keystone-sda.ch (ANSA/CLAUDIO PERI)
L'Italia valuta misure più drastiche per impedire la diffusione dei contagi.
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
MONDO
4 ore
«Non possiamo permettere alla pandemia di vanificare gli sforzi»
Oltre una settantina di Paesi ha carenze di farmaci antiretrovirali. In 24 di questi la situazione è molto critica
SPAGNA
5 ore
Immunità al Covid? In Spagna siamo solo al 5%
Lancet ha pubblicato i risultati di una vasta indagine sulla sieroprevalenza della popolazione spagnola
FRANCIA
6 ore
«Senza mascherina non salite»: autista picchiato a sangue
Il 50enne ha subito gravi lesioni alla testa e si trova in stato di morte cerebrale
REGNO UNITO
8 ore
Il Principe Andrea ha avvicinato un avvocato di “innominabili”?
Per affrontare gli strascichi dell'affaire Epstein, ricevendo però un no. Almeno stando al New York Times
MESSICO
11 ore
Piccolo aereo sospettato di trasportare droga atterra in autostrada
Trovati poco distanti dal luogo dell'incidente quasi 400 chili di cocaina
MONDO
13 ore
Il campo magnetico terrestre cambia 10 volte più velocemente del previsto
Lo hanno scoperto due team universitari, cambiando il metodo per misurarlo che si utilizzava fino a oggi
FOTO
GIAPPONE
14 ore
In Giappone 44 persone sono morte a causa delle piogge torrenziali
Non si placa il maltempo e 250mile persone sono state evacuate, procede la ricerca dei dispersi
RUSSIA
15 ore
Il cugino di Putin eletto capo del partito anti-corruzione
Il figlio ha invece dichiarato di volersi candidare con il partito alle prossime elezioni
CROAZIA
15 ore
In Croazia ha vinto l'Unione democratica di Plenkovic
I conservatori si confermano con un aumento di un solo punto percentuale rispetto all'ultima tornata elettorale
ITALIA
18.03.2020 - 15:120
Aggiornamento : 15:48

Appelli di restare a casa non ascoltati? Si valuta il divieto assoluto delle attività all'aperto

Uno studio ipotizza che le polveri fini abbiano accelerato la diffusione dell'infezione in Pianura Padana

Il presidente lombardo Fontana minaccia un inasprimento delle misure

ROMA - «Credo che nelle prossime ore bisognerà prendere in considerazione la possibilità di porre il divieto completo di attività all'aperto». Lo ha detto il ministro italiano dello Sport, Vincenzo Spadafora, intervistato dal Tg1 sulle misure anti Coronavirus.

«Abbiamo lasciato questa opportunità perché ce lo consigliava anche la comunità scientifica. Ma se l'appello di restare a casa non sarà ascoltato saremo costretti anche a porre un divieto assoluto», ha spiegato.

Fontana minaccia le misure forti - «Purtroppo i numeri del contagio non si riducono, continuano a essere alti. Fra poco non saremo più nelle condizioni di dare una risposta a chi si ammala». Lo ha dichiarato il presidente della Lombardia Attilio Fontana, chiedendo a tutti di restare a casa. «Amici io lo sto dicendo in modo educato, ma fra un po' bisognerà cambiare il tono perché se non la capite con le buone bisogna essere un pò più aggressivi anche nel farvela capire. Non vi stiamo chiedendo un sacrificio così, ma per salvare delle vite umane. Ogni uscita di casa è un rischio per voi e per gli altri». Fontana non esclude un inasprimento delle misure. «Per adesso ve lo chiediamo con la consueta tranquillità ma, se si dovesse andare avanti, chiederemo al governo anche le maniere forti».

Coronavirus e polveri fini - Le polveri sottili «accelerano la diffusione dell'infezione» da nuovo coronavirus, nel Nord Italia e in particolare nella Pianura Padana. È quanto emerge da uno studio della Società italiana di medicina ambientale (Sima) con le Università di Bologna e Bari.

Esaminati i dati relativi a tutte le centraline di rilevamento sul territorio italiano, insieme ai casi di contagio riportati dalla Protezione Civile: «Alte concentrazioni di polveri fini a febbraio in Pianura Padana hanno esercitato un'accelerazione anomala alla diffusione virulenta dell'epidemia», rileva lo studio. Secondo i ricercatori le polveri sottili «stanno veicolando il virus».

In Pianura Padana, «si sono osservate le curve di espansione dell'infezione che hanno mostrato accelerazioni anomale, in evidente coincidenza, a distanza di 2 settimane, con le più elevate concentrazioni di particolato atmosferico, che hanno esercitato un'azione di boost, cioè d'impulso alla diffusione virulenta dell'epidemia», sottolinea Leonardo Setti, ricercatore del dipartimento di Chimica dell'Università di Bologna. Che spiega: «Le alte concentrazioni di polveri registrate nel mese di febbraio in Pianura Padana hanno prodotto un'accelerazione alla diffusione del COVID-19. L'effetto è più evidente in quelle province dove ci sono stati i primi focolai».

Le polveri sottili, afferma Gianluigi de Gennaro, ricercatore al dipartimento di Biologia dell'Università di Bari, «stanno veicolando il virus. Più ce ne sono, più si creano autostrade per i contagi. È necessario ridurre al minimo le emissioni, sperando in una meteorologia favorevole».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-07-07 03:00:04 | 91.208.130.87