Keystone
L'autore britannico Alan Shadrake, entrato alla Corte Suprema di Singapore portando con sé un manifesto per una campagna per fermare la pena di morte il 27 maggio 2011.
SINGAPORE
20.05.2020 - 14:010

Condannato a morte in via virtuale per traffico di droga

Dura la risposta di Amnesty International, che critica l'approccio draconiano della città-Stato

SINGAPORE - Un cittadino della Malaysia accusato di traffico di droga è stato condannato a morte dalla Corte Suprema di Singapore durante un'udienza tenuta in videoconferenza sulla nota app Zoom.

Secondo quanto riporta il Guardian, è la prima volta che nella città-Stato viene emessa una sentenza capitale online. È un altro episodio a fare il giro del mondo e fare scalpore nei confronti delle pene messe in atto a Singapore.

Si tratta del 37enne Punithan Genasan, accusato di avere coordinato due corrieri nel 2011 nel traffico di almeno 28,5 grammi di eroina. L'uomo aveva negato qualsiasi coinvolgimento con i corrieri, ma la Corte aveva respinto l'argomento della difesa venerdì scorso.

Amnesty International ha subito duramente criticato la sentenza: «Una condanna a morte è sempre crudele e inumana, sia via Zoom sia in persona», ha detto Chiara Sangiorgio, consigliera dell'organizzazione per le questioni relative alla pena capitale.

Un portavoce della Corte Suprema di Singapore, riferendosi alla pandemia di coronavirus, ha spiegato che il caso Genasan è stato condotto online «per la sicurezza di tutte le parti coinvolte nel procedimento».

Tuttavia, secondo Sangiorgio «questo caso ci ricorda di nuovo che Singapore continua a sfidare la legge e gli standard internazionali imponendo la pena di morte per traffico di droga e come punizione obbligatoria. Questo deve finire adesso (...). È giunto il momento che il governo riveda il suo approccio draconiano e abolisca la pena di morte una volta per tutte».

Anche il gruppo umanitario "Human Rights Watch" ha commentato la faccenda con disprezzo. Come riferito da abcnews, «è scioccante che i procuratori e il tribunale siano così insensibili da non vedere che un uomo che rischia la pena capitale dovrebbe avere tutto il diritto di essere presente di persona per affrontare i suoi accusatori», ha dichiarato il Vice direttore del gruppo Asia, Phil Robertson. 

Singapore, lo ricordiamo, applica la pena di morte in risposta a una serie di reati tra cui il traffico di droga, l'omicidio, il rapimento, i reati contro il Governo e l'uso di armi da fuoco. Secondo le autorità locali, la pena capitale è un importante deterrente per i crimini più gravi.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-06-04 01:32:16 | 91.208.130.87