Keystone
STATI UNITI
09.04.2020 - 17:050
Aggiornamento : 18:10

Detroit peggio di New York: il personale medico è sovrastato dal numero di pazienti

I principali aggiornamenti a tema Covid-19 dal mondo

DETROIT - La città di Detroit in ginocchio, travolta dal numero dei contagi e dei morti causati dal coronavirus. La metropoli del Michigan, capitale dell'auto 'made in Usa', ha persino superato New York per tasso di mortalità.

Gli ospedali sono vicini al collasso, sommersi dal numero di persone che arrivano al pronto soccorso. In molti muoiono ancora prima di essere assistiti.

In uno dei principali ospedali, il Sinai-Grace Hospital, manca il personale medico e le attrezzature per gestire la crisi. Non ci sono stanze a sufficienza neanche per i pazienti attaccati ad un respiratore e molti di loro sono stati sistemati nei corridoi. «Abbiamo avuto decessi nei corridoi», ha detto un medico che ha chiesto l'anonimato, «perché gli infermieri si sono accorti che il paziente non aveva più il polso troppo tardi. Ogni infermiere ha troppi pazienti allo stesso tempo e non si riesce a gestirli tutti».

Secondo i dati della Johns Hopkins University il Michigan è il terzo stato dopo New York e New Jersey per numero di casi. Solo un mesi fa i contagi erano meno di 300 ora hanno superato i 20 mila.

NEW YORK - A New York nelle ultime 24 ore sono morte 799 persone a causa del coronavirus, il numero più alto da quando è esplosa la pandemia. Lo ha detto il governatore Andrew Cuomo.

I dati mostrano che "il killer silenzioso" ha ucciso a New York 4.132 persone in sei giorni. I decessi in totale sono 7.067: «L'11 settembre furono 2.753», ha sottolineato Cuomo.

GERMANIA - Sono 10.000 i posti in terapia intensiva attualmente liberi in Germania e 3000 i pazienti di Covid-19 che al momento vengono curati in terapia intensiva nel Paese: lo ha detto il ministro della Salute Jens Spahn in conferenza stampa a Berlino.

Nelle ultime due settimane in Germania sono arrivate 40 milioni di mascherine del tipo Ffp 2 e Ffp3, ha reso noto il ministro.

Lothar Wieler, il presidente del Robert Koch Institut ha aggiunto che «il numero delle nuove infezioni, nonostante tutte le misure adottate, è a un livello ancora alto e i numeri martedì e mercoledì erano più bassi».

Attualmente sono circa 5000 i nuovi casi al giorno, mentre nei giorni scorsi erano 4000. Continua a essere di 49 anni la media dell'età degli infettati, uomini e donne in ugual misura.

BRASILE - Il sindaco di Rio de Janeiro, Marcelo Crivella, ha pubblicato un'edizione extra della Gazzetta ufficiale in cui decreta lo stato di calamità pubblica nella città brasiliana a causa della pandemia di coronavirus: lo rende noto il sito di notizie G1. Il decreto dovrà ora essere approvato dall'Assemblea legislativa locale (Alerj), nella seduta attesa per martedì prossimo.

Il riconoscimento dello stato di calamità consente al Comune di non adempiere a diversi punti della legge sulla responsabilità fiscale, a condizione che vi sia un'approvazione da parte del parlamento statale. Nel decreto, il sindaco ha ricordato che il governo di Rio aveva già decretato la calamità pubblica il 20 marzo, mentre il governo federale ha fatto lo stesso il 2 aprile.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-08-14 22:29:53 | 91.208.130.86