ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
STATI UNITI
6 min
«Fateci pagare più tasse»
Numerosi milionari e miliardari sono disponibili a finanziare la risposta all'emergenza coronavirus
FRANCIA
29 min
Macron vuole la mascherina obbligatoria in Francia
La misura, che dovrebbe partire dal primo agosto, verrebbe applicata nei luoghi pubblici chiusi
SPAGNA
1 ora
Inglesi irresponsabili a Magaluf, la rabbia dei residenti
Ubriachi ed esagitati, i turisti in questione non indossano mascherine e non mantengono le distanze sociali
CINA
1 ora
Platino e lapislazzuli: un Rolex da oltre 3 milioni di dollari
L'esemplare, datato 1999, è stato battuto all'asta a Hong Kong da Sotheby's
GERMANIA
1 ora
Continua la caccia al "Rambo della Foresta nera"
Il 31enne, armato, ha fatto perdere le proprie tracce dopo aver aggredito quattro poliziotti.
ARGENTINA
3 ore
In mare per oltre un mese, si ammalano di Covid-19
Il mistero del peschereccio Echizen Maru. Una sessantina di persone sono risultate positive al coronavirus
STATI UNITI
3 ore
Eseguita la prima condanna a morte federale dal 2003
Daniel Lee era accusato di aver ucciso una famiglia per realizzare una nazione "solo bianca"
ITALIA
3 ore
Fondi Covid-19: 45mila euro ottenuti dalla 'Ndrangheta
Le indagini della divisione antimafia hanno portato a otto arresti e al sequestro di 7,5 milioni di euro
MAROCCO
5 ore
Otto milioni di montoni selezionati per il sacrificio
È in avvicinamento la Festa del Sacrificio, un appuntamento religioso molto importante per i musulmani
SPAGNA
5 ore
Un virus bancario camuffato in un'app
Migliaia di persone sono state colpite da Cerberus
BRASILE
6 ore
Un nuovo tampone per Bolsonaro
«Attendo con ansia il risultato perché non sopporto più la routine di restare a casa», ha dichiarato
CINA
6 ore
Bus nel bacino idrico, si è trattato di un gesto intenzionale
L'uomo aveva appena perso la casa, rivelano le indagini. Nell'incidente sono morte 21 persone
REGNO UNITO
6 ore
Falso allarme bomba su un volo Ryanair, arrestate due persone
Partito da Cracovia, l'aereo era diretto a Dublino, ma era poi stato deviato su Londra
GIAPPONE
7 ore
Il maltempo oscura il Sol Levante
Il bilancio conta 72 vittime e i danni stimati dal ministero dell'Agricoltura hanno superato i 160 milioni di franchi
ITALIA
31.07.2017 - 19:010

Raoul Bova rompe il silenzio dopo la condanna

L'attore è stato condannato per reati di natura fiscale

ROMA - «Il silenzio, in alcuni casi, suona come una condanna ed è per questo che voglio precisare alcuni fatti». Raoul Bova ha rotto per la prima volta il silenzio dopo la condanna ad un anno e sei mesi per reati di natura fiscale. Le parole dell'attore sono state diffuse attraverso il suo profilo Instagram.

«È da anni che subisco continui controlli, sequestri preventivi, interrogatori e richieste di pagamento da parte dell'Agenzia delle Entrate, risultate e giudicate poi infondate. Preciso che ho sempre pagato il dovuto e non sono stato condannato per evasione fiscale (nè per altri reati), ma sono stato condannato in primo grado semplicemente a causa di un contratto che ho stipulato con la mia società di produzione che curava e gestiva, in assoluta trasparenza, la mia immagine: contratto lecito e utilizzato da moltissimi protagonisti del mondo dello spettacolo in Italia e all'estero», ha fatto sapere Raoul.

«Il tribunale penale di Roma ha ritenuto tale contratto, suggerito e gestito dal mio commercialista dell'epoca, illecito, mentre altri giudici, quelli tributari di Roma, lo hanno considerato a tutti gli effetti lecito e valido. Sono colpevole solo di non essermi laureato in Economia e Commercio e di non essere stato in grado di gestirmi da solo la contabilità. Mi sono affidato ad un professionista che ha operato, per quanto nelle mie conoscenze, in completa trasparenza. Vedremo quello che succederà nei prossimi gradi di giudizio», ha spiegato il sex symbol italiano.

«Spero che i giudici dell'Appello restituiranno spazio alla certezza del diritto. Così come spero che la mia dignità, ingiustamente trascurata e addirittura calpestata, ritorni ad avere il rispetto che merita anche da parte dei poteri mediatici, che mi hanno trattato come fossi un delinquente comune e un truffatore fiscale, coinvolgendo nel disonore la mia famiglia e provocando la rottura di miei importanti contratti pubblicitari», ha aggiunto il romano.

Poi la conclusione con un augurio: «Malgrado tutto ho fiducia nella giustizia e attendo che i miei diritti e la mia immagine vengano ripristinati da una giusta sentenza nel rispetto dei tempi e delle regole».

 

Il silenzio, in alcuni casi, suona come una condanna ed è per questo che voglio precisare alcuni fatti. È da anni che subisco continui controlli, sequestri preventivi, interrogatori e richieste di pagamento da parte dell'Agenzia delle Entrate, risultate e giudicate poi infondate. Preciso che ho sempre pagato il dovuto e non sono stato condannato per evasione fiscale (nè per altri reati), ma sono stato condannato in primo grado semplicemente a causa di un contratto che ho stipulato con la mia società di produzione che curava e gestiva, in assoluta trasparenza, la mia immagine: contratto lecito e utilizzato da moltissimi protagonisti del mondo dello spettacolo in Italia e all'estero. Il Tribunale penale di Roma ha ritenuto tale contratto, suggerito e gestito dal mio commercialista dell'epoca, illecito, mentre altri Giudici, quelli Tributari di Roma, lo hanno considerato a tutti gli effetti lecito e valido. Sono colpevole solo di non essermi laureato in Economia e Commercio e di non essere stato in grado di gestirmi da solo la contabilità. Mi sono affidato ad un professionista che ha operato, per quanto nelle mie conoscenze, in completa trasparenza. Vedremo quello che succederà nei prossimi gradi di giudizio. Spero che i giudici dell'Appello restituiranno spazio alla certezza del diritto. Così come spero che la mia dignità, ingiustamente trascurata e addirittura calpestata, ritorni ad avere il rispetto che merita anche da parte dei poteri mediatici, che mi hanno trattato come fossi un delinquente comune e un truffatore fiscale, coinvolgendo nel disonore la mia famiglia e provocando la rottura di miei importanti contratti pubblicitari. Malgrado tutto ho fiducia nella giustizia e attendo che i miei diritti e la mia immagine vengano ripristinati da una giusta sentenza nel rispetto dei tempi e delle regole.. Non smetterò di Vivere nel rispetto delle regole e del prossimo non smetterò di aiutare chi ha bisogno e non me ne andrò ,anche se qualcuno lo vorrebbe da questo paese che Amo .

Un post condiviso da Raoul Bova (@raoulbovareal) in data:


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-07-14 19:15:19 | 91.208.130.89