Keystone
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
Regno Unito
7 ore
Uccisa a coltellate mentre raggiungeva un'amica al bar
I londinesi hanno organizzato ieri sera una veglia in suo onore
PIANETA
9 ore
Chi è libero, su internet? Gli islandesi alla grande, i cinesi, invece...
Maglia nera alla Cina, in particolare per l'ampia censura
Afghanistan
11 ore
I talebani espongono sette impiccati
Non è chiaro in quali circostanze siano stati giustiziati gli uomini, se prima o dopo il loro arresto
Croazia
12 ore
Tre bambini morti strangolati, il principale sospettato è il padre
Quello che doveva essere un tranquillo weekend con i figli, è diventato un fatto di sangue
NIGERIA
16 ore
Attacco jihadista, 8 soldati uccisi
È successo nella regione del Borno, nel nord-est della Nigeria
CANADA/CINA
17 ore
Lady Huawei è tornata a casa
La direttrice finanziaria del colosso cinese era stata arrestata nel 2018 in Canada. È stata estradata
STATI UNITI
1 gior
Sgomberati tutti i migranti accampati al confine
Non c'è più nessuno sotto il ponte di Del Rio, alla frontiera messicana
STATI UNITI
1 gior
Linda Evangelista chiede 50 milioni di dollari
La top model vuole essere risarcita per il «disagio emotivo» e per le perdite economiche subite
NUOVA ZELANDA
1 gior
Vai al fast food e ricevi il vaccino
È quanto sta pensando di attuare il governo della Nuova Zelanda, in trattative con KFC
GERMANIA
1 gior
Un testa a testa per la Cancelleria
Scholz:«Sento che la gente vuole una svolta». Merkel nell'ultimo dibattito: «Dovrà essere Laschet»
ITALIA
1 gior
Puigdemont può lasciare la Sardegna
Lo ha detto l'avvocato dell'ex presidente della Catalogna. Non ci sarebbero misure cautelari di alcun genere
NORVEGIA
1 gior
L'abbraccio liberatorio: «Torniamo alla vita normale»
Niente più distanziamento sociale, basta limiti agli eventi. Una decisione possibile «grazie alla campagna vaccinale»
FOTO
SPAGNA
1 gior
«Fenomeni esplosivi», le autorità ordinano di non uscire di casa
È prevista «un'intensa emissione di cenere» dal Cumbre Vieja
GERMANIA
1 gior
«Nessuno sta facendo abbastanza per la crisi climatica»
La giovane attivista si è rivolta ai manifestanti dal palco, esortandoli ad andare a votare
ITALIA
1 gior
Puigdemont torna libero
Resta da prendere una decisione sull'estradizione in Spagna
INDIA
1 gior
Gangster assassinato in tribunale da due killer
Jitender Maan Gogi era comparso in aula per rispondere delle varie accuse a suo carico
PAESI BASSI
1 gior
A 12 anni vince la causa contro il padre No-vax
Il papà non voleva che il figlio si vaccinasse. Il tribunale dà ragione al ragazzo.
AFGHANISTAN
1 gior
Parla uno dei leader talebani: «Tornano esecuzioni ed amputazioni»
Il Ministro responsabile delle carceri ha giustificato le due misure: «Necessarie per la sicurezza»
ITALIA / BELGIO
1 gior
Puigdemont in manette: scatta il ricorso alla Corte Ue
Lo ha annunciato l'avvocato. Si tratta di chiedere la revoca della sospensione dell'immunità parlamentare
GIAPPONE
1 gior
Trova 16mila franchi fra i giornali, ma decide di restituirli
Se nessuno reclamerà i soldi entro tre mesi, l'impiegato nella raccolta della carta potrà tenerseli.
STATI UNITI
1 gior
Caso Floyd, l'ex agente Chauvin contesta la condanna
L'ex ufficiale, lo ricordiamo, è stato condannato a 22 anni e sei mesi di prigione
PENISOLA COREANA
1 gior
Finire la guerra tra le due Coree? «Idea ammirevole»
La proposta di dichiarare la fine formale della guerra di Corea è arrivata del Presidente sudcoreano Moon Jae-in
ITALIA
1 gior
Puigdemont in manette ad Alghero
Il giudice dovrà ora decidere «se rilasciarlo o ordinare l'estradizione» in Spagna
STATI UNITI
1 gior
Entra al supermercato e apre il fuoco: un morto e 12 feriti
Per gestire la situazione sono intervenuti gli agenti speciali SWAT, il killer sarebbe morto
MONDO
1 gior
Oggi ripartono gli scioperi per il clima
Fridays for Future torna in piazza con lo slogan #Sradica il sistema
FOTO
SPAGNA
2 gior
La promessa di Felipe agli abitanti di La Palma
Prosegue l'eruzione del vulcano Cumbre Vieja
GERMANIA
2 gior
Socialdemocratici sempre in vantaggio
Cdu/Csu staccati di poco, più indietro i Verdi
STATI UNITI
26.02.2021 - 09:230
Aggiornamento : 13:10

Attacchi in Siria: quando Biden e la sua portavoce criticavano Trump

Dopo il raid nella notte, emergono tweet che fanno indignare anche i sostenitori del neopresidente.

Nelle sue promesse elettorali Biden scriveva: «L'uso della forza dovrebbe essere la nostra ultima opzione». Dopo 36 giorni alla Casa Bianca, però, ha già bombardato in Siria.

