KEYSTONE/EPA (PARLIAMENTARY RECORDING UNIT HANDOUT)
Theresa May ha chiesto il rinvio della Brexit.
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
STATI UNITI
34 min
Che settimana per Trump
Il cosidetto Ucrainagate approdalla alla Camera americana. Giusto in tempo per le primarie democratiche
UGANDA
4 ore
Uganda flagellato dalle alluvioni: almeno 16 morti
I volontari affermano di aver recuperato dei cadaveri che galleggiavano sull'acqua o erano impigliati sugli alberi di cacao
AUSTRALIA
4 ore
Figlia di un ex premier australiano rivela: «Mio padre mi chiese di tacere degli stupri»
La donna denuncia di essere stata molestata da un collega del padre. Bob Hawke è stato primo ministro dal 1983 al 1991
STATI UNITI
4 ore
Morto l'astro nascente del rap Juice Wrld, aveva 21 anni
Colto dalle convulsioni in aeroporto a Chicago, l'artista è deceduto poco dopo essere giunto in ospedale
NEPAL
5 ore
Primo arresto per la morte di una donna in una "casa del ciclo"
Una tradizione secolare indù vuole che durante le mestruazioni le donne dormano fuori dall'abitazione familiare
INDIA
5 ore
L'incendio di New Delhi è stato innescato da un corto circuito
È quanto rivelano le autorità. I familiari delle vittime hanno dovuto riconoscere i cadaveri da foto scattate con lo smartphone
REGNO UNITO
7 ore
In migliaia dormono all'aperto in segno di sostegno ai senzatetto
L'obiettivo del "Big Sleep Out" era raccogliere 50 milioni di dollari. Londra, New York, Brisbane e Dublino tra le città coinvolte
STATI UNITI
7 ore
Si sono mangiati la banana da 120'000 dollari di Cattelan
Protagonista del costos(issim)o snack un altro artista, David Datuna che è stato poi blindato dalla sicurezza
ITALIA
8 ore
Alta attività esplosiva dello Stromboli
Per gli escursionisti permane il divieto di scalare la montagna oltre quota 290 metri
BRASILE
9 ore
Amazzonia: due leader indigeni uccisi in un attacco
Gli indios brasiliani si trovano ad affrontare una violenza crescente sotto la presidenza di Jair Bolsonaro
REGNO UNITO
9 ore
Dimissioni se non si raggiunge la maggioranza assoluta? Johnson glissa
Una recente rilevazione mette in dubbio la possibilità per i Tory di arrivare all'obbiettivo dichiarato dal premier britannico
ITALIA
10 ore
Torino: madre uccide figlia disabile a martellate
A dare l'allarme è stato il marito della donna, di 87 anni
FOTO
CINA
12 ore
Una marea mascherata manifesta per le strade a Hong Kong
Domenica in piazza per i pro-dem. 11 uomini fermati per possesso di armi, sequestrata un'arma da fuoco
FOTO
INDIA
12 ore
Furibondo rogo in una fabbrica di Nuova Dehli: in 43 perdono la vita
Lo stabile si trovava in una zona particolarmente angusta che ha messo in difficoltà i pompieri, le vittime sorprese nel sonno
REGNO UNITO
20.03.2019 - 13:580
Aggiornamento : 14:20

Theresa May ha chiesto il rinvio della Brexit

La premier britannica ha inviato una lettera al presidente del Consiglio europeo Donald Tusk, il limite temporale è fissato al 30 giugno. Oltre c'è sempre il no deal

LONDRA - La premier britannica Theresa May chiede all'Ue un rinvio della Brexit breve, limitato al 30 giugno. Lo ha detto la stessa May nel Question Time ai Comuni annunciando di aver inviato una lettera al riguardo al presidente del Consiglio europeo Donald Tusk.

May ha quindi escluso nettamente l'ipotesi di una proroga lunga, definendo «inaccettabile» la prospettiva che il Regno Unito possa dover partecipare alle prossime elezioni europee «a tre anni di distanza» dal risultato del referendum del 2016.

La premier, in un aspro botta e risposta con il leader dell'opposizione laburista, Jeremy Corbyn, ha puntato il dito contro il Parlamento, insistendo che è dovere della Camera dei Comuni attuare il risultato del referendum a favore della Brexit.

