Deposit Phoros
AUSTRALIA
17.06.2019 - 09:360

I malati terminali potranno scegliere la morte assistita

La procedura seguirà lo schema «più conservativo al mondo»

MELBOURNE - Entra in vigore mercoledì, nello Stato australiano di Victoria (capitale Melbourne), la legge che permette la morte assistita a chi soffre di una malattia terminale. I pazienti potranno chiedere al medico farmaci letali per mettere fine alla propria vita.

La promulgazione fa seguito a un voto di coscienza e a un dibattito maratona durato oltre 100 ore in parlamento, un anno e mezzo dopo la sua presentazione.

La morte assistita sarà disponibile solo agli adulti di almeno 18 anni, cittadini australiani o residenti permanenti, con capacità di intendere e di volere, che soffrano di una malattia o condizione medica incurabile, avanzata e progressiva. Deve essere diagnosticato che muoiano entro sei mesi, o entro un anno per chi soffre di condizioni neurovegetative. È necessario che la persona abbia vissuto in Victoria almeno 12 mesi. I farmaci devono essere auto-somministrati.

È inoltre prescritto che il paziente abbia fatto richiesta di morte assistita al proprio medico in tre occasioni separate, una delle quali per iscritto. E due medici devono stabilire che siano presenti i requisiti legali dello schema. L'intera procedura non può richiedere meno di 10 giorni, a meno non si preveda che la persona venga meno prima.

Il premier laburista del Victoria, Daniel Andrews, ha descritto lo schema come "il più conservativo al mondo", che ha già ricevuto circa 100 richieste di informazione. "È stato un lungo percorso per tanti che hanno invocato scelte più dignitose e compassionevoli per mettere fine alla vita di una persona", ha aggiunto. Ha sottolineato che la normativa contiene 68 clausole di salvaguardia, osservando che alcuni sostenitori della morte assistita considerano lo schema come troppo difficile da accedere.

In preparazione delle nuove norme, circa 100 medici, tra generici, specialisti in oncologia e in cure palliative, hanno avviato corsi obbligatori di formazione per facilitare lo schema. Una task force di implementazione è già impegnata nella preparazione dei servizi sanitari, ospedalieri e medici per implementare le procedure.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
seo56 1 anno fa su tio
Bene!
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-09-28 12:15:29 | 91.208.130.89