CANADA
17.10.2017 - 19:030
Aggiornamento : 23:01

Il parto, poi il dramma: amputate braccia e gambe

Una 33enne è stata colpita da fascite necrotizzante, secondo il suo legale l'infezione è stata causata da errori medici e ha fatto causa all'ospedale e a cinque dottori

HALIFAX - Una 33enne canadese, Lindsey Hubley, ha subito l'amputazione di tutti e quattro gli arti a causa di una fascite necrotizzante, contratta all'ospedale di Halifax e diagnosticata solo quattro giorni dopo aver dato alla luce suo figlio.

La storia viene raccontata dai media canadesi e da una pagina di raccolta fondi. Dopo il parto, avvenuto lo scorso 2 marzo, sembrava che tutto fosse regolare dopo essere tornata a casa Lindsey è stata molto male. Tornata in ospedale i medici si sono accorti che era in corso una tremenda infezione, che l'ha portata a un passo dalla morte. I medici hanno dovuto porla in stato di coma indotto e, per salvare la vita, si sono trovati costretti ad amputarle gambe e braccia.

Il legale della donna addebita l'infezione ad errori medici immediatamente successivi al parto e avvenuti anche nelle prime fasi del nuovo ricovero e ha citato in giudizio cinque medici, oltre all'ospedale.

Ora Lindsey sta meglio: dopo mesi di cure l'infezione è stata debellata ma la 33enne, già sottoposta a una quindicina d'interventi chirurgici, necessita di ulteriori cure e di un trapianto di fegato. Sulla pagina creata appositamente su GoFundMe sono stati raccolti quasi 100mila dollari. La strada verso una completa guarigione è ancora lunga, e in lei e nel compagno c'è il rimpianto di aver dovuto trascorrere in ospedale i primi sette mesi di vita di loro figlio, Myles.

Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-21 18:24:05 | 91.208.130.86