Corbyn ha sostenuto che il rifiuto di May di mettere sul piatto l'opzione di uno slittamento prolungato, contrasta con gli impegni presi a Westminster e rappresenta «un fallimento» e un cedimento ai brexiteer dell'esecutivo. La premier gli ha risposto di «non voler rispettare il risultato» del referendum. Quindi, respingendo le ipotesi di alternative al suo piano, ha notato come la Camera abbia votato contro un no deal, ma anche contro un referendum bis e contro la proposta alternativa di una Brexit più soft di Corbyn.


KEYSTONE/EPA (ANDY RAIN)

«Ora il Parlamento deve affrontare le conseguenze delle sue decisioni», ha tuonato la premier, indicando a questo punto il rinvio breve e la possibilità di recuperare l'accordo già raggiunto a novembre con Bruxelles come l'unica strada. Mentre ha escluso una revoca dell'articolo 50.

«Riporterò l'accordo» a Westminster - «Alcuni parlamentari hanno interpretato le parole» dello speaker come la necessità di «nuove modifiche all'accordo. Questo ha reso impossibile chiedere un nuovo voto prima del Consiglio europeo. Tuttavia, resto intenzionata a riportare l'accordo» a Westminster. Così ha scritto May nella lettera inviata a Tusk. La premier spiega di voler porre una «mozione per un'uscita ordinata dall'Ue» e «se sarà approvata, confido che il Parlamento ratificherà l'intesa in modo costruttivo».

Le procedure per un nuovo voto sull'accordo per la Brexit «non potranno essere completate prima del 29 marzo. Per questo motivo scrivo per informare il Consiglio europeo che il Regno Unito chiede una proroga dell'Articolo 50».

Niente estensione lunga - «Io mi oppongo a un'estensione lunga, non la voglio» ha aggiunto May, replicando al leader laburista Jeremy Corbyn ed escludendo in modo apparentemente definitivo un'opzione sulla Brexit che fino alla settimana scorsa aveva invece lasciato sul tavolo, seppure solo come teorica e da lei non gradita.

May ha spiegato in particolare di essere contraria a una partecipazione britannica al voto europeo (inevitabile in caso di allungamento dei tempi), mentre ha accusato Corbyn di essere oscillante e di strumentalizzare il dossier. «Questa Camera - ha proseguito la premier - s'è concessa troppo a lungo all'Europa: è tempo di attuare la volontà popolare, come il popolo merita».

«Descrivere il dibattito parlamentare come un cedimento (all'Ue) non è una manifestazione di gran rispetto verso il processo democratico che siamo tenuti a onorare qui», le ha risposto Corbyn, mentre dai banchi dell'opposizione saliva il grido «dimissioni» all'indirizzo della premier.


KEYSTONE/EPA (PARLIAMENTARY RECORDING UNIT HANDOUT)
Il nuovo termine auspicato è il 30 giugno, dopodiché ci sarebbe comunque un no deal.

Dopo il 30 giugno c'è il no deal - «Un'estensione» della scadenza della Brexit dal 29 marzo al 30 giugno «non toglie dal tavolo il no deal», che resta sullo sfondo come opzione inevitabile - secondo il governo britannico - se nel frattempo il Parlamento non ratificherà l'accordo di divorzio raggiunto con Bruxelles. Lo ha chiarito May rispondendo al deputato conservatore Richard Drax. «Io credo che sia tempo di attuare il voto popolare del 2016, senza ritardare la Brexit oltre il 30 giugno», ha tagliato corto May.

C'è un problema con la data - Il presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker ha messo in guardia Theresa May «dall'includere una data della proroga successiva alle elezioni europee. Il divorzio deve essere prima del 23 maggio, altrimenti ci saranno difficoltà istituzionali e incertezza legale. Nel caso di una proroga oltre il 23 maggio il Regno Unito dovrà organizzare delle elezioni». Così ha dichiarato il portavoce della Commissione europea Margaritis Schinas.

KEYSTONE/EPA (ANDY RAIN)
Guarda le 3 immagini
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-12-08 21:55:49 | 91.208.130.86