Immobili
Veicoli
AFP
MONDO
28.10.2021 - 23:250

Incidenti mortali, l'OMS vuole ridurli del 50% in dieci anni

Ogni giorno muoiono 3'500 persone sulle strade. All'anno sono più di un milione, e quasi tutte evitabili.

«Gran parte di questa sofferenza è prevenibile, rendendo strade e veicoli più sicuri e promuovendo la sicurezza a piedi, in bicicletta e un maggiore utilizzo dei trasporti pubblici» ha dichiarato il direttore dell'OMS.

GINEVRA - Ridurre del 50% i decessi e i feriti causati dagli incidenti stradali entro il 2030. È questo l'obiettivo del nuovo programma dell'OMS, che oggi da Ginevra ha dato il via al decennio di lavoro. 

Più di un milione di morti all'anno - A livello globale, più di 3'500 persone muoiono ogni giorno sulle strade, il che equivale a quasi 1,3 milioni di morti evitabili e a circa 50 milioni di feriti ogni anno. Gli incidenti stradali sono il principale killer di bambini e giovani in tutto il mondo, e una delle principali cause di morte a livello globale, anche se la maggior parte è evitabile. Nel prossimo decennio, allo stato attuale, gli incidenti sono destinati a causare ulteriori 13 milioni di morti e 500 milioni di feriti, in particolare nei paesi a basso e medio reddito. 

«La perdita di vite umane e mezzi di sussistenza, le disabilità, il dolore, il lutto, e i costi finanziari causati dagli incidenti stradali si sommano a un tributo intollerabile per famiglie, comunità, società e sistemi sanitari», ha dichiarato Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell'OMS. «Gran parte di questa sofferenza è prevenibile, rendendo strade e veicoli più sicuri e promuovendo la sicurezza a piedi, in bicicletta e un maggiore utilizzo dei trasporti pubblici».

«Uno dei modi migliori per salvare e migliorare la vita è rendere le nostre strade più sicure, ma questo impegno spesso non ottiene l'attenzione che merita», ha aggiunto Michael R. Bloomberg, fondatore di Bloomberg LP e Bloomberg Philanthropies e ambasciatore dell'OMS per le malattie e le lesioni non trasmissibili. «Bloomberg Philanthropies lavora per migliorare la sicurezza stradale dal 2007 rafforzando le leggi, aumentando l'applicazione, ridisegnando le strade e utilizzando i dati. Sono lieto di dire che l'ambizioso piano globale dell'OMS per la sicurezza stradale include molte delle strategie che abbiamo utilizzato per salvare vite umane e aiuterà i governi di tutto il mondo a fare della sicurezza stradale la massima priorità».

«Più morti della prima guerra mondiale» - Il Piano Globale include un'azione rapida per rendere sicuri gli spostamenti a piedi, in bicicletta e l'utilizzo dei mezzi pubblici, ma anche garantire strade sicure, così come i veicoli e i comportamenti, che devono seguire regole precise. E non da ultimo garantire un pronto intervento tempestivo ed efficace. I dati, gli strumenti e le conoscenze raccolte nell'ultimo decennio aiuteranno i governi all'azione, auspica l'OMS. 

«Più di 50 milioni di persone sono morte sulle strade del mondo dall'invenzione dell'automobile. Questo è più del numero di morti nella prima guerra mondiale o in alcune delle peggiori epidemie» ha dichiarato il dottor Etienne Krug, direttore del dipartimento dei determinanti sociali della salute. «È tempo di mettere in atto ciò che sappiamo che funziona e passare ad un trasporto molto più sicuro e salutare. Questo nuovo piano condurrà i paesi su un percorso più sostenibile».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-19 00:31:45 | 91.208.130.85