Immobili
Veicoli
E ora cosa succederà alla politica e all'economia dello Sri Lanka?

SRI LANKAE ora cosa succederà alla politica e all'economia dello Sri Lanka?

11.07.22 - 18:30
Prosegue nel frattempo l'occupazione dei principali edifici governativi a Colombo, tra stupore dei cittadini e selfie
Reuters
E ora cosa succederà alla politica e all'economia dello Sri Lanka?
Prosegue nel frattempo l'occupazione dei principali edifici governativi a Colombo, tra stupore dei cittadini e selfie

COLOMBO - Dopo le dimissioni del primo ministro Ranil Wickremesinghe e la cacciata del presidente Gotabaya Rajapaksa dal palazzo, lo Sri Lanka si trova in una dimensione politica sospesa. 

Flagellato dai debiti, e colpito duramente dalla pandemia che ha azzerato il turismo, il Paese nel 2022 ha assistito ad un'inflazione del 55%. Una crisi economica che è scaturita in proteste già a fine marzo, per poi culminare a con l'assalto della residenza presidenziale di sabato

Ma cosa succederà ora? Quali sono le prospettive per lo Sri Lanka? Ora toccherà al presidente del parlamento avviare l'iter verso la nuova amministrazione. Un compito tutt'altro che facile: il parlamento dovrà infatti eleggere una figura che possa ottenere il sostegno della maggioranza dei legislatori. Ma il partito del presidente Rajapaksa in questo momento ha ancora la maggioranza. 

Inoltre il Paese, come ricorda Al Jazeera, è in ballo con l'FMI per un prestito EFF (Extended Fund Facility). Per ottenerlo tuttavia lo Sri Lanka deve presentare un governo solido. 

Selfie di turisti e curiosi all'interno del palazzo - Nel frattempo prosegue l'occupazione dei principali edifici governativi di Colombo, incluso il palazzo presidenziale e la residenza del primo ministro. Dopo i disordini registrati sabato, dove alcune aree sono state date alle fiamme e altre messe totalmente a soqquadro, negli ultimi giorni la residenza del presidente è stata anche oggetto di visite da parte di curiosi cittadini che hanno approfittato dell'occasione per visitarla. 

Armati di smartphone, i "turisti" si sono scattati selfie all'interno delle varie zone del palazzo presidenziale, mentre suonavano il pianoforte, seduti alle scrivanie, sdraiati sul letto a baldacchino o immersi nella piscina della residenza. 

Una visita, quella improvvisata alla residenza del presidente, che non ha fatto altro che alimentare il senso di sconforto nei cittadini: «Noi facciamo la fila per avere il cherosene, il gas e il cibo, ma la famiglia Rajapaksa conduceva una vita decisamente diversa» ha raccontato un visitatore del palazzo alla Bbc.

E proprio i manifestanti riuniti nella residenza presidenziale hanno anche trovato un tesoretto di milioni di rupie srilankesi, pari a circa 49'000 franchi, nascosto all'interno dell'edificio. Il gruzzolo è stato poi consegnato alla polizia. 

NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE DAL MONDO