Keystone
TURCHIA
08.03.2018 - 12:020
Aggiornamento 12:22

Ankara: «Dopo Afrin, offensiva contro il Pkk anche in Iraq»

Il ministro degli Esteri turco ha precisato di aver già avviato un dialogo con Baghdad in tal senso

ANKARA - L'operazione militare della Turchia contro l'enclave curda di Afrin nel nord della Siria «potrebbe concludersi entro maggio», quando Ankara vorrebbe attaccare il Pkk curdo anche nel nord dell'Iraq.

Lo ha detto il ministro degli Esteri turco, Mevlut Cavusoglu, precisando di aver già avviato un dialogo con Baghdad in vista di una possibile offensiva dopo le elezioni irachene del 12 maggio.

L'operazione 'Ramoscello d'ulivo' contro Afrin è stata lanciata il 20 gennaio scorso con l'obiettivo di strapparne il controllo alle milizie curde dell'Ypg, che Ankara considera terroriste ma che sono sostenute dagli Usa nella lotta all'Isis.

Finora, l'esercito turco sostiene di aver "neutralizzato" (cioè ucciso, ferito o catturato) oltre 3 mila combattenti nemici, perdendo sul terreno 41 soldati e 159 miliziani arabi alleati. Ma la sua avanzata è stata condotta finora nella cintura rurale e montuosa al confine turco-siriano, mentre non è ancora cominciato l'annunciato assedio al centro urbano di Afrin, roccaforte dell'Ypg, dove vivono decine di migliaia di civili.

In nord Iraq, invece, Ankara conduce regolarmente raid aerei contro le basi del Pkk dalla rottura della tregua nel luglio 2015. L'operazione ipotizzata da Cavusoglu potrebbe quindi essere anche terrestre.

 


 

Commenti
 
madras 3 mesi fa su tio
Basta fermate sto squilibrato che vede nemici d'apertutto, cosi facendo divverrà il dittatore più grande dell'Asia.
Tags
ankara
afrin
pkk
iraq
nord
offensiva
operazione
Copyright © 1997-2018 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - POLICY - COMPANY PAGES

Ultimo aggiornamento: 2018-06-18 11:40:07 | 91.208.130.87