
Emanuele Filiberto, annuncio solenne: «I Reali stanno tornando»
Il comunicato è probabilmente un teaser per il lancio di un nuovo programma televisivo
VIDEO
STATI UNITI
8 ore
Angelina Jolie è pronta per una nuova storia d'amore
L'attrice ha già avuto diversi appuntamenti galanti, ma per ora non ha ancora trovato una persona che sia stata in grado di farle tornare il cuore a battere
ITALIA
10 ore
Mara Maionchi, scuse pubbliche ad Arisa: «Non volevo offenderla»
«Mi è dispiaciuto molto, mi dispiace per quello che è accaduto. Figuriamoci se mi metto a parlare male di una canzone così bella»
FOTO
PEOPLE
12 ore
Con i nuovi AirPods Pro è «come vivere dentro a una bolla»
Le auricolari bianche di Apple sono già l'oggetto del desiderio numero uno per Natale anche grazie alla loro tecnologia non innovativa ma sorprendente
ITALIA
13 ore
Paola Ferrari: «Ho da poco scoperto di avere un fratello»
«Quando vedo le sue foto mi si ferma il cuore. Ha i miei stessi occhi. Ho saputo, ho fatto delle indagini da giornalista. Ho scoperto anche che questo fratello non c'era più. Era morto a 35 anni»
TICINO
02.03.2015 - 08:510
Aggiornamento : 10.01.2018 - 10:20

Mops, in viaggio dentro un altro universo

Alla ricerca di giovani danzatori da formare

LUGANO - Venuta alla luce nel 2008 da un’iniziativa della coreografa ticinese Ela Franscella, l’Associazione Mops_DanceSyndrome amalgama due mondi che possono apparire lontani, quando, però, non lo sono affatto. Parliamo della danza contemporanea e dell’handicap: “Il progetto, unico nel suo genere in tutta Europa, è basato su un metodo coreografico specifico in grado di esaltare talento, sensibilità, espressività e creatività di danzatori affetti da Sindrome di Down (Trisomia 21)”, ci spiega Ela.

“Ora come ora siamo alla ricerca di giovani di un’età compresa tra i 15 e i 35 anni, interessati a seguire la formazione e un percorso che successivamente li potrà portare a entrare a fare parte dell’organico della compagnia”. “L’esperienze non è necessaria… Ciò che è indispensabile è la passione e l’interesse nei confronti di questa bellissima forma artistica…”, continua la coreografa. “Sulla base di due pomeriggi a settimana, in calendario ogni mercoledì e giovedì, la formazione dura in media un anno…”.

Oltre a focalizzarsi su produzioni coreografiche, “per le quali – puntualizza Ela – a livello creativo partecipano anche i danzatori”, Mops ha al suo attivo anche tre cortometraggi: “Diciamo che il raggio d’azione è molto ampio, e questo è anche grazie alle grandi capacità artistiche dei ragazzi…”.

In questo periodo, la compagnia sta mettendo a punto “Lo scintillio della brina”: “Si tratta di una performance di trenta minuti ideale anche per spazi urbani – spiega la coreografa prima di concludere – Il lavoro prende ispirazione da alcune opere figurative di Reinhold Rudolf Junghanns (1884-1967), un artista tedesco legato al Monte Verità, e al Cabaret Voltaire di Zurigo, in particolare a Emmy Hennings e a Mary Wigman…”. “A differenza dei quattro spettacoli precedenti, questa volta i tre danzatori - Amedea Aloisi, Simone Lunardi e Mary Courtin - si ritrovano in un contesto più intimo, così da poter interagire più facilmente col pubblico…”. La “prima” è in programma il 21 maggio nella sede compagnia, presso l’Atelier Teatro dei Fauni a Locarno.

Infos: mopsdancesyndrome.com

 

Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-15 22:43:59 | 91.208.130.85