WASHINGTON - La notizia dell'attacco americano in Siria ordinato da Joe Biden non ha fatto in tempo a diffondersi che subito sono riemersi tweet in cui il neopresidente americano, allora solo un candidato, e la sua portavoce, Jen Psaki, criticavano i raid nel Paese mediorientale condotti da Donald Trump. E sui social, gli apparenti doppi standard del nuovo inquilino della Casa Bianca e i dubbi sulle sue vere priorità stanno già facendo discutere.

«Qual è l'autorità legale per gli attacchi?», scriveva nell'aprile del 2017 Psaki in seguito a un raid ordinato da Trump. «Assad è un dittatore brutale, ma la Siria è un Paese sovrano», aggiungeva.

In un tweet dell'ottobre 2019, l'allora candidato democratico alla Casa Bianca, Joe Biden, criticava invece l'«impulsività» dell'allora comandante in capo americano: «Questo pomeriggio discuterò delle recenti azioni di Donald Trump in Siria e di come le sue decisioni imprevedibili e impulsive mettano in pericolo le nostre truppe e ci rendano meno sicuri», scriveva il 78enne. Si parlava allora di ritiro delle truppe americane dal Paese mediorientale.

I cinguettii di Psaki e Biden e la decisione stessa di agire in Siria anziché occuparsi di altre priorità hanno generato una sequela di commenti negativi e sarcastici su Twitter. 

A cominciare dalla deputata progressista Ilhan Omar, che non è esattamente una sostenitrice del moderato presidente democratico, membro del suo stesso partito. «Bella domanda», scrive sarcastica come fa notare Fox News la 38enne di origine somala condividendo il vecchio tweet in cui l'attuale portavoce della Casa Bianca chiedeva quale «autorità legale» avesse Trump per bombardare la Siria.

Con l'hashtag #syria, già di tendenza negli Stati Uniti, però, le critiche alla decisione del presidente americano si sprecano.

«Abbiamo detto "Cancella il debito studentesco" non "Bombarda la Siria"», scrive per esempio l'attivista per i diritti degli afroamericani Zellie Imani.

«La Siria è stata bombardata più in fretta di quanto abbiate ricevuto i vostri assegni da 2'000 dollari» per la ripresa dopo il Covid-19, ironizza un ex membro del comitato di consulenti per la politica estera della campagna elettorale di Donald Trump del 2016, George Papadopoulos.

«Non abbiamo fatto diventare blu la Georgia perché Biden conducesse raid aerei in Siria», ricorda dal canto suo l'attore afroamericano Ja'Mal Green facendo riferimento alla vittoria democratica nello Stato del Sud. «Abbiamo fatto diventare blu la Georgia per i nostri assegni per la ripresa da 2'000 dollari», continua.

Persino la celebre pornoattrice americana-libanese Mia Khalifa attacca il neo presidente democratico, sempre sul tema dello "stimolo" per la ripresa. «A Biden è servito meno di un mese in carica per bombardare la Siria, ma dov'è l'assegno per lo stimolo al quale io non ho diritto!!!!», si chiede.

Jack Posobiec, pur noto complottista della destra alternativa americana, ricorda invece, non completamente a torto, un altro tweet di Biden, del gennaio 2020. «Siamo chiari: Donald Trump non ha l'autorità di trascinarci in una guerra con l'Iran senza l'approvazione del Congresso», scandiva l'allora candidato alle primarie democratiche. «Un presidente non dovrebbe mai portare questa nazione in guerra senza il consenso informato del popolo americano», aggiungeva.

«Questo è il tipo che ha appena bombadato la Siria», il commento di Posobiec.

Che l'uso della forza in politica estera facesse parte delle intenzioni di Biden, però, era scritto nero su bianco sul suo programma elettorale. «Come presidente, Biden non esiterà mai a proteggere il popolo americano, compreso se necessario attraverso l'uso della forza», si legge ancora sul sito della sua campagna elettorale. «Ma l'uso della forza dovrebbe essere la nostra ultima opzione, non la prima», precisa il testo. 

C'è da chiedersi se, a soli 36 giorni dal suo insediamento, Joe Biden sia già arrivato alla sua «ultima opzione» in Siria. È più probabile che, per giustificare la sua scelta, il neopresidente americano si concentri sulla prima parte della sua promessa: «Non esiteremo mai a proteggere il popolo americano, compreso se necessario attraverso l'uso della forza». 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Tenero72 7 mesi fa su tio
Cambiano i presidenti, ma sopra di loro resto lo stesso “governante”....
Tato50 7 mesi fa su tio
Occhio per occhio per far capire che toccare gli USA anche fuori dal loro territorio ci si può fare male ;-))
Baba 7 mesi fa su tio
non capisco perché la gente si meraviglia??? usa = guerra
Equalizer 7 mesi fa su tio
L'agire di Biden mi ricorda un vecchio video satirico dei Genesis con Ronald Regan.
Pongo 7 mesi fa su tio
eh ma sostiene i neri e le donne quindi va bene ed è bravo <3
Roger1980 7 mesi fa su tio
@Pongo già 😂
seo56 7 mesi fa su tio
Adesso tutti a rimpiangere Trump!!
cle72 7 mesi fa su tio
@seo56 Io no di sicuro!
Uluru 7 mesi fa su tio
Beh, se vuole il nobel per la pace deve iniziare subito a bombardare
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-26 02:01:16 | 91.208.130.85