Keystone
SVIZZERA
07.03.2018 - 12:330

Marchionne: «No a una guerra dei dazi: vincerebbe l'America»

In coda alla riunione dell'Acea, il Ceo di Fca ricorda che gli Stati Uniti importano più di quanto esportino

GINEVRA - «Minacciare dazi a dazi non risolve assolutamente niente. Se si dovesse fare la guerra dei dazi fino alla fine vincerebbe l'America. Basta guardare il suo bilancio economico, importa più di quanto esporta». Lo ha detto Sergio Marchionne, amministratore delegato di Fiat Chrysler Automobiles (Fca), parlando con i giornalisti al termine della riunione dell'Acea, l'associazione dei costruttori europei, a Ginevra.

Nell'incontro, ha riferito Marchionne, non è stata affrontata la questione dazi. «Non cambieranno gli investimenti di Fca, ma potrebbero esserci impatti sul mantenimento di una base in America», ha detto.

L'UE: «Speriamo non sia necessario, ma siamo pronti» - «Finché le misure degli Usa non sono prese, speriamo di poter evitare una disputa commerciale che non è nell'interesse di nessuno», ma «è chiaro che se queste verranno prese danneggeranno l'Ue» quindi «dobbiamo rispondere in modo fermo e proporzionale» e «in linea con le regole della Wto», l'Organizzazione mondiale del commercio.

Così la commissaria europea al commercio Cecilia Malmstroem annunciando che la lista di contromisure commerciali è pronta in caso scattassero i dazi americani sull'acciaio. «Speriamo l'Ue sia esclusa, abbiamo cercato di convincere gli Usa».
 


 

6 mesi fa Scontro Trump-Ue sui dazi, Cohn si dimette
6 mesi fa Dazi: sul tavolo dell'Ue misure da 2,8 miliardi contro gli Usa
6 mesi fa Dazi, se diventeranno operativi Ue pronta alle contromisure
Cerca lavoro in Ticino su www.tuttojob.ch
Commenti
 
Tags
dazi
america
marchionne
ue
guerra
fca
Copyright © 1997-2018 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -  Cookie e pubblicità online  -  Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2018-09-26 09:27:45 | 91.208.130.87